Accedi Registrati

Il maestro di Tolmezzo

OLYMPUS DIGITAL CAMERA
Overgoal! Un ufficio stampa curerà la visibilità sulla stampa tradizionale e su quella online. Un promotore professionale proporrà il libro ai librai, una strategia dedicata di marketing online consiglierà il libro a nuovi potenziali lettori.
Goal! Il manoscritto passerà alla fase di editing, revisione, progetto grafico e stampa. Una volta pronto, il libro verrà pubblicato in formato cartaceo e ebook, e reso disponibile all’interno del circuito di Messaggerie Libri e nei più importanti store online. Overgoal! Un ufficio stampa curerà la visibilità sulla stampa tradizionale e su quella online. Un promotore professionale proporrà il libro ai librai, una strategia dedicata di marketing online consiglierà il libro a nuovi potenziali lettori.
101% Completato
151 Copie vendute
Svuota
Quantità

Il giovane Benito Mussolini, a ventitré anni, ha ricoperto l’incarico di maestro nella scuola  elementare di Tolmezzo, durante l’anno scolastico 1906/7. Un anno da dimenticare, come egli stesso scriverà nell’autobiografia? O invece un anno importante per la maturazione del giovane che l’anno successivo sarà a Trento come giornalista e che in seguito sarà ciò che tutti sanno esser stato?

L’autore da un lato ricostruisce le vicende vissute dal giovane Benito, sulla base d’una attenta ricerca d’archivio e della stampa del tempo; dall’altro cerca di ricostruire il personaggio, sulla base di come lui stesso si presenta nelle autobiografie e di come gli storici hanno ricostruito la sua vita e il suo pensiero negli anni precedenti la venuta a Tolmezzo.

Un romanzo storico che si sviluppa sulla finzione letteraria del ritrovamento di due diari: uno di Mussolini e uno d’un tolmezzino suo grande amico. Questo consente all’autore di proporre una ricostruzione psicologica del giovane maestro in difficoltà in una professione scelta per lui dalla madre, in un ambiente che lo rifiuta per le sue idee di socialista rivoluzionario.

 

Troverai qui tutte le novità su questo libro

Commenti

  1. Igino Piutti

    (proprietario verificato)

    “UN LIBRO CHE HO GUSTATO”. Questo il commento d’un mio amico diventato famoso negli Stati Uniti, che ha avuto modo di leggere il libro in una stampa in anteprima. Ripete alla lettera quello d’un amico personaggio importante in Germania al quale ho dato la stessa possibilità e che mi scrive di averlo “genossen-gustato”.

  2. Igino Piutti

    (proprietario verificato)

    STORICITA’ DEL ROMANZO: Mi è stato richiesto di precisare fino a che punto si può parlare di romanso storico e non di fantasia. Attraverso la stampa del tempo ho ricostruito la vita quotidiana di Tolmezzo del tempo. Ho quindi immaginato come la potesse vivere un giovane maestro che aveva già fatto un “ersamus” in Svizzera. Ho invece riprese alla lettera le notisie di cronache che vedevano Benito come protagonista, quando ha celebrato Gioradno Bruno o s’è messo in testa di pubblicare un oposcuolo anticattolico intitolato “lo Staffile” o quando è finito sulla stampa con l’accusa d’aver bestemmiato in classe (accusa smentita con regolare delibera del Consiglio Comunale!)

  3. Igino Piutti

    (proprietario verificato)

    Gino Grillo, da Il Messaggero Veneto del 23 febbraio 2017. Igino Piutti, ex sindaco di Tolmezzo, ammette di avere il vizio di entusiasmarsi di tutto ciò che gli pare innovativo. Casi, avendo in animo di pubblicare un suo nuovo romanzo – questa volta imperniato sulla figura di Benito Mussolini, maestro elementare a Tolmezzo – che ha intitolato semplicemente “Il maestro di Tolmezzo”, gli è piaciuta l’idea/proposta della casa editrice Bookabook di pubblicarlo in crowfunding in parole povere, a spese dei lettori «L’editore – spiega Piutti – si impegna a pubblicarlo quando 150 lettori avranno pre-acquistato il libro. Se si vuole essere della partita, per se stessi o per farne un regalo, si può andare sul sito https://bookabookit/prodotto/ il-maestro-di-tolmezzo/, leggere l’anteprima, e, se convinti, procedere all’acquisto di una o più copie,. Lo scrittore fa pure sapere che l’editore, qualora i pre-ordini non superino le 50 copie, si impegna a restituire ai sostenitori, entro 10 giorni lavorativi dalla scadenza della campagna di vendita, prevista in 180 giorni, gli importi versati a titolo di pre-ordine. «Il maestro elementare di Tolmezzo”, è l’ultima fatica letteraria di Igino Piutti già sindaco di Tolmezzo poi presidente dell’Agemont, insegnante all’Istituto Magistrale locale e alla sezione di Tolmezzo dell’IstitutoMalignani. Il dato storico da cui si parte è l’esperienza del giovane Benito Mussolini che, a ventitré anni, ha ricoperto l’incarico di mae-stro nella scuola elementare di Tolmezzo, durante l’anno scolastico1906/7. Un anno da dimenticare, come egli stesso scriverà nell’autobiografia? O invece un anno importante per la maturazione del giovane che l’anno successivo sarà a Trento come giornalista e che in seguito sarà ciò che tutti sappiano che è stato? Igino Piutti, ha realizzato il suo romanzo ricostruendo le vicende vissute dal giovane Benito, sulla base di una attenta ricerca d’archivio e della stampa del tempo. Nello stesso tempo ha cercato di ricostruire il perso-naggio, sulla base di come lui stesso si presenta nelle autobiografie e di come gli storici hanno ricostruito la sua vita e il suo pensiero negli anni precedenti la venuta a Tolmezzo. (gg.)

  4. Igino Piutti

    (proprietario verificato)

    Da Alfio Englaro in Cjargne Online.
    Igino PIUTTI non solo non cessa di partorire lavori letterari a getto continuo ma non cessa di stupire per la enorme varietà degli argomenti trattati, tra i quali il presente riveste una importanza singolare e per certi aspetti inedita.
    Questo suo ultimo lavoro è ancora in fieri. E’ però importante, a mio avviso, darne conto fin d’ora sia per le prevedibili discussioni che potrà suscitare in Tolmezzo (e di riflesso in Carnia e in Friuli) sia perchè merita davvero un periodo preparatorio (una specie di novena laico-letteraria) per giungere alla fatidica data del parto con una disposizione d’animo adeguata e soprattutto scevra di pregiudizi, sia storici che ideologici.
    Eh si, perchè finora il clichè di “Benito Mussolini maestro in Tolmezzo” era massimamente sintetizzato nelle due divinità greche più goderecce e amate dal popolino: Venere e Bacco. Meno di una macchietta da avanspettacolo insomma!
    Al termine della lettura di questo lavoro di oltre 300 pagine emerge invece una figura di Mussolini un po’ diversa e direi certamente più completa e complessa di quanto la scarna e lacunosa storiografia ufficiale abbia voluto finora tramandarci.
    Innanzitutto occorre dire che l’autore, prima di incamminarsi su questo sentiero (che a chiunque potrebbe apparire incerto sdrucciolevole e irto di insidie) si è ampiamente documentato, compulsando non solo i vari documenti presenti in loco (cartolari comunali tolmezzini, giornali dell’epoca…), ma leggendo tutta la vasta bibliografia riguardante il Mussolini giovane e tutti gli scritti giovanili di Mussolini, convinto socialista, animato da principi solidaristici e guidato da indomabile spirito rivoluzionario e anticonformista.
    Quindi le fondamenta di questo lavoro sono assolutamente storiche.
    Su queste basi Piutti, intreccia poi da par suo una storia romanzata, dove in assenza di riferimenti certi o di documentazione precisa, inserisce osservazioni e deduzioni personali che, lungi dal corrompere il lavoro o squalificarlo, lo sostengono e lo rendono assai verosimile ed accettabile, in una parola godibile e allettante.

    A ben osservare, si tratta del racconto di un unico anno di vita del futuro duce, di quell’anno trascorso in Carnia a fare il maestro elementare (anno scolastico 1906-1907). Ed anche su questo versante, mentre la (interessata) storiografia ufficiale ci aveva tramandato la figura di un maestro incapace e svogliato, Piutti (già docente di lettere) reinterpreta diversamente Mussolini, delineando una figura di insegnante moderna e certamente avanti coi tempi rispetto all’epoca, un insegnante “alla Montessori” per intenderci, che vuole utilizzare metodi pedagogici innovativi ma del tutto incomprensibili non solo per la società tolmezzina di allora ma anche per gli stessi superiori scolastici…Un aspetto che mi ha incuriosito è stata la predisposizione del giovane Mussolini per le lingue: oltre al francese ed al tedesco (che conosceva assai bene – fu anche brillante traduttore – avendo egli trascorso un prolungato periodo in Svizzera come emigrante squattrinato in cerca di un qualsiasi lavoro), Mussolini volle approfondire la sua conoscenza anche del latino, andando a lezione addirittura dal cappellano di Tolmezzo, seppure per un breve periodo, interrotto a causa di… Ed era ancora giovane!

    L’ultimo aspetto che mi ha colpito è costituito da alcuni lacerti dei suoi scritti politici giovanili i quali vanno ad irrobustire ulteriormente il racconto: viene offerta così la opportunità di conoscere il pensiero socialista del primo Mussolini che non è mai banale, semmai sorprendente, specie pensando al viraggio politico successivo, che a Tolmezzo però non affiorava neppure in nuce; e di viraggi politici ce ne sono stati allora (magari all’incontrario) e ve ne sono ovviamente anche oggi, eccome…
    Questa di Piutti non è nè vuole essere una riabilitazione postuma del duce ma semplicemente una rivisitazione del ventenne Mussolini Benito attraverso “la ricostruzione del contesto storico in cui visse a Tolmezzo… incrociando dati storici e di fantasia”.

    Tra gli aspetti più singolari di questo libro, mi hanno incuriosito i seguenti:

    – il “cretinismo parlamentare”, di cui era (è?) affetta l’Italia del primo Novecento.
    – la figura paterna e quella materna per il ventenne Mussolini
    – gli intrecci amorosi locali del giovane protagonista
    – l’ amicizia e la frequentazione con alcuni socialisti tolmezzini
    – la cooperazione che sta nascendo in Tolmezzo
    – la vita religiosa (bigotta) in paese
    – i giornali dell’epoca con le loro gustose diatribe politiche quotidiane
    – l’ambiente tolmezzino di allora (che mostra sorprendenti analogie con quello di oggi)
    – la meritocrazia della Svizzera e la raccomandazione italica
    – la nascita della Coop Ca della quale abbiamo assistito invece alla sua morte!
    – l’anticlericalismo militante e fiero di molti tolmezzini del tempo (oggi del tutto evaporato)

    Coesistono anche altri elementi non meno curiosi e singolari che emergono nelle varie pagine e che meritano di essere scoperti personalmente da chi leggerà il libro…

    Come è infine strutturato questo lavoro?
    Credo che questo particolare aspetto dell’opera debba restare in embargo, per consentire al futuro lettore di godere appieno delle invenzioni letterarie di Piutti che sa cavare dalla propria indomata fantasia ogni utile marchingegno per costruire le sue avventure storiche o letterarie.
    Personalmente ritengo quindi che questo libro possa essere letto sia come un avvincente romanzo sia come uno spaccato di vita tolmezzina romanzata del secolo scorso, imperniato sì su un singolare personaggio ma indipendentemente dall’ (ir)resistibile percorso politico che lo stesso compirà successivamente; occorre ricordare infatti che nel 1906 Mussolini Benito è solo un anonimo forest socialista anticonformista catapultato in una Carnia sospettosa e bigotta.
    Comunque sia, il lettore ne trarrà vantaggio, ampliando le sue conoscenze storiche locali (e non solo) e trascorrendo alcune ore in ottimo relax, perchè Piutti stimola e sorprende sempre ma non annoia mai.
    Mi sento di ringraziare Piutti per avermi dato questa singolare opportunità. Ora spetta a un Editore serio assumere l’onere e l’onore di stampare questa speciale pubblicazione che si preannuncia fin d’ora come un evento letterario di indubbio richiamo.

Lascia un commento

Igino Piutti
Nato a Tolmezzo (Udine) il 24 febbraio 1943, dopo una vita da insegnante di materie letterarie nei Licei e amministratore pubblico, in pensione, ha riscoperto e ripreso la passione giovanile per la scrittura. Ha pubblicato così, in vario modo, una ventina di libri, di norma romanzi storici nei quali la storia della Carnia, ove è nato e vissuto, diventa l’ordito nel quale si intreccia una trama di riflessioni sul senso della vita.
Igino Piutti on sabwordpressIgino Piutti on sabtwitterIgino Piutti on sabfacebook