Accedi Registrati

Claudio Giunta e la passione per il Nord

Claudio Giunta risponde ad alcune domande sulla sua passione per il Nord estremo e condivide con noi alcune foto del suo viaggio alle isole Solovki. Come e quando è nata la tua passione per il Nord, ti piaceva già da piccolo? In parte credo che sia semplicemente un aspetto della mia vocazione al solipsismo. A […]

 

 

Claudio Giunta risponde ad alcune domande sulla sua passione per il Nord estremo e condivide con noi alcune foto del suo viaggio alle isole Solovki.

Come e quando è nata la tua passione per il Nord, ti piaceva già da piccolo?

In parte credo che sia semplicemente un aspetto della mia vocazione al solipsismo. A me non dispiace stare con gli altri, ma per poco tempo. Mi piace, ho bisogno di stare per conto mio a lungo, e il Nord, dico il Nord vicino al circolo polare, è ovviamente più solitario del Sud. Credo che la prima scintilla sia stata quella. E poi mi piacciono i posti semplici, con una storia e una cultura meno dense di quelle dell’Italia o dell’Europa continentale – di questa cultura mi sono occupato e mi occupo in continuazione, perciò quando viaggio cerco il contrario: la natura non (o poco) antropizzata. E sì, mi piaceva già da piccolo. Sull’atlante De Agostini i paesi circondati da cornicette e traiettorie che annunciano viaggi futuri sono soprattutto i paesi scandinavi, l’Islanda, la Groenlandia…

Ti sei mai interessato di esplorazioni polari e se sì quali erano i tuoi eroi preferiti?

Non troppo, non sono un aspirante esploratore, sono un aspirante viaggiatore comodo. Mi piace fare un po’ di fatica, ma non troppa: la sera, al rientro nell’igloo, voglio la doccia bollente. E non mi piace correre rischi, e non è che ammiri incondizionatamente quelli che li corrono (con un’eccezione, almeno: la spedizione austro-ungherese che arrivò alle isole di Francesco Giuseppe, a nord della Russia, negli anni Settanta dell’Ottocento: la racconta Christoph Ransmayr in un libro molto bello, Gli orrori dei ghiacci e delle tenebre). Ma poi YouTube ha cambiato tutto, e adesso in effetti passo delle mezze ore a vedere i vecchi filmati in bianco e nero delle spedizioni al Polo Nord e al Polo Sud. Ma mi sa che quello che mi commuove non sono il Polo Nord e il Polo Sud: è il bianco e nero.

Dante parla mai del Nord e in quali termini?

Parla dell’estremo Nord ma quello che dice lo ricava dai libri che ha letto – gli storici e i geografi latini, gli enciclopedisti medievali. Di suoi viaggi a nord delle Alpi non c’è testimonianza sicura. Qualcuno ha detto che il suo inferno assomiglia molto all’Islanda, e dunque dev’esserci stato. Ma ovviamente sono balle.

Quali altri autori italiani o stranieri secondo te hanno scritto cose particolarmente interessanti sul Nord?

Oh, ce ne sono tanti. A parte il libro di Ransmayr consiglierei, fra tutti, Arctic Dreams di Barry Lopez (in italiano l’hanno intitolato Artico. L’ultimo paradiso) e Arctic Voices di Subhankar Banerjee. E ci sono molte cose belle nell’antologia La sfinge dei ghiacci. Gli italiani alla scoperta del Grande Nord curata da Franco Brevini per Hoepli.

Film sul Nord che consigli?

Senza pensarci troppo, e saltando le ovvietà. Un horror svedese che s’intitola Lasciami entrare. Una serie norvegese che s’intitola Lilyhammer e che è una specie di spin-off dei Sopranos. Una serie TV danese che s’intitola The Bridge. Tutti i filmati sull’Islanda che si trovano su YouTube. Tutti.

Il team di bookabook
Evviva la bio
Il team di bookabook on sabtwitterIl team di bookabook on sabinstagramIl team di bookabook on sabfacebook

Partecipa alla discussione

Devi aver effettuato il login per pubblicare un commento.

Questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti per aiutarci a migliorare la tua esperienza di navigazione quando lo visiti. Proseguendo nella navigazione nel nostro sito web, acconsenti all’utilizzo dei cookie. Se vuoi saperne di più, leggi la nostra informativa sui cookie