Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

Bella, intelligente e magari pure bionda

Svuota
Quantità

Emma è una giovane donna in carriera di San Francisco, a un passo dal diventare partner dello studio d’investimento per cui lavora. L’invidia feroce di un collega e un ambiente maschilista spingono, tuttavia, Emma a una decisione drastica: rassegnare le dimissioni. Tutto il suo mondo sembra crollare, ma il destino è ancora da scrivere: un percorso di rinascita personale spronerà Emma, con il sostegno di nuovi e vecchi amici, a inseguire i suoi sogni e a dimostrare con successo di cosa è capace.

Da leggere come una favola contemporanea, un discorso motivazionale sull’empowerment femminile e un manuale di self-help, la storia di Emma è qualcosa a cui ogni donna può aspirare.

UN SEME DALLE FORTI RADICI

L’infanzia di Emma era stata quanto di piùlontano ci si potesse immaginare dai film americani che i famosi registi di Hollywood amavano portare in scena.
Mentre sul grande e piccolo schermo si vedevano famiglie armoniose e felici, in grado di avere dialoghi sani ed esperienze formidabili, la sua famiglia invece era severa, per usare un eufemismo, con princìpi molto rigidi che ruotavano sostanzialmente intorno a un unico concetto: l’uomo era il capo famiglia e la donna doveva obbedirgli senza remore.

Continua a leggere

Da piccola Emma era una bimba luminosa e sorridente, amava stare all’aria aperta e si sentiva spensierata, come solo una bambina di sei anni può esserlo. Il suo sorriso però cominciò a ombrarsi ogni giorno un po’ di più. I suoi genitori litigavano un giorno sì e l’altro pure, a nulla serviva nascondersiin camera, le urla l’avrebbero seguita fin dentro l’armadio. Suo padre amava comandare la madre per il semplice gusto di sentirsi uomo, in particolare quando rientrava in casa dalla pesca si scatenava l’inferno. Lei e i fratelli recitavano la parte dei soldatini mentre la moglie quella di una geisha premurosa e obbediente. La famiglia viveva nella serenità solo quando lui era fuori in mare aperto. La madre si prendeva cura della casa in modo meticoloso e ai figli donava moltissimo amore, viveva quasi solo per loro.Vivevano a Monterey, una cittadina di trentamila abitanti nello stato della California, a quattro ore di distanza da San Francisco.
Per Emma diventare adolescente significò affrontare una delle sfide più difficili della sua vita. Man mano che cresceva diventava sempre più consapevole delle piccole e grandi ingiustizie che era costretta a subire ogni giorno in famiglia. Non poteva indossare gonne corte, altrimenti sarebbe sembrata una poco di buono; non poteva uscire con gli amici se in gruppo c’erano più ragazzi che ragazze; non poteva mettersi un filo di lucidalabbra come le sue coetanee, ma soprattutto non poteva mai controbattere i suoi genitori, perché una brava donna deve obbedire in silenzio.
Fu in quel periodo che dentro di lei iniziò a germogliare il seme dell’ingiustizia, che con gli anni sarebbe cresciuto a dismisura, con radici talmente forti da restare saldamente avvinghiate al suo cuore per molto tempo.
A causarle maggiore sofferenza era il trattamento impari con cui lei e i suoi tre fratelli venivano trattati. A loro era concesso di uscire liberamente per la città senza preoccuparsi di sporcarsi il vestito, non erano tenuti a fare le faccende di casa ed erano liberi di alzare la voce quanto volevano.
Quando capitava che rispondessero a tono alla madre lei era solita perdonarli.
«Sono maschi» ripeteva lei alzando le spalle in segno di noncuranza.
Emma invece doveva essere sorridente e obbediente, collaborativa in casa e silenziosa, non doveva rispondere né ai genitori né ai fratelli, ed evitare di creare qualsiasi tipo di problema.
«Lasciali perdere Emma, non aggravare la situazione, sono maschi, sai che loro alzano la voce ma poi si calmano. Tu stai buona, anche se loro hanno torto. Ed evita di irritarli maggiormente» era il ritornello che si sentiva ripetere.
A volte cercava di far ragionare la madre: «Nasciamo tutti con gli stessi diritti e ognuno di noi ha dei doveri. Perché io devo rispettare le regole e loro no? Perché devo aiutarti solo io nelle faccende di casa? Perché loro possono permettersi di non studiare e uscire a divertirsi tutto il giorno, mentre io devo stare chiusa in casa a fare i compiti?».
La madre, che la amava immensamente, cercava di rabbonirla dicendole che era ancora piccola per capire come girava il mondo.
Ma il semino dell’ingiustizia continuò a crescere a tal punto che Emma, quando se ne sentì soffocare, decise che per poter ottenere la libertà desiderata e la vita dei suoi sogni doveva allontanarsi dalla sua famiglia e affrontare le intemperie della vita in modo autonomo e coraggioso.

17 aprile 2020

Aggiornamento

Sono stata contattata dal Comitato di Vialba per partecipare al progetto: "conosci il tuo vicino". Superata la paura, ho deciso di accettare con molto piacere.. ed eccomi qui, in questo video spiego cosa mi ha spinta a scrivere questo primo romanzo. Mi auguro il messaggio arrivi forte e chiaro, nel rispetto di tutti.
https://www.facebook.com/watch/?v=268398704189167
15 aprile 2020

Aggiornamento

Desidero ringraziare di cuore tutti e 120 lettori e lettrici che hanno scelto di sostenere Emma nelle prime 2 settimana di campagna!
Molti di voi stanno sponsorizzando il romanzo con grande dedizione e passione, il che mi rende orgogliosa di avere accanto amici veri!
Ringrazio dunque, la giovane e brillante Valentina Barletta: scrittrice, editrice indipendente e recensionista!
Di seguito riporto il link del suo blog dove sponsorizza "Bella Intelligente e Magari pure Bionda".
https://valentinabarlettablog.wordpress.com/category/articoli/

Commenti

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Bella, intelligente e magari pure bionda”

Condividi su facebook
Condividi
Condividi su twitter
Tweet
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Anisa Harizaj
nasce a Durazzo nel 1989, vive a Milano, ma si sente cittadina del mondo. Dopo la laurea in economia consegue un master specialistico, intraprendendo poi la carriera in una multinazionale che si occupa di revisione contabile. Nel 2014, in seguito a un incidente stradale, inizia la sua rinascita. Decide di non dare nulla per scontato, nemmeno la vita, e di mettersi totalmente in gioco per sfidare il mondo con la forza d’animo che solo una giovane donna può possedere. Comprende presto che è un suo diritto provare, sbagliare e continuare a sentirsi OK. Colleziona successi inimmaginabili, superando i cliché di cui la società è piena. Bella, intelligente e magari pure bionda è il suo romanzo d’esordio.
Anisa Harizaj on Facebook
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

Questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti per aiutarci a migliorare la tua esperienza di navigazione quando lo visiti. Proseguendo nella navigazione nel nostro sito web, acconsenti all’utilizzo dei cookie. Se vuoi saperne di più, leggi la nostra informativa sui cookie