Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

Aggiornamento

Va bene oggi ho pubblicato su iinstagram un nuovo racconto di Centogiorni e una notte, ma qui vi vorrei narrar di un certo merlo indiano che ho assunto alle mie dipendenze e che ha il compito, proprio su Instagram, di tener lontani i furbetti e i rompiscatole. Di solito se ne sta tranquillo nella sua […]

Va bene oggi ho pubblicato su iinstagram un nuovo racconto di Centogiorni e una notte, ma qui vi vorrei narrar di un certo merlo indiano che ho assunto alle mie dipendenze e che ha il compito, proprio su Instagram, di tener lontani i furbetti e i rompiscatole. Di solito se ne sta tranquillo nella sua gabbietta, ma ieri, stanco dei continui messaggi inopportuni, ha aperto il becco e: “Lasciate in pace Benedetta, lasciate in pace Benedetta!”. E speriamo che il messaggio arrivi ai tanti che scrivono così: “I tuoi post sono ottimi, 6 brand ti vogliono pagare per scrivere per loro. Contattami al tale account privato”. Che noia, che barba. Il merlo indiano ha proprio ragione. E sapete? GIà che c’era, non ha smesso di parlare e, aprendo di bel bello il becco, ha urlato a squarciagola: “Prenotate Cuoresardo di Benedetta, prenotate Cuoresardo di Benedetta, prenotate Cuoresardo di Benedetta!” Io l’ho lasciato fare, casomai servano le vecchie usanze del banditore e poi, quando si è stancato, gli ho dato un premietto in parmigiano.

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

Questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti per aiutarci a migliorare la tua esperienza di navigazione quando lo visiti. Proseguendo nella navigazione nel nostro sito web, acconsenti all’utilizzo dei cookie. Se vuoi saperne di più, leggi la nostra informativa sui cookie