Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

Baby-Lon.616

100%
200 copie
completato
8%
46 copie
al prossimo obiettivo
Svuota
Quantità
Consegna prevista Marzo 2021

Un futuro non troppo lontano, un cupo rumore di fondo, un’umanità dolente, incapace di sentire gli S.O.S di un pianeta in agonia. Una maledizione, un male oscuro di cui nessuno sa nulla avanza inesorabile, tra l’indifferenza generale. Anche Eli, la protagonista, non se ne cura, barcamenandosi tra il lavoro in una casa d’aste e una relazione complicata. È ignara della propria energia e cerca di resistere all’assedio dei fantasmi che affollano i suoi sogni. I problemi nascono quando cominciano a mostrarsi di giorno, non bastano tisane e tranquillanti per metterli a tacere. Le sussurrano che deve agire, la spronano perché diventi consapevole della propria essenza e scavi nel suo passato.
Baby-Lon.616 ha vari livelli di lettura e l’eterna lotta tra il bene e il male ha contorni sfumati. Il rumore, i segni e le tante parole svuotate di significato confondono Eli, che non vuole rinunciare alla sua “normalità”. Aiutata da Magda, l’amica di sempre, e da un vecchio libraio, accetterà la sfida.

Perché ho scritto questo libro?

Baby-Lon.616 è nato il primo novembre del 2018, una giornata grigia in cui il rumore del mondo sembrava intollerabile. Ha dato inizio alla stesura la volontà di astrazione, la lettura di articoli scientifici su scenari apocalittici, la passione per le opere che Vandermeer definisce new weird. In tali opere non solo il fantasy è contaminato da elementi magici, pur restando coerente e verosimile ma, allo stesso tempo, possiede rimandi all’attualità, alla politica e alla società.

ANTEPRIMA NON EDITATA

Estratto primo capitolo
Due piedi nudi camminavano su una striscia di verde brillante.
Erano i suoi, di questo era sicura, anche se li osservava da lontano, come se fossero staccati dal suo corpo.
Erba bagnata tutto attorno, così verde da sembrare radioattiva, una striscia luminosa circondata da un buio impenetrabile e due piedi pallidi che si muovevano con fatica in un silenzio opprimente, interrotto ogni tanto da una nenia infantile.
C’era qualcuno nel buio e quel qualcuno ripeteva il suo nome, lo distingueva chiaramente, ma non riusciva a concentrarsi sul testo della filastrocca.
Guardava i piedi, i suoi piedi, che eseguivano una danza, battevano la terra, disegnavano cerchi, senza fare rumore, neanche fossero stati i piedi di un fantasma.
E questo non le piaceva affatto. Non le piaceva neppure l’aria attorno a lei, immobile e soffocante. Doveva scappare, subito. Facile a dirsi, i piedi non rispondevano ai comandi.
Sentì come un peso sulle spalle e il pelo sul collo drizzarsi.
Aveva la pelliccia, non c’era dubbio e constatarlo la raggelò. Non riusciva a muovere un muscolo, il sudore le colava a grosse gocce dense sugli occhi, la vista era appannata, non riusciva a muovere le mani, non poteva sfregarsi gli occhi, non aveva più delle mani, erano zampe, non zampe, ma piccoli arti inutili. Era un topo o un cincillà, una bestiola e qualcuno l’aveva rinchiusa in un sarcofago.
Dal buio ancora la nenia, Eliii Eli Eliii, e i suoi piedi, quelli che erano stati i suoi piedi, continuavano a muoversi autonomamente.

Continua a leggere

Sentì anche la terra tremare e davanti a lei iniziarono a scorrere le immagini di un catastrofico terremoto, vide le facce attonite delle persone intrappolate sotto le macerie.
Sembrava tutto fin troppo reale.
Provò a chiamarle, ma squittiva debolmente, nessuno poteva sentirla.
Eppure, non c’erano macerie e neppure pareti crollate di cemento armato, non era chiusa in un sarcofago.
Si trovava in uno spazio aperto, però era buio e vedeva solo grazie alla striscia fosforescente, dove i piedi continuavano a vagare.
Era già qualcosa.
Doveva concentrarsi, capire che ci faceva lì, come c’era arrivata. Calmare il respiro, riprendere il controllo. Tutti i soldi spesi per le lezioni di yoga dovevano pur servire a qualcosa.
Serrò gli occhi e i pugni con uno sforzo immane. Inspirò, espirò.
Alla sua sinistra, un rumore sordo e indistinto acquistò improvvisamente significato nella sua testa.
Certo, il mare, ma era lontano e non si infrangeva su una spiaggia, non sentiva l’acciottolio della risacca. Probabilmente si trattava di scogli, ma non era importante. Si perdeva dietro a inutili dettagli.
Un alito di vento le portò alle narici un profumo aspro, che le sembrava di aver già sentito, l’aroma del legno di una pianta, forse, o le sue bacche.
Stava di nuovo divagando! Non si sforzava abbastanza per cavarsi d’impaccio, era esasperata e impaurita. Tese le braccia e si rassicurò, almeno non aveva più le zampe e forse stava riprendendo il controllo dei suoi piedi. Sentiva l’erba viscida, una sensazione disgustosa, ma consolatoria al tempo stesso, gli sforzi per ricomporsi stavano funzionando. Gli occhi si abituavano lentamente al buio, finalmente, anche se ancora non capiva dove fosse finita.
Sentiva il peso di ombre sconosciute che l’avvolgevano, le stavano trasmettendo qualcosa, non più la cantilena, ma parlavano tutte assieme, non riusciva a distinguere le parole, forse era una ricetta, l’elenco di qualcosa, ma la lingua non le era familiare.
Si ritrovò a terra, in mezzo all’erba che era cresciuta a dismisura e di nuovo sentì quell’oppressione insostenibile.
Intravide una figura familiare, capelli da volpe e occhi da gatto.
Era Magda, la sua amica di sempre, ascoltava le ombre che recitavano parole sconnesse, bisbigli arcani. Ma lei assentiva, lei riusciva a capirle. Ora però Magda discuteva animatamente, come se dovesse intercedere per lei.
Si coprì gli occhi con le mani e iniziò a singhiozzare. E singhiozzando, si risvegliò fra le lenzuola del suo letto.
Si guardò intorno, la luce dell’alba filtrava incerta dalla finestra.
Osservò a lungo le sue mani e poi i piedi. Era bello riaverli.
Buttò un occhio alla sveglia e la spense, precedendo il trillo fastidioso di qualche minuto.

Estratto settimo capitolo
Ginevra

Ogni essere umano dovrebbe considerare la propria esistenza come un’opera d’arte. L’hanno detto in tanti, ma è pur sempre un processo creativo e quindi personalizzabile.
Pennellate leggere e colori tenui per la materia dei sogni, per desideri e aspettative. Più decise, con colori primari, per momenti cruciali e decisioni irrevocabili. Infine, tagli e pieghe della tela per dolore, disfatte e scelte dissennate.
Per la visione completa dell’opera è necessario aspettare. Può accadere che sia sbagliata, orribile, sublime o mediocre, un capolavoro. Sono sempre gli altri che lo decideranno, poi.
Ah già: ai posteri l’ardua sentenza.
L’importante è continuare a dipingerla, fino alla fine, anche se nessuno può escludere che l’operazione sia del tutto inutile.

Eli, Mabilia Elena Pintor all’anagrafe, stava andando in ufficio.
Una giornata come tante, il cielo di Ginevra rispecchiava il suo umore, o forse era l’esatto contrario. Era il suo umore che si adattava a quell’ammasso di nubi dense e immobili. Se fosse stata altrove, magari, le sarebbe passato per la testa qualcosa di più divertente.
Per la visione completa dell’opera è necessario aspettare.
Aspettare? Aspettare cosa? Le sembrava di aspettare da sempre, nonostante dall’esterno questa attesa vaga e estenuante non trasparisse affatto. Le elucubrazioni su vita, colori e tele erano dovute alle letture della sera precedente. Niente di grave, quindi.
— Niente di grave — Lo disse a voce alta, specchiandosi nella vetrina di una pasticceria e cercando di darsi un contegno. — E nessuno può escludere che l’operazione sia del tutto inutile — ripeté, complimentandosi per la sua memoria.
Rispetto alla tabella di marcia, era in leggero ritardo, il trucco aveva richiesto qualche pennellata supplementare quella mattina. Cinque minuti, non di più.
Inoltre, il modello Extra small appena acquistato non stava funzionando bene. Aveva deciso in completa autonomia che era domenica e al posto del solito caffè lungo e barretta ai cereali d’ordinanza, si era messo a sfornare pasticcini e torte. Un pranzo di nozze per colazione.
A nulla era valso il tentativo di resettarlo; aveva dovuto ricorrere alle maniere forti, strappando con tutta la sua energia circuiti e pulsanti. Nonostante il trattamento, prima di spegnersi definitivamente, l’Extra small aveva sibilato per un tempo che le era sembrato lunghissimo. Avrebbe dovuto chiamare il tecnico per la riparazione. Sicuramente la garanzia non copriva i moti di rabbia mattutini dell’acquirente.
Ormai era fatta, inutile pensarci.
Doveva anche accelerare il passo, cosa che le risultava abbastanza difficile con le scarpe nuove. Un semplice mezzo tacco, ma con una suola non ancora provata dalla vita, che non le dava sicurezza.
Del resto, riguardo alla sicurezza, le scarpe erano in fondo alla lista.
Non le dava sicurezza neanche il nuovo tailleur grigio blu, un capo di rappresentanza. L’aveva comprato nel nuovo show room in Rue du Rhône tutto cortesia e sorrisi e, naturalmente, le era costato una follia. Più che a lei, piaceva a Jacqueline, la sua collega.
— Ti sta benissimo — aveva detto e la commessa aveva confermato con un sorriso abbagliante, fresco del nuovo trattamento al perossido di idrogeno.
Poi era arrivata la direttrice — Ma che meraviglia, sembra che gliel’abbiano cucito addosso.
E per sdrammatizzarlo, il tailleur, le aveva anche rifilato un foulard. La cosa l’aveva infastidita, di solito non si faceva incantare dai venditori, soprattutto da quelli specializzati in smancerie, ma pur di uscire rapidamente dallo show room aveva rinunciato alle sue solite battute caustiche.
Nell’aria, il solito odore di fritto e gli annunci pubblicitari sparati a mille dai modelli Extra Large, che si erano moltiplicati come funghi tossici a ogni angolo di strada.
Musica d’ambiente, annunci concitati, sconti, promozioni e, naturalmente, le news.
Dallo schermo principale, l’annunciatore, faccia cavallina da imbonitore di provincia, stava blaterando a proposito dei soliti roghi indomabili, dei disastrosi effetti del cambiamento climatico, delle esalazioni mefitiche delle discariche nell’Artico, per poi passare con disinvoltura e ampi sorrisi alla cronaca rosa, divorzi e riconciliazioni tra principi e attrici, magnati e soubrette.
Ma lei l’aveva chiesto?
Non voleva sapere, non voleva sentire, ma era impossibile isolarsi, grazie all’impeccabile servizio degli Extra Large.
Neanche un cenno sulla Baby. Dopo un paio di mesi di martellamento, l’argomento come per incanto sembrava passato di moda. Aubert l’aveva previsto.
— Se non trovano subito una cura, faranno cadere la cosa, per non creare allarmismi. Ci scommetto quello che vuoi.
L’aveva aggiornata anche sul numero dei morti che cominciava a essere ragguardevole, proponendole un trasferimento immediato in luoghi lontani.
— Buon viaggio — aveva detto lei con il tono che usava di solito per accomiatarsi dai venditori — mi faccia sapere.
E lui era partito per davvero.

Estratto ottavo capitolo
Il Convento di clausura delle Carmelitane Scalze di Santa Giuliana, nei pressi di Pamplona, contava una decina di monache fra anziane e novizie. Donne sante che dividevano la loro vita fra il silenzio e la preghiera.
Non ricevevano frequenti visite, ma in una splendida mattina dai colori autunnali la Madre Priora accolse una donna che chiedeva di poterle parlare in privato. Il colloquio rimase segreto, ma la Madre Priora ne uscì profondamente turbata.
I primi segni della malattia comparvero qualche giorno dopo, durante le lodi mattutine. La sua voce, normalmente sommessa e concentrata, sembrava più squillante del solito.
All’appuntamento in coro delle dodici, la donna salmodiò a squarciagola — O Dio, vieni a salvarmi. Signore, vieni presto in mio aiuto — tra lo stupore delle consorelle. Non stava rispettando la Liturgia delle ore, non era mai successo.
Non andò meglio agli appuntamenti delle quindici, né alla preghiera vespertina delle diciassette.
Infine alle venti e quarantacinque, durante la preghiera che introduceva le monache al grande silenzio della notte, la Madre Priora urlò un ultimo Amen ed entrò in una sorta di dormiveglia febbricitante.
Fu portata di peso nella sua cella. A nulla valsero le pezze fredde sulla fronte, né i farmaci generici somministrati dalla suora infermiera del convento.
Si rivelarono inutili anche le preghiere, recitate a turno accanto al suo letto. La Madre Priora continuò a sussurrare per ore quelli che sembravano salmi, a tratti sembrava voler comunicare qualcosa d’importante, indicando con un dito il soffitto.
Tutte le consorelle si alternarono per cercare di comprendere il messaggio, ma era un blaterare che non aveva niente di sacro.
La Madre Priora si spense alle prime luci dell’alba in mezzo alle sue consorelle in lacrime.
A una a una, si ammalarono tutte.
Ognuna fu vegliata amorevolmente da quelle che restavano.
Finché non ne rimase nessuna.

08 agosto 2020

Aggiornamento

Grazie a voi Baby-L’on.616 ha raggiunto il primo goal in brevissimo tempo. Continuate ad aiutarlo con il passaparola e con le vostre opinioni. Un ringraziamento speciale a Tiziana e Manuela per le ottime recensioni, e a tutte le amiche e gli amici che con il loro impegno hanno contibuito a diffondere il progetto. Ci rivediamo a prestissimo! Buone vacanze
28 giugno 2020

Aggiornamento

Oggi vi regalo un breve estratto in cui si parla di Aubert: animo inquieto, gran viaggiatore, sempre alla ricerca del luogo ideale in cui vivere con Eli.
Lo sciamano, che stava spiegando in un miscuglio d’inglese e spagnolo cosa avrebbero dovuto fare per assumere l’ayahuasca, si era interrotto e l’aveva raggiunto.
Non gli aveva detto niente di sconvolgente, solo qualcosa sulle palabras mágicas, che erano più importanti delle erbe, e poco altro.
Poi era ritornato nel gruppo e aveva ripreso il discorso, parlando di piante miracolose e degli spiriti che indicavano quali scegliere per guarire il malato.
Lo sciamano, per raccontare al meglio la storia si muoveva come un attore consumato, una sorta di danza ipnotica per comunicare con gli spiriti: gli Xapiripë.
Abitavano da sempre nella foresta, erano esseri minuscoli come particelle di polvere dorata, ma per vederli era necessario prendere più e più volte la polvere dell’albero yãkõanahi.
Aveva anche citato un suo più autorevole collega, Davi Kopenawa Yanomami, il Dalai Lama dell’Amazzonia.
"L'epidemia dei Bianchi può cercare di bruciarli e divorarli, ma essi non scompaiono mai. I loro specchi germogliano sempre di nuovo.
I Bianchi disegnano le loro parole, perché il loro pensiero è pieno di oblio.
Noi conserviamo le parole dei nostri antenati dentro di noi da molto tempo e continuiamo a trasmetterle ai nostri figli.
È così che, nonostante siano molto antiche, le parole degli xapiripë tornano a essere sempre nuove. Sono loro che nutrono i nostri pensieri.
Sono loro che ci fanno vedere e conoscere le cose da lontano, le cose degli antichi.
È il nostro studio, quello che ci insegna a sognare".
Io, come Aubert, amo Davi Kopenawa Yanomami e ora sto rileggendo "La caduta del cielo".
Per saperne di più:
https://www.rightlivelihoodaward.org/laureates/davi-kopenawa-hutukara-yanomami-association/
08 giugno 2020

Aggiornamento

04 giugno 2020

Aggiornamento

Grazie Italianintransito (blog di società e cultura), https://italianintransito.com/2020/06/04/baby-lon-616/
09 giugno 2020

Aggiornamento

Più di cento copie preordinate in quattro giorni!
Grazie al vostro impegno il progetto Baby- Lon.616 prosegue la sua strada verso la pubblicazione, ma ha ancora bisogno di voi per essere condiviso e sostenuto. Passate parola!

Commenti

  1. Atmosfere vandermeeriane, odissee linguistiche, distopie pandemiche… Questo nuovo mondo di Andrea Sadà si prospetta molto intrigante, e per nostra fortuna sempre meno distante!

  2. (proprietario verificato)

    Quando ho letto la prima bozza di Baby-Lon.616 ho trovato l’idea di base del libro più che buona. Il contesto e la realtà sociale di un mondo stanco e distratto sono ricostruiti in modo preciso e verosimile, pur senza che siano collocati in un tempo e in uno spazio definiti. Difficile però inquadrarlo in un genere preciso. Un po’ thriller metafisico, un po’ fantasy si basa sull’importanza della conoscenza di sé stessi e la spinta ad agire. Mi sembra che nel testo sia stato rispettato il precetto del “miscere utile dulci”, grazie al quale si alternano interessanti riflessioni di ambientazione, sezioni narrative serrate e infine qualche considerazione dai toni più leggeri.
    Baby-Lon.616 fa mostra di grinta, di ritmo, di afflato narrativo, in un crescendo che porterà ad un finale decisamente spiazzante. Ho apprezzato anche i diversi riferimenti alla società, all’ambiente e alla situazione storica attuale.

  3. (proprietario verificato)

    Avendo letto la prima stesura voglio essere prudente con il mio commento per non rivelare troppo. Dico solo questo: una storia intessuta con maestria intorno ad un tema antico e universale, il mito di Babele. Il potere della parola e la paura del suo potere
    Come in una famosa poesia di Eichendorff:

    Dorme un canto in ogni cosa
    che qua sogna senza fine,
    e a cantare prende il mondo
    se la formula indovini.

Aggiungere un Commento

Condividi su facebook
Condividi
Condividi su twitter
Tweet
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Andrea Sadà
Andrea Sadà è un personaggio sospeso fra realtà e fantasia, come i suoi scritti. Ha affiancato agli studi classici e alla curiosità per le scienze della natura una vera e propria passione per la farmacopea degli antichi speziali, la lucentezza metallica dei coleotteri e la forma degli alberi. A volte vorrebbe salvare il mondo, a volte no. Ama i classici della letteratura, ma non disdegna gli Urania doc. Ha pianto quando è morto D.F. Wallace, ma aspira a scrivere come Margaret Atwood o Stephen King. Bazzica esposizioni e fiere d’arte contemporanea, viaggia per lavoro e per piacere, osservando con attenzione in ogni luogo la routine degli altri. Ultimamente ascolta a tutto volume le canzoni degli ALTJ e i Carmina Burana.
Andrea Sadà on FacebookAndrea Sadà on Instagram
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

Questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti per aiutarci a migliorare la tua esperienza di navigazione quando lo visiti. Proseguendo nella navigazione nel nostro sito web, acconsenti all’utilizzo dei cookie. Se vuoi saperne di più, leggi la nostra informativa sui cookie