Accedi Registrati

Correndo a vuoto

correndo a vuoto
Overgoal! Un ufficio stampa curerà la visibilità sulla stampa tradizionale e su quella online. Un promotore professionale proporrà il libro ai librai, una strategia dedicata di marketing online consiglierà il libro a nuovi potenziali lettori.
Goal! Il manoscritto passerà alla fase di editing, revisione, progetto grafico e stampa. Una volta pronto, il libro verrà pubblicato in formato cartaceo e ebook, e reso disponibile all'interno del circuito di Messaggerie Libri e nei più importanti store online.
18% Completato
205 Copie all´obiettivoi
Al raggiungimento dell’obiettivo il libro verrà pubblicato
83 Giorni rimasti
Svuota
Quantità
Bozze disponibilii
Se pre-ordini il libro, potrai cominciare a leggere subito le bozze del manoscritto

Gabriele è nato all’inizio degli anni sessanta. Lo conosciamo bambino, nel
1967, e lo ritroviamo ragazzo nel 1978. Due anni molto importanti, non solo per
lui.
Gabriele è piccolo, compirà sei anni alla fine dell’estate, tanto che il pallone “Super Tele” che rincorre dalla mattina alla sera sulla spiaggia dei bagni Lido sembra enorme. Tra poco tempo, per definire la sua magrezza diranno che sembra un bambino del Biafra.
Nella prima parte (Blowup), ambientata nel 1967, Gabriele attende di
iniziare la scuola elementare, passa l’estate in vacanza con la madre in un paese della riviera ligure mentre il padre lavora e li raggiunge nei fine settimana. Da grande vuole fare il pilota degli aeroplani, l’anno passato diceva il gommista. Ha imparato a leggere prima di iniziare la scuola, gattonando sui quotidiani, e racconta spesso alla mamma o alla nonna una qualche notizia che l’ha particolarmente colpito. Sono proprio le notizie, quello che succede fuori dalla casa in cui vive con loro mentre il padre lavora quasi sempre via, a scandire il racconto di un anno di vita del bambino, figlio unico di una famiglia come tante allora.
Correre è da solitari, e anche quando incroci qualcun altro che corre come te, ti scambi al massimo un cenno d’intesa, difficile che ti metti a sprecare il fiato per chiacchierare. Gabriele usciva dal palazzo tra le sei e le sette, mentre la città iniziava a svegliarsi.
Nella seconda e terza parte (Correndo a vuoto e Tre labirinti, legate alla prima da un “bridge”, per usare un’espressione mutuata dalla musica), Gabriele fa il liceo. Ha la grande passione per la corsa. Crescendo in una città di provincia, quello che succede in quel 1978 è più percepito che vissuto in prima persona. Frequenta, a scuola e fuori, i ragazzi della sinistra, che però non lo considerano dei loro, visto che viene da una tipica famiglia borghese. Suo compagno di banco e migliore amico è Effe, figlio di un operaio di una locale fabbrica in crisi. Quando in classe arriva Nora, tutto cambia.

Perché ho scritto questo libro?

Ho scritto ‘Correndo a vuoto’ perché credo di avere qualche buona storia da raccontare, e penso possa piacere a chi in un libro cerca ancora il racconto, dei personaggi e una storia, non solo a chi ha vissuto quegli anni (almeno la seconda metà degli anni settanta, senza tornare agli anni sessanta).

09 giugno 2018

Aggiornamento

Volete ascoltare la colonna sonora della prima parte di 'Correndo a vuoto'?
La trovate su Spotify a questo link!
07 giugno 2018

CorriereAL

Dall'intervista del CorriereAL all'autore: Perché il tuo libro proprio con Bookabook, allora? Mi affascina, e ti confesso mi spaventa in ugual misura, l’essere misurato oggettivamente da chi davvero decide se quello che ho scritto meriti di essere letto. Io spero di sì. Link all'intervista qui!

Commenti

Non ci sono ancora commenti o recensioni.

Lascia il primo commento su “Correndo a vuoto”

Beppe Giuliano
Beppe Giuliano, alessandrino, lavora al Centro Studi di un’associazione. Papà di Paolo e Francesco. Giornalista pubblicista, un tempo chitarrista. Un blog con un gran bel nome (grandetaxigiallo) e una rubrica settimanale di racconti attorno allo sport.
Beppe Giuliano on sabwordpressBeppe Giuliano on sabtwitterBeppe Giuliano on sabfacebook

Questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti per aiutarci a migliorare la tua esperienza di navigazione quando lo visiti. Proseguendo nella navigazione nel nostro sito web, acconsenti all’utilizzo dei cookie. Se vuoi saperne di più, leggi la nostra informativa sui cookie