Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

Aggiornamento

Danza delle mascherine 5) Da giorni sopportavo una dolorosa infiammazione gengivale al molare superiore dx cosiddetto del giudizio. Tortura finita nel sollievo di una gloriosa estrazione in piena pandemia, a carico di bravissime professioniste di un pronto soccorso dentale nella vicina Scandicci. Poi ho faticato a ripartire col racconto, mi sono un po’ smarrito in […]

Danza delle mascherine

5) Da giorni sopportavo una dolorosa infiammazione gengivale al molare superiore dx cosiddetto del giudizio. Tortura finita nel sollievo di una gloriosa estrazione in piena pandemia, a carico di bravissime professioniste di un pronto soccorso dentale nella vicina Scandicci. Poi ho faticato a ripartire col racconto, mi sono un po’ smarrito in mezzo a beghe e necessità del periodo.
A un certo punto si è illuminato un famoso occhio, quello che ti guarda dalla cima di una famosa piramide. Uno sguardo cibernetico che mi ha trascinato in una montagna di memorie, scatenando sete di verità e voglia di sapere. Astronomia, antropologia, scienze computazionali, sport, politica, cibo, eccetera eccetera, tutto quello che passava per l’umano convento, condito con speranze, utopie e buon pane, con #lievitomadre in polvere.
Leggendo in giro scopri che molto probabilmente il nostro pianeta cesserà di essere abitabile tra circa un miliardo e settecentocinquanta milioni di anni; dai 1.750 ai 3.250 milioni d’anni, quando le evaporazioni del sole, che si avvicina sempre di più al suo giardino terrestre, produrranno temperature insopportabili per chiunque presenzierà tale periodo, piante, bestie, virus e batteri. Grosso modo resta più o meno davanti un 12,774 % di tempo, centinaia di migliaia di volte il tempo che abbiamo vissuto fin qui, prima che abbia inizio la fine del mondo.
In teoria potremmo o dovremmo vivere ancora a lungo, riprodurci con piacere e continuare a crescere come stirpe in mezzo a una natura che tra magie e misteri, è ancora e sempre padrona del nostro destino.
Nella profondità della notte serena mi sovvengono amletici dubbi con tanto di teschio di Yorick in mano: “0,0002, avremmo già vissuto abbastanza o siamo solo all’inizio di un cammino? Questa sarebbe una questione. Insomma sì o no?”
Riappare beffardo l’occhio sulla piramide che senza parole mi chiede: “Lo sai tu povero uomo, quante vite precedenti alla tua ci sono volute per permetterti di stare seduto lì a quest’ora, a scrivere cazzate sul pc?”
Ci rifletto un attimo ma, tutti i tentativi di andare oltre ai cari enigmatici nonni sono stati infruttuosi, specie con uno che si vantava della sua origine incerta. All’indietro non superiamo il 19° secolo.
“Vediamo,” disse l’occhio senza battere ciglia. “Si calcola che gli ominidi erectus abbiano iniziato a deambulare per le terre emerse da poco più di 2 milioni di anni, e pare che ci siano stati circa 85 miliardi di accoppiamenti tra persone prima di voi, che in vita siete quasi 7 miliardi. E continuate a duplicarvi con 237 mila bambini al di, uno ogni 4,2 secondi. L’occhio si spegne in mezzo a un tripudio di numeri e io mi ritrovo accasciato sul tavolo diversamente sveglio. PS:…
Cont…

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

Questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti per aiutarci a migliorare la tua esperienza di navigazione quando lo visiti. Proseguendo nella navigazione nel nostro sito web, acconsenti all’utilizzo dei cookie. Se vuoi saperne di più, leggi la nostra informativa sui cookie