Accedi Registrati

La biblioteca vivente

Mi sono persa l’evento (per una decina di minuti!), ma eccola qui: Era la biblioteca vivente organizzata dal Consiglio municipale per l’immigrazione di Barcellona, che consentiva di scegliere un libro (una persona) e poi di trascorrere 15/20 minuti in sua compagnia, per conoscerl@ e CONOSCERE, nell’ottica di superare i pregiudizi. L’evento nasce con l’intenzione di […]

 

 

Mi sono persa l’evento (per una decina di minuti!), ma eccola qui:

Era la biblioteca vivente organizzata dal Consiglio municipale per l’immigrazione di Barcellona, che consentiva di scegliere un libro (una persona) e poi di trascorrere 15/20 minuti in sua compagnia, per conoscerl@ e CONOSCERE, nell’ottica di superare i pregiudizi. L’evento nasce con l’intenzione di dimenticare gli stereotipi che causano discriminazioni, soprattutto nell’ambito dell’immigrazione.
In fondo, ogni libro è una persona. Ogni libro è parte dell’autore (in tutti i sensi). E in ogni libro c’è un po’ dei suoi lettori, prima ancora che questi lo diventino.

 

Gilda Lomonte

Partecipa alla discussione

Devi aver effettuato il login per pubblicare un commento.

Questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti per aiutarci a migliorare la tua esperienza di navigazione quando lo visiti. Proseguendo nella navigazione nel nostro sito web, acconsenti all’utilizzo dei cookie. Se vuoi saperne di più, leggi la nostra informativa sui cookie