Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

Cattedre e gessetti - Storia (semi)seria di mezzo secolo di scuola italiana

Cattedre e gessetti - Storia (semi)seria di mezzo secolo di scuola italiana
43%
114 copie
all´obiettivo
76
Giorni rimasti
Svuota
Quantità
Consegna prevista Agosto 2022
Bozze disponibili

In tutti i luoghi di lavoro ci sono personaggi di cui si narrano fatti divertenti o drammatici. Anche nella scuola esistono; l’autore in 43 anni di insegnamento ne ha incontrati tanti e ci racconta piacevolmente gli episodi a cui ha assistito. Situazioni, a volte, talmente assurde che farete fatica a credere siano vere. Chi poi ha figli che frequentano la scuola, o devono iniziarla, avrà difficoltà a destreggiarsi fra tutte le norme e le regole che la governano. Per molti anni, infatti, ad ogni cambio di maggioranza parlamentare è corrisposto un intervento legislativo di riforma dell’istituzione scolastica mettendo spesso in difficoltà anche gli insegnanti .Ai lettori si offre in modo semplice e comprensibile a tutti una visione chiara di quanto è successo negli ultimi 50 anni nel mondo della scuola determinando la realtà di oggi. Metà saggio, metà racconto leggero; un modo nuovo per approcciarsi a tematiche spesso trattate con un linguaggio solo per addetti ai lavori.

Perché ho scritto questo libro?

Fin dai primi anni di insegnamento mi sono reso conto di come il mondo della scuola fosse pieno di problemi e contraddizioni: leggi e norme che si accavallavano senza mai risolvere le questioni di fondo, insegnanti spesso mandati allo sbaraglio senza che nessuno si preoccupasse della loro preparazione.
Mi è venuta voglia di condividere le mie conoscenze e la mia esperienza di oltre 40 anni con tutti coloro che la scuola l’hanno vissuta solo come studenti o genitori.

ANTEPRIMA NON EDITATA

Gli anni come docente nella scuola elementare e i grandi cambiamenti degli anni ‘70

Il mio lavoro consisteva nell’accompagnare i bambini alla mensa scolastica, seguirli nell’esecuzione dei compiti, farli giocare, ideare attività che all’epoca si chiamavano integrative. (Dovevano in un certo senso completare la formazione dei fanciulli che era ovviamente data dalle materie tradizionali). Gli alunni provenivano da classi diverse e questo mi consentì di conoscere tutti gli insegnanti.

Molti erano persone serie che svolgevano con impegno il loro lavoro, altri facevano sì che mi chiedessi come fosse possibile che lavorassero in una scuola.

C’era una maestra piuttosto anziana che, giunta a scuola, si metteva le ciabatte, un consunto soprabito nero pieno di patacche che utilizzava come grembiule e un foulard di flanella in testa. Mi incuriosiva sapere quali potessero essere i pensieri dei bambini che si trovavano davanti quella che sembrava la caricatura della Befana. Ma la cosa più sconvolgente la seppi da un bidello una mattina che mi trovavo nell’atrio della scuola, dove c’era la direzione e dove si affacciava anche la classe di questa maestra. Ero in attesa di parlare con la Direttrice quando la vidi fare capolino dalla classe e chiedere qualcosa al bidello.
Continua a leggere

Continua a leggere

Immediatamente dopo vidi uscire una bambina che entrò nel gabinetto riservato agli insegnanti; dopo alcuni minuti uscì, rientrò in classe, uscì la maestra che a sua volta fece ingresso nel gabinetto. Questo via vai mi lasciò perplesso e il bidello, resosi conto di ciò, mi spiegò che, quando doveva andare in bagno, prima gli chiedeva se ci fosse la direttrice in giro e, avuto il via libera, mandava una bambina a scaldarle la tavoletta del Water e poi andava in bagno quando questo aveva raggiunto la temperatura desiderata.

Un altro personaggio ineffabile era un maestro giunto da poco a Genova dalla Calabria che si esprimeva in un linguaggio difficilmente comprensibile; dal suo vocabolario erano spariti i congiuntivi, era faticoso capire i suoi discorsi perché l’accento calabrese era veramente forte; gli alunni spesso si guardavano chiedendosi cosa avesse detto. La sua cultura era a dir poco lacunosa; vedendo il documento d’identità di un papà nato a Massaua disse:

“Ah lei è di Aosta!”

Confondendo la sigla (AO), Africa Orientale, con la targa automobilistica. Quell’episodio mi fece comprendere che anche la storia non era il suo forte.

Il personaggio più inquietante era un’altra maestra che arrivava a scuola in Mercedes suscitando il mio stupore perché mi sembrava strano che con lo stipendio da insegnante potesse permettersi una simile auto, visto che non aveva sposato un riccone. Scoprii presto l’arcano; aveva chiesto ed ottenuto la sede di sevizio presso una piccola succursale nella zona più popolare e povera del quartiere con classi piccolissime di 8/10 alunni. Nella scuola aveva fatto installare una seconda linea telefonica di cui provvedeva a pagare la bolletta. Grazie a questa poteva svolgere la sua attività di agente immobiliare; credo passasse più tempo al telefono che in classe. In caso di appuntamenti, lasciava i suoi alunni ai colleghi e andava a guadagnarsi quanto necessario per pagare la Mercedes. La cosa più triste era rappresentata dalla scelta della sede: famiglie povere con molti semi-analfabeti che non davano alcuna importanza alla scuola e che perciò non gli ponevano alcun problema.

Vi era poi un cospicuo gruppo di docenti, preoccupato dall’uscita dei decreti delegati, che si sentì investito di una missione spirituale: ritenevano la partecipazione dei genitori agli organi collegiali e il tempo pieno sostenuto dai partiti della sinistra, in particolar modo dal PCI così come dalla CGIL scuola, un tentativo subdolo dei comunisti per togliere i bambini dalle famiglie e dalle parrocchie per farne dei piccoli Kmer rossi.

Anche nei confronti dei docenti del doposcuola comunale avevano un atteggiamento scostante, sembrava fossero risentiti nei nostri confronti; il motivo era costituito dal fatto che a Genova si era da poco insediata una giunta di sinistra dopo molti anni di amministrazione democristiana, perciò tutto quello che proveniva dal comune veniva vissuto come un tentacolo dei socialcomunisti.

Fra le altre cose quelle giunte furono il meglio che io ricordi per quanto riguarda i servizi socio-educativi. Si passò da una logica meramente assistenziale, pur anch’essa utile, a quella di servizio sociale. Ciò non solo nei termini, (l’Assessorato all’assistenza fu trasformato in Assessorato ai Servizi Sociali) ma soprattutto nei contenuti. L’assessorato alla pubblica istruzione lanciò servizi quali l’Inchiesta Sulla Città che offriva alle scuole la possibilità di visite guidate presso musei, luoghi di lavoro, strutture cittadine; ad esso si affiancarono il progetto di Turismo Scolastico che prevedeva scambi di una settimana con classi di altre città, la trasformazione delle colonie estive ed invernali da luoghi in cui i poveracci potevano mandare i propri figli in vacanza in momenti di aggregazione ed esperienze  di gruppo per moltissimi ragazzi, nonché l’occasione per le classi di poter usufruire delle settimane bianche.

Anche il doposcuola andò lentamente cambiando per trasformarsi in quello che divenne il S.I.S.CO.: Servizi Integrativi Scolastici Comunali. I docenti venivano finalmente preparati con corsi di formazione e aggiornamento, alle scuole si offriva non più solo un servizio di “babysitter” per il pomeriggio, ma anche laboratori per le classi al fine di realizzare una didattica innovativa in cui il “sapere” finalmente si abbinava al “saper fare”.

Tutto ciò a molti degli insegnanti con cui ho avuto a che fare non importava, sembrava che il Comune di Genova non avesse attinto alle graduatorie dei diplomati dell’Istituto Magistrale ma direttamente dagli iscritti alle case del popolo.

Qualsiasi proposta didattica era guardata con sospetto e spesso boicottata.

Si candidarono per le prime elezioni dei Consigli di Circolo, anch’essi visti come la Caporetto del governo all’avanzata del partito comunista; loro dovevano costruire la linea del Piave.  Si attivarono anche per favorire il voto per le liste dei genitori promosse dagli iscritti alla Democrazia Cristiana.

Le riunioni di un organismo che avrebbe dovuto occuparsi di attività extra, para, inter scolastiche divennero la riproposizione di una specie di piccolo parlamento. Se qualche insegnante, meno condizionato da queste assurdità, osava accogliere le proposte di un genitore veniva circondato, catechizzato e messo alla berlina dall’intero collegio docenti, spingendolo inevitabilmente ad assumere un ruolo defilato per il quieto vivere.

Queste cose non solo le ho vissute personalmente ma ho potuto verificare che un tal clima si è respirato in molte scuole e per molti anni, dai racconti di altri colleghi; poi c’è stato un avvicendamento generazionale e un cambiamento della società anche se la spinta innovativa, direi quasi rivoluzionaria, di quegli anni si è persa nel tempo.

Fu allora che si passò dal voto al giudizio che, per chi si interessa di didattica, è    semplicemente uno strumento meno rigido che consente di valutare il bambino in modo non schematico tenendo conto   della sua personalità, del suo percorso di crescita, dei suoi problemi, delle sue difficoltà, degli interessi e delle sue attitudini.

Per i guardiani dell’ortodossia anche questo era un tentativo comunista di rovesciare la scuola come baluardo della tradizione.

Ricordo in particolare uno di loro, persona seria e scrupolosa che manteneva con il suo solo stipendio una famiglia di 7 persone. Credo di averlo visto quasi sempre con gli stessi vestiti e, visto qual era il suo stipendio, non sarebbe stato possibile diversamente.

Al suo posto chiunque si sarebbe preoccupato di come incrementare le entrate famigliari; lui no, girava i circoli parrocchiali per spiegare come correlare i giudizi con i vecchi voti; “cambiare perché nulla cambi” non era evidentemente solo il motto del Gattopardo.

Un giorno entrai, del tutto casualmente, in una di queste riunioni; l’imbarazzo che si creò fu incredibile; sembrava avessi sorpreso un bambino con le mani nel barattolo della marmellata.

Quello che mi sconvolgeva di più era che a spingere le iniziative dei “guardiani” era soprattutto l’“agente immobiliare”; non era mai presente ma offriva il suo sostegno morale.  Lei temeva i cambiamenti non per ragioni ideali o politiche, ma molto, molto personali: la presenza di genitori nella scuola poteva portare alla luce i suoi intrallazzi.

Per quanto l’insegnamento fosse ed è libero, nella scuola erano presenti quelli che ora si chiamano Dirigenti Scolastici e che hanno sempre avuto anche una funzione di controllo.

La Direttrice Didattica di allora era formalmente presente ma se non ci fosse stata non sarebbe cambiato nulla.

Di tutto quello che accadeva nella scuola non si preoccupava a meno che non le creasse dei problemi.

I docenti, conoscendola, evitavano di sottoporle questioni; per loro il riferimento era esclusivamente la maestra vicaria che era anche il capo dei “guardiani”.

La Direttrice viveva nel suo ufficio buio e deprimente; mi sono sempre chiesto se fosse l’ufficio a rendere depressa la dirigente o viceversa. Arrivava a scuola alle 9 e alle 12 in punto tornava a casa.

Il segretario, un ex maestro elementare evidentemente annoiato dall’insegnamento, mandava avanti tutte le pratiche ed era facile trovarlo in ufficio anche nel tardo pomeriggio.

Dopo alcuni anni, in provveditorato si resero conto dell’andazzo e fecero presente alla Direttrice che il suo orario doveva essere di 36 ore la settimana; preso atto del problema andò in pensione.

Le mie colleghe insegnanti del doposcuola non si dimostravano certo migliori di buona parte del corpo docente. Pescate da una graduatoria basata sul punteggio della maturità, sull’età e su eventuali supplenze fatte, venivano chiamate e mandate in classe senza alcuna preparazione specifica e senza verificare in alcun modo se fossero idonee all’insegnamento.

L’istituto Magistrale in teoria avrebbe dovuto preparare i docenti, in pratica era un bignami di un liceo con aggiunte quattro nozioni di pedagogia e di psicologia. Con l’esperienza di oggi posso dire che eravamo in grado di insegnare quanto possa essere in grado di guidare un autobus chi ha imparato ad andare in bicicletta.

Troverai qui tutte le novità su questo libro

Commenti

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Cattedre e gessetti – Storia (semi)seria di mezzo secolo di scuola italiana”

Condividi su facebook
Condividi
Condividi su twitter
Tweet
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Piero Passariello
Nato e vissuto a Genova scopre per caso la passione dell’insegnamento durante le lezioni di tirocinio didattico all’Istituto Magistrale e decide che quella sarà la sua vita lavorativa.
Inizia come maestro elementare ed educatore nelle colonie estive del Comune, frequentando nel frattempo la facoltà di filosofia che abbandona a pochi esami dal termine per iscriversi all’ISEF che nel 1979 apre una sede a Genova.
Vince il concorso e passa alla scuola media dove insegnerà per 35 anni educazione fisica scrivendo insieme ad un collega libri di testo della materia fra i più venduti in Italia.
Sposato da quasi 40 anni con una compagna di vita meravigliosa, con tre figli stupendi ed ora anche nonno continua dopo la pensione ad allenare squadre di pallavolo di bambini e preadolescenti.
Piero Passariello on FacebookPiero Passariello on Instagram
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

Questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti per aiutarci a migliorare la tua esperienza di navigazione quando lo visiti. Proseguendo nella navigazione nel nostro sito web, acconsenti all’utilizzo dei cookie. Se vuoi saperne di più, leggi la nostra informativa sui cookie