Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Electus

La campagna di crowdfunding è terminata, ma puoi continuare a pre-ordinare il libro per riceverlo prima che arrivi in libreria

Svuota
Quantità
Consegna prevista Dicembre 2021
Bozze disponibili

Una tranquilla domenica al lago per Austin e Lorenzo per poco non si trasforma in tragedia, ma permette ai due amici di incontrare Rebecca e Susanna.
Tra Austin e Rebecca nasce una storia d’amore tanto inaspettata quanto passionale e, da questa unione, Austin scoprirà che la storia del mondo e della religione come noi la conosciamo, altro non è che un’enorme menzogna.

Un’antica guerra tra creature celesti prosegue da secoli senza una soluzione; solo una persona, l’Electus, potrà mettere la parola fine a questo conflitto, ma per farlo dovrà recuperare tre reliquie. Ne nascerà un’avvincente corsa in giro per l’Italia, partendo da Bergamo e ritorno, alla ricerca di un’arma che sconfigga definitivamente il terribile basilisco James. In questo viaggio Austin scoprirà che nella fede non esiste solo una questione dogmatica, ma anche una parte di conoscenza. Rivivrà momenti del suo passato e della storia che hanno segnato per sempre il modo collettivo di interpretarla.

Perché ho scritto questo libro?

Ho sempre avuto un debole per il mito, la cultura orientale, l’avventura e per i draghi. Avevo deciso che, se mai avessi scritto qualcosa, non avrei potuto non parlare di loro; ma volevo farlo in un modo nuovo, un modo che esulasse dagli sputafuoco che tutti conoscono. Così, in un periodo in cui leggevo molto ed ero all’apice della mia ispirazione – tanto che rivisitavo favole della buonanotte per la mia prima figlia – ho provato a “buttar giù” qualche idea. Quelle pagine sono diventate Electus.

ANTEPRIMA NON EDITATA

Solo, nel buio della fredda notte, si aggirava furtivo per le strade dalla città deserta. Il coprifuoco era già iniziato da parecchio e farsi trovare fuori a quell’ora poteva rappresentare un grosso problema. Non ricordava il perché non fosse in casa a godersi quei momenti di tranquillità che la guerra concedeva così di rado, sentiva solo il bisogno di tornarci e lasciarsi tutto alle spalle.

L’odore di morte e polvere che riempiva l’aria non era un problema, non lo era mai stato e non avrebbe dovuto esserlo se sei un ragazzo di vent’anni nato in una parte di mondo martoriata da anni di pseudo crociate religiose. Tutto questo però era diverso, non c’entrava niente con la guerra, niente con l’odio razziale, niente col giusto e lo sbagliato. Era… era… era soltanto la messa in onda di un brutto incubo, creato dalla sua testa, da cui risvegliarsi la mattina seguente completamente sudati.
Continua a leggere

Continua a leggere

Appoggiato, con le spalle al muro ad una fatiscente abitazione semidistrutta dai bombardamenti, attese il passaggio della camionetta di ronda che stava illuminando a giorno la via principale con i suoi fari al LED. Un rivolo di sudore freddo gli arrivò alle labbra e il sapore acre della sabbia lo convinse a sputare per terra l’ultima goccia di saliva che gli era rimasta in corpo. Il respiro era affannoso e la sete cominciava a bruciargli la gola. Da quanto non beveva? Da quanto era lontano da casa? Un’eternità. Pochi minuti. Cosa importava? Pochi metri e sarebbe entrato in periferia. Pochi metri e sarebbe stato a una distanza relativamente breve dal suo nido e poi, finalmente al sicuro.

Via libera!

Con uno scatto da centometrista cominciò ad attraversare lo sterrato alzando più polvere di quanto non volesse; il vento contrario gli sferzò il viso costringendolo a socchiudere gli occhi per non farli riempire di sabbia. Era già a metà strada quando qualcosa lo avvolse per la cinta: una corda squamosa lo trasse indietro strattonandolo, quasi rompendolo in due. Il turbante gli cadde a terra rotolando lontano, mentre il suo corpo veniva trascinato sui ciottoli e la terra.

Si sentì sollevare dal suolo e qualcosa attraversò la carne del suo braccio; un dolore bruciante prese a diffondersi dentro di lui come lava che gli occupava le vene sostituendosi al suo sangue. Sentiva la sostanza bollente colargli lungo il braccio e cadere a terra con tonfi sordi. Nessun altro rumore occupava i suoi pensieri.

Nei minuti successivi rimase fermo, senza il coraggio di capire cosa lo stesse uccidendo, solo… il bruciore che lo opprimeva stava cambiando. Gli sembrava assurdo, ma man mano che il dolore aumentava si sentiva più forte di quanto non fosse mai stato e le costole, che sicuramente aveva rotto nello strattone precedente, parevano cercare di sistemarsi da sole.

Le spire però non gli davano tregua e, nonostante il bruciore lo facesse star meglio, sentiva la loro pressione sulla pelle e le ossa continuare a rompersi nella loro morsa. Aveva il corpo inarcato in una postura innaturale e la gola circondata da quella viscida corda squamosa. No, il dolore non si poteva sfogare con un solo grido.

Le lacrime gli rigarono il viso mentre gli occhi castani cominciavano a lasciare la loro sede naturale uscendo dalle orbite. Era tutto vero: quell’essere gigantesco che lo osservava da giorni nascosto nell’ombra non era stato un sogno.

Dopo averlo illuso, il bruciore lo stava consumando dall’interno e nell’ultimo sguardo al mondo prima di andarsene – attraverso le venature rosse disegnate dai capillari spezzati – riuscì ad alzare gli occhi verso il suo carnefice: due pupille verticali, incastonate in occhi ambrati grandi come palloni da calcio, lo fissavano trionfanti e divertite.

Una fila infinita di denti.

Una lingua biforcuta e uno sbuffo di alito sazio di perdizione.

Buio.

Nulla.

2021-07-16

Aggiornamento

Ormai ci siamo. Mancano pochissimi giorni alla chiusura definitiva della campagna (il 27/07) ed è arrivato il momento di ringraziarvi. Purtroppo non potrò farlo personalmente con tutti, ma queste righe vogliono essere un abbraccio virtuale a tutti voi che avete contribuito. Non riesco nemmeno a descrivere che emozione sia pensare di trovare il proprio manoscritto in libreria e mi risulta persino difficile credere che tra qualche mese lo si potrà vedere al fianco delle grandi firme mondiali. Pazzesco. Prima di concludere vi, e mi, faccio una promessa: non sarà l’ultima volta che affronteremo questo viaggio. Non necessariamente avrà le stesse modalità, o forse sì, chi può dirlo? Il futuro è imprevedibile e quando sarà il momento ci penseremo. Ma quel momento ci sarà. E sarà ancora bellissimo. Grazie di cuore. Ramon

Commenti

  1. (proprietario verificato)

    Una storia davvero appassionante, che ti tiene incollato fino all’ultima pagina per sapere come andrà a finire. Anche per chi come me non è un appassionato del genere fantasy. Personaggi ben caratterizzati, impossibile non affezionarsi. Un contesto reale, Bergamo e non solo, che esplode nella fantasia, nell’intreccio di mondi diversi ma uniti tra loro. Insomma, libro consigliatissimo! Aspetto il seguito!!

  2. (proprietario verificato)

    Un romanzo fantasy ambientato a Bergamo é già di per sé una piacevole novità, ma non è questo il punto.
    Il punto è che il romanzo è MAGICO.
    La magia è la cosa più difficile da mettere insieme, la magia è ciò che rende un romanzo magnetico.
    Pur non portando niente di nuovo nel mondo del fantasy, questo piccolo capolavoro, regala gioia e dinamicità, e riesce nel difficilissimo compito di catapultarci nel suo mondo.
    Riesce nel difficilissimo compito di farci entrare nel cuore dei personaggi
    Come una canzone, che ti piace troppo e non sai neppure perché, questo romanzetto fantasy, ti entra nel cuore e ti rimane nella testa.

  3. (proprietario verificato)

    Un lago ondeggiante e misterioso, una città antica e affascinante che non guarderò più con gli stessi occhi. Esseri fantasiosi, creature magiche ma anche amicizie e amori, in fondo sono una sentimentale. Questi gli ingredienti che mi hanno fatto amare il libro Electus. Non vi dico di più per non rivelarvi la sorpresa.

  4. (proprietario verificato)

    Trama mai banale, ritmo frenetico, giusto tocco fantasy. Ottimo esordio.
    Consigliato.

  5. (proprietario verificato)

    Un Fantasy “made in Bergamo” davvero sorprendente! Imprevedibile, coinvolgente ed onirico ma allo stesso tempo realistico nelle ambientazioni; i contrasti sono il punto di forza di questo romanzo appassionante. L’autore è stato in grado di rielaborare sapientemente le diverse “contaminazioni”. Da non perdere! Attendo con impazienza il sequel!

  6. (proprietario verificato)

    Ho letto il manoscritto piuttosto scettico, non amo il genere fantasy, ma leggendo sono stato catturato dalla storia che riguarda il protagonista, ci ho trovato la descrizione di un’amicizia , di un amore, e la scoperta scioccante di se stesso e della sua vera natura.
    Definirlo un fantasy è piuttosto riduttivo, le vicende si intrecciano in un caleidoscopio di risvolti che spaziano dal romanzo di narrativa, al fantasy, sfiorando la commedia , con un pizzico di proibito, fino ad arrivare ad argomenti piu profondi che toccano la storia la religione e la mitologia.
    Un’avventura ben scritta ,che lascia col fiato sospeso fino all’ultima pagina ,con continui colpi di scena e sorprese.
    Bello ed originale per essere incasellato semplicemente in un genere; da leggere, assolutamente.

  7. (proprietario verificato)

    Questo romanzo fantasy molto avvincente, già dalle prime pagine ti coinvolge a tal punto da leggerlo tutto d’un fiato, per vedere come finisce la storia….
    Non vedo l’ora di leggere il seguito, speriamo presto!

  8. (proprietario verificato)

    Un fantasy che colpisce per l’ambientazione “nostrana”, per l’intreccio tra storia della cristianità, suggestioni orientali e personaggi pieni di segreti. Non vedo l’ora di leggere il seguito!

Aggiungere un Commento

Condividi su facebook
Condividi
Condividi su twitter
Tweet
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Ramon Frattini
Ramon Frattini è nato a Sarnico (BG) nel 1983. Dal 2008 vive a Entratico con sua moglie e tre figlie.
Ha sempre avuto una grande passione per la musica e la lettura, affiancata ad una fervida immaginazione. La sua fantasia si è tradotta dapprima in storie della buonanotte per le bimbe e, col tempo, ha gettato le basi per Electus, il suo romanzo d’esordio.
Ramon Frattini on FacebookRamon Frattini on InstagramRamon Frattini on Linkedin
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

Questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti per aiutarci a migliorare la tua esperienza di navigazione quando lo visiti. Proseguendo nella navigazione nel nostro sito web, acconsenti all’utilizzo dei cookie. Se vuoi saperne di più, leggi la nostra informativa sui cookie