Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

Aggiornamento

Ero in spiaggia, questa mattina, presto presto, e il mare come un grande specchio d’argento e mentre sono lì, immersa fino al collo, la cipolla dei capelli attorcigliata sulla nuca, e in beatitudine, vedo da lontano arrivar Marianna con le braccia inalberate e so che mi deve dire qualcosa di importante e di grande. Infatti. […]

Ero in spiaggia, questa mattina, presto presto, e il mare come un grande specchio d’argento e mentre sono lì, immersa fino al collo, la cipolla dei capelli attorcigliata sulla nuca, e in beatitudine, vedo da lontano arrivar Marianna con le braccia inalberate e so che mi deve dire qualcosa di importante e di grande. Infatti. Mi invita a un matrimonio a Oliena, dove canterà il coro “Nugoro Amada” e se desidero andare con uno dei cantori devo farmi la doccia in un fiat, indossare un abitino elegante e trovarmi all’ora tale nel posto tal dei tali.
Sìsìsì, il cuore mette l’ali e sono già al crocicchio e in macchina. Slam, lo sportello sbatte e via verso Nuoro e poi a Oliena, che è un paesino della Barbagia, protetto come da ali d’angelo dal monte Corrasi. Dalla piazzetta pulita lamontagna azzurra pare un lenzuolo di gigante steso al sole e tanto belloo che splende come antipasto di cielo. Il matrimonio si celebra nella chiesa dedicata a Sant’Ignazio di Loyola e i cantori, in costume nuorese, con il gonnellino di orbace, il giacchino in velluto blu, la camicia a maniche larghe e tutta plissettata sul collo. Cantano “Mama e su nie” e sale la mia preghiera fin lassù in cima al monte Corrasi, cantano l’Alleluya in toni di basso, ed è stupore e meraviglia insieme. Cantano “Panis angelicus” e il pane del cielo riempie tutta la chiesa. Cantano una stupenda “Ave Maria” e fanno un anello intorno agli sposi. Che bellezza!
La Messa è finita e in un bel baretto olienese prendiamo un sorso di fresco e mentre parlo con il maestro del coro, i cantori cantano tra loro m in gicoco quasi, canzoni d’amore e d’amicizia, il bar si affolla per il richiamo musicale e poi mi ritrovo, io proprio io, al centro del cerchio, e tutt’intorno la stupenda “No potho reposare”. La Sardegna viva, vera, rotonda, ha un profondo, immortale, autentico cuoresardo che m’abbraccia. Grazie!

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

Questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti per aiutarci a migliorare la tua esperienza di navigazione quando lo visiti. Proseguendo nella navigazione nel nostro sito web, acconsenti all’utilizzo dei cookie. Se vuoi saperne di più, leggi la nostra informativa sui cookie