Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Deicida
80%
41 copie
all´obiettivo
59
Giorni rimasti
Svuota
Quantità
Consegna prevista Luglio 2022
Bozze disponibili

Reian è una ragazzina temprata da un’infanzia di violenze e povertà. Spinta dall’unico sostenitore su cui può contare – la sorella Selene – si lancia in una missione folle: distruggere le divinità, simbolo della società che l’ha emarginata ed esclusa.
Il viaggio che intraprende fa vacillare le sue convinzioni più ferme, portandola a rinnegare il suo credo e a tradire i suoi cari.
Così, quella che doveva essere una crociata contro il pantheon del mondo di Styrlia, si rivela ben presto essere una lotta contro se stessa e i propri valori.

Un viaggio di introspezione per compiere la propria vendetta.

Perché ho scritto questo libro?

Era una calda estate di qualche anno fa. Sdraiato su una distesa di sabbia ramata in un angolo di Creta, osservavo annoiato la battigia affollata. Ad un tratto, un’idea bislacca mi balzò in mente: perché non ingannare il tempo scrivendo?
E fu così che nacque, sotto il torrido sole greco, l’intrepida Reian e la sua storia di passione, odio e vendetta.

ANTEPRIMA NON EDITATA

 

PROLOGO

Parte 1

INSEGUIMENTO

786 DFI, 80° giorno di Fruttuosa. Regno di Casmion, nei pressi di Talos.

«Hey, tu! Ridammi la cesta!» strepitò Trasios, nel vano tentativo di attirare l’attenzione della piccola fuggitiva.

Niente da fare, la bambina non aveva nessuna intenzione di ascoltarlo e continuava imperterrita la sua corsa disperata tra i campi coltivati che circondavano Talos.

Maledetta. Espirando tutta la sua frustrazione in un lungo sospiro, il giovane contadino osservò il gregge di nuvoloni che lo sovrastava, maledicendosi per essere uscito in una notte così uggiosa.

Questo dannato acquazzone mi sta entrando nelle ossa!

Il fragore di un tuono lo scosse dalla sua indolenza, spingendolo a continuare l’inseguimento: i suoi piedi si muovevano veloci sul terreno scivoloso, schivando insidie celate alla sua vista ma non alla sua memoria.

Non andrai lontano.

Quasi facendo eco ai suoi pensieri, gli appezzamenti di grano che i due stavano percorrendo si interruppero bruscamente, limitati da un torrente gonfio a causa delle recenti precipitazioni. La ladruncola si voltò per controllare la posizione di Trasios, rivelando due occhi sgranati dalla paura. Il panico annegò la sua razionalità, spronandola a guadare il fiume nonostante la forte corrente.

Pazza!
Continua a leggere

Continua a leggere

Il giovane non si diede per vinto e immerse a sua volta gli stivali nelle acque scure, rabbrividendo a causa della temperatura gelida. «Ladra! Ti ho visto uscire dalla villa dei Thaliar! Restituisci quello che hai rubato e non ti farò alcun male!» Le lunghe leve gli permettevano di attraversare il corso d’acqua agilmente, mentre la fuggitiva – con il livello del torrente ormai alla gola e le mani occupate a non far inzuppare il suo prezioso bottino – arrancava.

In men che non si dica fu su di lei: la agguantò con un forte strattone, avendo cura che la cesta passasse nelle sue mani senza toccare la superficie del fiume. La bambina si lasciò trascinare verso la sponda più vicina senza opporre alcuna resistenza, consapevole di non poter nulla contro la forza del suo rivale. Appena i due giunsero sulla riva ghiaiosa, il giovane uomo la costrinse in ginocchio con un gesto brusco.

Finalmente al sicuro dall’impetuosità del corso d’acqua, Trasios si concesse un istante per riprendere fiato e per scrutare la ladra: una matassa arruffata di capelli castani faceva da cornice ad una faccia di bell’aspetto, ma pallida e malnutrita. La piccola non ricambiò lo sguardo e continuò a fissare con aria colpevole il torrente, raggomitolandosi per conservare il poco calore corporeo che le acque gelide non erano riuscite a sottrarle.

«Hey, lo sai che è vietato rubare? Perché lo hai fatto?» In tutta risposta, due grossi lacrimoni solcarono le guance scavate dalla fame della bambina, facendo pentire il ragazzo della sua irruenza. Calmati: è solo una randagia affamata. Avrà cercato di rubare due pagnotte. «Come ti chiami?» «Se-le-ne» balbettò, singhiozzando tristemente.

«Perch…» La fuggitiva scoppiò in un pianto a dirotto, troncando la domanda del suo interlocutore. Il contadino decise di concederle un attimo di pace e dedicò la sua attenzione all’oggetto rubato: un drappo di cotone era avvolto intorno alla struttura in vimini, proteggendo qualsiasi cosa ci fosse all’interno. Le sue mani lavorarono sul tessuto senza riuscire a slegare i nodi, zuppi d’acqua piovana. Stizzito, recuperò un coltello seghettato dalle tasche dei pantaloni e ridusse a brandelli la stoffa, rivelando il bottino. La scoperta gli ghiacciò il sangue nelle vene.

Non può essere…

Una crepa luminosa squarciò la parete di nuvole color pece che lo sovrastava, mostrandogli il volto di una fanciulla di poche settime avvolto in un batuffolo di lana.

Una neonata. Posando la lama che impugnava, il contadino allungò le mani per recuperare il prezioso contenuto della cesta e stringerlo a sé. La distanza ravvicinata gli permise di notare un dettaglio ancor più sconvolgente.

I suoi occhi sono affetti da eterocromia. Esiste solo una bambina così in tutta Talos. Devo riportarla immediatamente ai conti…

Un dolore lancinante lo trafisse al fianco, mozzando il filo dei suoi pensieri. Istintivamente portò la mano destra alla zona lesa, per comprendere cosa stesse accadendo. Ciò che vide lo inorridì: poco sopra l’anca, il manico della sua lama spuntava come una protuberanza a lui estranea.

Io… sono ferito.

Sotto shock, allentò la presa sul fagotto che teneva tra le braccia, lasciando scivolare a terra il cucciolo d’uomo che teneva a sé. Mentre il pianto sconsolato della neonata iniziava a coprire il rumore della pioggia, afferrò l’arma con dita tremanti: «Cartucle, dio delle Sementi e della Raccolta, dammi la for…» Senza attendere la fine della preghiera, estrasse il corpo estraneo dal suo fianco con un colpo secco. Un ringhio carico di sofferenza sovrastò il rumore dei tuoni e il vagito della piccola, mentre il dolore lo portò sul baratro dell’incoscienza.

Aaah, cazzo! Che male!

Con le pupille dilatate dall’adrenalina, Trasios si guardò intorno, in cerca di aiuto. I suoi occhi rotearono confusi, individuando ben presto Selene: la bambina aveva smesso di piangere e lo fissava impassibile.

«Cosa. Successo?» gracchiò, incapace di articolare una frase, mentre si distendeva al suolo nel vano tentativo di calmare gli spasmi che contraevano il suo corpo. La ladruncola non rispose e recuperò il coltello sporco di sangue, impugnandolo con ambo le mani.

La verità si fece strada lentamente nella mente del contadino, rivelandogli quanto accaduto poco prima: «Tu.» Prima che la consapevolezza di quella nuova scoperta si concretizzasse in un piano di difesa, la fuggitiva si mise a cavalcioni su di lui e la lama scarlatta si alzò in cielo, brillando sotto la luce elettrica dei lampi che squarciavano le nuvole. Paralizzato dallo sguardo glaciale dell’assalitrice, osservò l’arma conficcarsi nel suo stomaco.

Un verso animalesco di sofferenza misto a un gorgoglio rauco dal sapore di morte riempì la notte mentre la piccola ripeteva l’operazione con fare meccanico più e più volte, finché la sua energia si esaurì. Poi, tutto tacque.

Il dolce mormorio della pioggia tornò a coprire gli ultimi rantolii di Trasios, il sibilo sincero della lama e il respiro affannoso di Selene. L’acqua che cadeva dal cielo iniziò a lavare le mani e il volto imbrattato di sangue della bambina, perdonandola del misfatto appena compiuto. Anche lo spirito del contadino si calmò, quasi avesse accettato la sorte che l’attendeva. Solo una domanda lo tormentava:

Perché?

Come se potesse leggergli nella mente, la ladruncola si avvicinò al suo volto per assicurarsi di essere udita. I suoi occhi cenere incontrarono quelli verdi del giovane morente, rivelando al malcapitato un riflesso di pazzia e folle determinazione: «Lei è mia sorella.»

Cosa? No. Lei è la figlia dei conti Thaliar.

L’assassina si allungò per recuperare la neonata e portarla a sé, rivelando inavvertitamente il ciondolo che indossava. Si trattava di una pietra color ossidiana di forma perfettamente pentagonale – se non fosse per un angolo scheggiato – che pulsava di una flebile luce bluastra.

Il Cuore di un dio… chi diamine sei tu?

«Ciao…» Il bebé smise di piagnucolare e osservò con sguardo curioso l’essere umano che era entrato nel suo campo visivo. «Non preoccuparti, mi prenderò cura di te.» Trasios osservò lo scambio di battute seguendo la coppia con la coda dell’occhio, mentre la morte iniziava a farsi strada nelle sue membra, spegnendo la linfa vitale della sua giovane esistenza. «Non importa chi eravamo prima, ora sei la mia sorellina sai? Io sono Selene, Se-le-ne, e tu sei…» Un attimo d’esitazione colse la bambina dai capelli castani, che poi concluse con ferma convinzione: «Reian!»

In quel preciso istante, il cuore del ragazzo smise di battere, annunciandone la fine imminente. Una goccia più salata delle altre gli rigò il volto mentre il suo ultimo barlume di coscienza si isolò dalla realtà circostante, per inseguire i dolci ricordi dei momenti passati con la sua famiglia.

2021-11-16

La Provincia di Como

[Un libro fantasy in dono all'Italia] "Deicida" e Reian raggiungono anche la stampa e sbarcano in edicola! Articolo de "La provincia di Como"
2021-11-08

Aggiornamento

Buongiorno a tutti! A due settimane esatte dalla partenza della campagna ci tenevo a ringraziarvi di cuore per il sostegno che avete dato a "Deicida" e a me. Abbiamo fatto il giro di boa, raggiungendo il 50% dell'obiettivo. Deicida ha ancora bisogno di voi. Il primo passo è stato fatto, adesso dobbiamo provare a fare il secondo. Se la storia vi è piaciuta, consigliatela a un amico lettore e portiamo insieme "Deicida" in libreria 🔥 Per qualsiasi aggiornamento sul libro segui @deicida_book su instagram!

Commenti

  1. Francesco Esposito

    È una favola bellissima, quella che avrei voluto sentirmi raccontare ogni sera da bambino, quella che avrei voluto vedere raccontata in un film. Sublime Marco, hai costruito un mondo fantastico, talmente nitido, che quasi sembra reale, i tempi, i luoghi, gli eventi individuali vissuti esattamente incastonati nel racconto. Grazie Marco, non vedo l’ora di proseguire nella lettura di questa meravigliosa favola.

  2. (proprietario verificato)

    ” Emozione”…. è ciò che cerco quando leggo un libro, quando guardo una fotografia o un film, quando ascolto musica.
    “Deicida” mi ha condotto nel viaggio dell’emozione più bella, quella che ti tiene sospesa sul filo invisibile dell’attesa di ciò che accadrà e che ti permette di assaporare ogni particolare del racconto.
    La cura della narrazione ti porta dentro la storia ,lasciando spazio al tuo immaginario e consentendoti di viverla in modo unico e personale, condividendo stati d’animo e fragilità proprie dell’essere umano e forse anche tue. Grazie!
    Spero di continuare ad emozionarmi con Reian . Complimenti Marco !

  3. Angelica Razzi

    Di solito quando leggo un fantasy la parte che mi piace meno è sempre la componente romance, Marco è riuscito invece a farmi appassionare anche a quella. Pesata nel modo giusto, senza essere troppo eccessiva o esagerata.

    Deicida è un romanzo avvincente, dove tutte le componenti si incastrano alla perfezione. Lo stile sobrio ma curato dove necessario, i personaggi ben caratterizzati, la trama coerente e ben strutturata fanno sì che il romanzo non sia mai noioso per tutte le sue pagine.

    Non vedo l’ora di avere tra le mani il secondo visto che – unica nota “negativa” – non te ne accorgi nemmeno di finire Deicida: leggendolo naturalmente scorreresti alla pagina successiva, che però non esiste ancora.

  4. Giulio Marchi

    Le avventure di Reian & Co in Deicida iniziano in un percorso introspettivo che li fa maturare e affrontare sempre più consapevolmente il destino che è capitato loro. Ho amato queste pagine, l’ironia della scrittura che sa dare un break dai momenti pesanti. Ho apprezzato il mescolarsi di tutte le credenze che confluiscono in un unica realtà: la lotta contro sé stessi. Che dire! Complimenti a Marco che è stata capace di mescolare molteplici personaggi così bene in queste pagine che mi hanno accompagnato in un viaggio stupendo. Lo consiglio e aspetto il seguito 😉

  5. Venexia Castri

    Ho avuto modo di leggere le prime pagine, discrete potenzialità. Potrebbe interessarmi, purché venga effettuato un buon lavoro di editing. Avrei preferito una sinossi più accurata. In bocca al lupo.

  6. Ho letto “Deicida” tutto d’un fiato. Il romanzo è coinvolgente, la scrittura scorrevole e il fatto di aver diretto accesso ai pensieri dei personaggi rende impossibile non immedesimarsi nella giovane e intrepida protagonista. Le descrizioni succinte lasciano spazio alla fantasia del lettore e rendono ancora più fluida la narrazione.

    Una lettura consigliata per chiunque cerchi un momento di evasione che sappia discostarsi dal classico medieval fantasy.

  7. Matteo L Ratti

    (proprietario verificato)

    Grandissimo Fendo! Era da un po’ che aspettavamo la pubblicazione 😉

  8. (proprietario verificato)

    L’anteprima è davvero mozzafiato!!

Aggiungere un Commento

Condividi su facebook
Condividi
Condividi su twitter
Tweet
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Marco Fendoni
Espatriato trentenne, esplora l'Europa per mettere infine radici a La Rochelle, una ridente cittadina sulla costa atlantica della Francia.
Ingegnere di professione, ama trascorrere il suo tempo libero a cavalcare le onde su una tavola da kitesurf e a scarabocchiare riguardo mondi che non esistono. Dopo qualche anno di esitazione, ha messo nero su bianco la sua prima opera: “Deicida”.
Marco Fendoni on FacebookMarco Fendoni on Instagram
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

Questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti per aiutarci a migliorare la tua esperienza di navigazione quando lo visiti. Proseguendo nella navigazione nel nostro sito web, acconsenti all’utilizzo dei cookie. Se vuoi saperne di più, leggi la nostra informativa sui cookie