Accedi Registrati

In attesa degli altri trasmettiamo musica da ballo

simone-acquaroli-263190
Overgoal! Un ufficio stampa curerà la visibilità sulla stampa tradizionale e su quella online. Un promotore professionale proporrà il libro ai librai, una strategia dedicata di marketing online consiglierà il libro a nuovi potenziali lettori.
Goal! Il manoscritto passerà alla fase di editing, revisione, progetto grafico e stampa. Una volta pronto, il libro verrà pubblicato in formato cartaceo e ebook, e reso disponibile all'interno del circuito di Messaggerie Libri e nei più importanti store online.
177% Completato
Svuota
Quantità

Un agricoltore pugliese ultrasessantenne scompare misteriosamente. La giovane figlia Marzia, studentessa di Agraria a Milano, torna a casa per stringersi attorno alla madre, Lunetta, e alle due sorelle, Loredana e Margherita.
Smemorato, perduto, morto, in fuga, rapito dai fantasmi: la scomparsa di Antonio Di Pinto significa qualcosa di diverso per ciascuno dei personaggi coinvolti nella trama, personaggi che – come la chioma di una pianta – rappresentano bene l’esteriorità del protagonista, ma non la sua più profonda essenza.
Rami, radici, foglie e albero: un romanzo in quattro parti che racconta e ritrae una vicenda che ha origini remote. Per capire come, quando e dove sia finito l’uomo che tutti credono di conoscere, è necessario approdare nella Milano degli anni Sessanta, la città del lavoro, della fatica, del razzismo e del gelo. In quella Milano e in quel tempo si nasconde Antonino, in uno dei tanti empori di frutta e verdura di biscegliesi trapiantati nella città delle opportunità.
In attesa degli altri trasmettiamo musica da ballo è ispirato a più storie vere.

Perché ho scritto questo libro?

La sensazione di familiarità con un preciso istante che improvvisamente sa di passato in ogni suo più piccolo dettaglio: durante un déja vu nulla sembra poter spezzare l’incantesimo del già vissuto, in un miscuglio di stupore, paralisi e attenzione. Scrivere “In attesa degli altri trasmettiamo musica da ballo” è stato come vivere una serie intermittente di déjà vu luminosi. Il bagaglio di ricordi riflessi e di aneddoti familiari ingombra i nostri ripostigli mentali confondendo continuamente il presente col passato. Poter stabilire snodi cruciali a storie che ci sono sempre e solo state raccontate è stato un grande privilegio: mi ha regalato l’illusione di aver preso parte alla “recita” in modo attivo e importante. Per tramandarla, ma con un filtro anti- dolore. Ho costruito un palcoscenico per mettere in scena la storia corale di un’intera generazione di bambini che negli anni Cinquanta e Sessanta hanno lasciato la Puglia, trasformandola in un ricordo; ma non ho resistito e ho calcato la scena anch’io: mi sono data dieci anni per giocare con aneddoti da adulti, per essere ora il migliore amico ora l’aguzzino di mio padre; gli ho fatto domande, l’ho visto piangere e ho riso con lui come mai nella vita. Sono stata il suo complice, un bambino, come lui. Quando ha letto la prima bozza di questo romanzo, mio padre non ci si è riconosciuto: “Non è la mia storia”, ha detto. Ed è vero, perché questa storia appartiene a migliaia di persone.

10 maggio 2018

BisceglieLive.it

Si parla di "In attesa degli altri trasmettiamo musica da ballo" su "BisceglieLive.it".
Leggi l'articolo di Francesco Sinigaglia qui!  
28 aprile 2018

Tele Dehon

Francesco Saverio Rossi, telereporter del tg di Tele Dehon, intervista Malusa Kosgran ospite, con In attesa degli altri trasmettiamo musica da ballo, dell'evento organizzato dall'Associazione biscegliese Progetto Uomo. Clicca qui per vedere l'intervista!
26 aprile 2018

Aggiornamento

Che cos'è il crowdpublishing? L'autrice Malusa ha provato a spiegarlo con un video ai sostenitori di In attesa degli altri trasmettiamo musica da ballo.
06 aprile 2018

I Like It Magazine

Sul n. 3 di "I like it magazine" nella rubrica "What's up" di Sacha Lunatici si parla di In attesa degli altri trasmettiamo musica da ballo! :) Potete leggere l'articolo a questo link!
01 aprile 2018

Articolo su “La Diretta 1993”

Un bell'articolo di Mario Lamanuzzi su "La Diretta 1993" che parla della serata di presentazione di In attesa degli altri trasmettiamo musica da ballo, tenutasi il  31 marzo nella Sala degli Specchi a Palazzo Tupputi, Bisceglie. Clicca qui per leggerlo!
28 marzo 2018

Recensione e intervista su Recensionilibri.org

http://www.recensionilibri.org/2018/03/intervista-a-malusa-kosgran-autore-de-in-attesa-degli-altri-trasmettiamo-musica-da-ballo.html dot_com.jpg
31 marzo 2018

Evento

Bisceglie Sabato 31 marzo, dalle 19.30 alle 22.30, il Prof. Giuseppe Losapio dialogherà con Malusa Kosgran autrice del romanzo “In attesa degli altri trasmettiamo musica da ballo”. Alla presentazione - che si svolgerà nella Sala degli Specchi di Palazzo Tupputi in via Cardinale Dell'Olio, 30 a Bisceglie - parteciperanno gli allievi della Fondazione Musicale Biagio Abbate di Bisceglie. Reading a cura di Antonio Todisco. Selezionato dalla casa editrice milanese Bookabook, il romanzo “In attesa degli altri trasmettiamo musica da ballo” è protagonista di una campagna di preordini finalizzata alla pubblicazione e distribuzione dell’opera in tutte le librerie italiane. L'evento è patrocinato dal Comune di Bisceglie ed è aperto al pubblico. locandina_tupputi_low.jpg
21 febbraio 2018
Ecco a voi una bellissima intervista a Malusa Kosgran, autrice di "In attesa degli altri trasmettiamo musica da ballo" su "vercelli21". Buona lettura! http://bit.ly/2Hvewe1
27 febbraio 2018
Ecco per voi un bellissimo segnalibro realizzato da Malusa Kosgran, autrice di "In attesa degli altri trasmettiamo musica da ballo"! segnalibro
02 marzo 2018
Fatevi trasportare dalla bellissima voce di Salvatore Marci, attore teatrale di Molfetta (Bari), il quale racconta la campagna di crowdfunding di Malusa Kosgran, l'autrice di "In attesa degli altri trasmettiamo musica da ballo"! Buon ascolto, cari lettori!
05 marzo 2018
Toni Bonji, personaggio televisivo e comico, ci racconta "In attesa degli altri trasmettiamo musica da ballo" di malusa Kosgran in un bellissimo video. Buona visione!

Commenti

  1. (proprietario verificato)

    È sempre giusto sostenere una buona causa, a maggior ragione se in cambio si ottiene quello che ha tutte le carte in regola per essere un bel libro 🙂
    Spero di incontrarti presto, nel frattempo ascoltiamo musica da ballo 😀

  2. Malusa Kosgran

    grazie, davvero. lavorerò per difendere il podio nella tua libreria! 🙂

  3. (proprietario verificato)

    Posso dire che nella mia libreria ci sono 3 scrittori che hanno una forte presenza: Tolkien, Benni e Malusa Kosgran 🙂 Non mi sono mai perso un suo romanzo, guida, opuscolo, fumetto o post sul suo blog.
    Che dire, non è solo una scrittrice professionista (tanti anni di lavoro e gavetta), ma è una mente limpida e geniale…
    Non vedo l’ora di leggere questo nuovo romanzo, che come gli altri, promette tutto il bello della lettura senza i dogmi di genere.

  4. Malusa Kosgran

    :’)

  5. (proprietario verificato)

    Scrivo, molto sinceramente, ciò che penso.
    Ho avuto la fortuna di conoscere Giustina, l’autrice del libro in questione, anni fa e attraverso i suoi occhi ho osservato il campo dell’editoria, soprattutto italiana. Che io immaginavo, prima di allora, un mondo quasi magico, privilegiato. Poi ho visto tanta pochezza (per fortuna non ovunque), arrivismo e attenzione a tanto altro fuorché alla vera e giusta bellezza, che mi stupisco di come lei invece rimanga innamorata dello scrivere, del raccontare, il suo mai mutato entusiasmo nel rimettere mano per l’ennesima volta ad uno scritto. Il tutto accompagnato da una integrità e dignità incredibili. Perché le sue storie le devono assomigliare, non scrive per il mercato e non ha etichette.
    Stessa cosa si può dire per questo suo misteriosissimo romanzo. È un giallo? Un thriller? Un romanzo storico? Una saga familiare? Ma che importa! Prima di tutto è un libro! E a mio modesto parere, il più bello che abbia scritto fino ad ora. Quindi dico: acquistatelo e cerchiamo tutti di sostenere l’editoria intelligente, gli scrittori che sanno fare il loro mestiere al di là delle etichette e la vera bellezza.

Lascia un commento

Malusa Kosgran
Sono nata a Milano nel 1974. Avevo un anno quando i miei decisero di trasferirsi a Bisceglie, in Puglia: i piani di mio padre per la sua famiglia non includevano la vendita diretta di frutta e verdura, lo smog e i tram. A 18 anni ho lasciato mamma, papà e sorella e sono tornata a Milano per frequentare una scuola di fumetto. Dai 18 ai 20 ho vissuto con la mia nonna materna, Giustina, poi da sola. Avevo solo 21 anni quando ho cominciato a pubblicare sceneggiature per la Disney e 32 quando ho smesso per tentare altre strade. Da allora collaboro con svariate case editrici, magazine e agenzie e ho pubblicato romanzi, racconti, fumetti e albi illustrati. Il 25 aprile 2013 sono tornata a vivere in Puglia, dividendomi fra Bisceglie – che non è in Salento – e Mattinata, sul Gargano. Ho zii, cugini e procugini che vivono ancora a Milano e mio nipote, che ora ha sette anni e vive a Bisceglie, mi ha detto che da grande andrà a studiare a Milano. Sarà destino.
Malusa Kosgran on sabwordpressMalusa Kosgran on sabtwitter

Questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti per aiutarci a migliorare la tua esperienza di navigazione quando lo visiti. Proseguendo nella navigazione nel nostro sito web, acconsenti all’utilizzo dei cookie. Se vuoi saperne di più, leggi la nostra informativa sui cookie