Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

Aggiornamento

«Il libro l’ho finito un paio di anni fa: dopo aver contattato i grandi editori che, si sa, difficilmente danno spazio agli esordienti, ho conosciuto Bookabook. Loro hanno voluto darmi fiducia» racconta Francesca, gallaratese, che ha studiato a Busto e sta completando a Milano i suoi studi in traduzione, dopo una triennale in lingue. Le […]

«Il libro l’ho finito un paio di anni fa: dopo aver contattato i grandi editori che, si sa, difficilmente danno spazio agli esordienti, ho conosciuto Bookabook. Loro hanno voluto darmi fiducia» racconta Francesca, gallaratese, che ha studiato a Busto e sta completando a Milano i suoi studi in traduzione, dopo una triennale in lingue. Le parole, appare chiaro, sono la sua grande passione: «Traduco per i miei studi, scrivo e leggo per passione. Adoro Margaret Mazzantini, c’è molto di lei in “Noi quattro nel mondo”». Nel romanzo c’è tutta la giovinezza nella sua complessità: quattro vite che si sfiorano e incastrano fra dolori e spensieratezza, amori e solitudine: «E’ la storia di quattro solitudini che hanno la fortuna di incontrarsi e che, alla fine, si salvano a vicenda. Il dolore ci segna inevitabilmente, ma in realtà anche essere amati lascia sempre una traccia in noi. Basta solo accorgersene. Volevo scrivere un romanzo in grado di raccontare sogni e paure dei ragazzi e farli sentire meno soli».

L’articolo completo è reperibile a questo link.

gallarate crowdfunding francesca cerutti

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

Questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti per aiutarci a migliorare la tua esperienza di navigazione quando lo visiti. Proseguendo nella navigazione nel nostro sito web, acconsenti all’utilizzo dei cookie. Se vuoi saperne di più, leggi la nostra informativa sui cookie