Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

Aggiornamento

Coltiva te stesso – Note (personali) a margine 3 – CORRERE Q.B. Il secondo capitolo del libro è dedicato al Corpo e all’importanza di tutelarne l’elasticità, il tono e la mobilità. Infinite sono le strade, le opzioni che abbiamo a disposizione a seconda dei nostri gusti, esigenze e caratteristiche: dal fitness (nelle sue molteplici sfumature) […]

Coltiva te stesso – Note (personali) a margine

3 – CORRERE Q.B.

Il secondo capitolo del libro è dedicato al Corpo e all’importanza di tutelarne l’elasticità, il tono e la mobilità. Infinite sono le strade, le opzioni che abbiamo a disposizione a seconda dei nostri gusti, esigenze e caratteristiche: dal fitness (nelle sue molteplici sfumature) agli sport in generale (individuali o di squadra), passando per le pratiche di matrice orientale (yoga, qi-gong, arti marziali…) fino a discipline più orientate alla “riorganizzazione motoria” come il Metodo Feldenkrais o la Tecnica Alexander. Davvero oggi come oggi abbiamo l’imbarazzo della scelta e non avrebbe senso stilare classifiche assolute. Ognuno può costruire il suo personalissimo mix. A me piace correre, mi rilassa, mi dà energia e in generale mi fa sentire bene, vivo. Non sono però un ‘runner’: i cronometri, i record personali, il calcolo delle calorie bruciate e delle distanze percorse mi tolgono ogni piacere e ritengo il piacere fondamentale. Ad ogni modo, coltivando questa passione (che è ormai da molti anni un’abitudine), ho maturato alcune riflessioni circa il modo ecologico di relazionarsi all’attività fisica…
CONTINUITÀ: per prima cosa credo sia importante dare continuità, integrare l’allenamento (qualunque esso sia) nella propria routine settimanale. Le full-immersion, le “abbuffate” di sport o ginnastica spesso si rivelano controproducenti, a maggior ragione quando l’età avanza. È il giorno dopo giorno che fa la differenza in termini di prevenzione e mantenimento.

VARIETÀ: come dicevo, il nostro corpo sta bene quando è sufficientemente tonico, elastico e dinamico. È quindi poco saggio accumulare massa muscolare senza tutelarne la flessibilità, così come dedicarsi a sport di resistenza senza irrobustire un pochino la struttura. Presidiare tutte e tre le “qualità” conviene!
MODERAZIONE: ribadisco, il piacere è essenziale. La fatica, per quanto inevitabile, non credo debba superare il gusto e la gioia del corpo in movimento. Questo ci consente di mantenere intatta la motivazione nel dare continuità all’attività e ad evitare sforzi esagerati, che finiscono per logorare l’organismo invece che farlo fiorire.
ASCOLTO/ATTENZIONE: per capire, anzi per sentire qual è il momento di fermarsi o quando si può alzare un pochino l’asticella bisogna ascoltarsi, coltivare quell’ascolto percettivo cui accennavo nella precedente Nota. Rispettare i propri limiti e aver fiducia nelle potenzialità, nelle risorse del sistema corpo-cuore-mente è il modo migliore per far sorgere ben-essere.

Non credo abbia alcun senso dare indicazioni numeriche o quantitative, la traduzione concreta di questi 4 principi non solo varia da persona a persona, ma da periodo a periodo della vita. Il nostro corpo si trasforma nel tempo ed è soggetto ad una varietà infinita di stimoli che ne alterano le condizioni, ben oltre le nostre possibilità di controllo. Le indicazioni di quanto e cosa serva al corpo per sprigionare la propria vitalità arrivano innanzitutto dal corpo stesso. E comunque, nel dubbio, io suggerisco una bella corsetta!

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

Questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti per aiutarci a migliorare la tua esperienza di navigazione quando lo visiti. Proseguendo nella navigazione nel nostro sito web, acconsenti all’utilizzo dei cookie. Se vuoi saperne di più, leggi la nostra informativa sui cookie