Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

Il pensiero disertore

Il pensiero disertore
53%
94 copie
all´obiettivo
66
Giorni rimasti
Svuota
Quantità
Consegna prevista Giugno 2021
Bozze disponibili

Daniele è sensibile e un poco solitario. François si sente colmo d’entusiasmo e indecisione. Le loro storie appaiono scollegate e i due non hanno granché da spartirsi, ma il trasferimento a Venezia scatenerà una serie di eventi che cambierà le carte in tavola. In mezzo alle calli e sotto un cielo pesante, i due studenti saranno costretti a ripensare se stessi, a rallentare il loro percorso di vita per fare i conti con ciò che li ha resi fragili.

Perché ho scritto questo libro?

Perché scrivere è per me come lo scioglimento dei pensieri più intricati. Dare un’organizzazione narrativa al proprio groviglio di emozioni mi aiuta a viverle con più nitidezza, e quindi a capirle. Questo libro ripercorre tanti posti e istanti che ho vissuto a Venezia, dove ho passato quattro anni indimenticabili e fondamentali per la mia scrittura.

ANTEPRIMA NON EDITATA

Prologo

Nella sala di un’università qualunque prendono posto una trentina di ragazzi sulle gradinate più prossime alla cattedra. Il 23 di dicembre sono pochi gli studenti seduti a lezione. All’angolo della scrivania si scorge il docente intento a leggere in attesa dell’orario d’inizio. Di corporatura esile ma con le spalle larghe, i capelli brizzolati e un maglione verde scuro senza pretese, del professore non si può certo dire che abbia un’aria autorevole. Curvo, concentrato nella lettura, con le gambe accavallate, dà un’idea di bassa professionalità.

Dalle gradinate si odono chiacchiere appena attutite degli studenti che, in tono timido e confidenziale, pronunciano elogi nei suoi confronti. La sala ha una capienza di duecento persone, è mezza vuota, l’atmosfera soffusa e intima di quel giorno la trasforma in una sorta di circolo privato. Senza microfono e con il pugno chiuso appoggiato alla cattedra, dopo qualche minuto il professore prende parola.

Continua a leggere

Continua a leggere

La lezione di oggi sarebbe dedicata ad un argomento non previsto nell’esame, ma se ci sono domande relative ad argomenti non chiari fatevi avanti.

Il silenzio era calato in aula e nessuno rispondeva.

Dopo questo primo semestre immagino che molti di voi si siano conosciuti e abbiano fatto nuove amicizie. Magari alcuni saranno riusciti a stringere rapporti di rilievo, dandosi le prime arie da adulti.

Come pare libero il pensiero, come si arricchiscono i ragionamenti quando ci si sente grandi per le prime volte. Pare così semplice lanciarsi in nuove idee, stimolare i propri pensieri con quella sensazione di poter essere finalmente coerenti e di poterlo spiegare, ma avete mai pensato al processo inverso? L’energia mentale è posta in automatico verso l’orizzonte, ma nulla vieta di rivolgerla alle nostre spalle o, se preferite, ai nostri piedi, ove risiedono tutti i perché che vi hanno condotto oggi in quest’aula. Sembra sciocco anche per me, radunare trenta volti freschi e pieni di novità per ricordargli da dove provengono. Ciononostante sono deciso a ricordarvi quanta ricchezza risieda nelle vostre memorie. Agite verso determinati scopi perché vi è stato insegnato o credete sia solo una vocazione personale?

Alcuni studenti parevano non capire, altri erano concentrati.

Gli atteggiamenti con cui vi approcciate agli altri, le possibilità che vi prefigurate mentre vi chiedete fino a dove potete arrivare, sono solo le superfici di quel mondo indistinto che è stato colorato da chi vi ha cresciuti. Anch’essi sono uomini, esseri arbitrari che senza scrupoli hanno tinto la vostra visione della realtà come meglio pensavano, in un atto egoistico mascherato dall’amore.

Émile Zola è un buon esempio, autore di un affresco rivelatore del determinismo che vi è dietro la discendenza familiare. Vissuto in periodi di ancora netta distinzione tra le classi, Zola mirò a denunciare la grave posizione degli operai confrontandola con quella dei più abbienti, creando genealogie espressive di quanto sia irreversibile l’influenza della nostra realtà originaria.

Qui ad ascoltare un futile ossequio prima di Natale vedo persone apparentemente simili tra loro, di non diverso ceto. Tuttavia, la potenza degli insegnamenti e degli spunti arrivati dall’esterno plasma i nostri lati più istintivi. I singoli progetti e, in prospettiva più ampia, le vostre vite sono spesso considerate come strade percorse. Trascurandone la banalità, possiamo analizzare questa similitudine in senso più letterale per allargare la vista ai marciapiedi e alle vie parallele, ove giacciono individui, gioie e sciagure che ci dirigono verso lidi impensabili, cogliendo per un attimo la nostra attenzione, tempo sufficiente ad intervenire nei meandri della nostra personalità.

Trascorse un’ora. Al termine della lezione, il professore fu visto allontanarsi lentamente dall’università, la testa china fissa sul marciapiede.

2020-10-24

Aggiornamento

L'immagine e la lettera si fondono vicendevolmente, una al servizio dell'altra, o unite in un patto di mutua collaborazione. Così un racconto può servire l'immagine facendosi sceneggiatura, così un'immagine può rappresentare le parole di un romanzo. E dunque, il terzo episodio della rubrica sui personaggi de "Il pensiero disertore" si fonda sul vitale sposalizio delle arti. Torniamo a parlare di Daniele, o meglio, di qualcosa che da lui è stato scritto. Una lettera, una confessione, un addio. Non spiegheremo altro, oggi sarà l'immagine a descrivere l'animo del giovane protagonista. Il disegno è di Eva Jervolino, che ringrazio sinceramente. Perché l'immagine può includere solo i tratti superficiali della frase, o indagare sulla sua più recondita significazione. -Testo riportato: "I fiori di glicine ben si addicono al mio stato d'animo. [...]. Elenco mentalmente tutte le tue domande rimaste senz'alcuna risposta, aggrovigliate come serpi intorno alle nostre mani, rese prigioniere di un patto al quale non posso più attenermi."
2020-10-20

Aggiornamento

Cari amici e lettori, sono molto contento d'introdurvi al secondo protagonista de "Il pensiero disertore". Si chiama François e, diversamente da Daniele, appare estroverso e sicuro delle proprie capacità. Le gravi riflessioni che lo attendono fra le calli di Venezia sono ancora nascoste, trasparenti e inevitabili come il torpore che avvolge la laguna. Ancora ignaro di cosa gli accadrà, François rimane folgorato dal nuovo mondo di bellezze che lo accoglie. - Se vuoi rendere possibile la pubblicazione di questo romanzo, ordinalo durante il periodo di campagna!
2020-10-11

Aggiornamento

Ciao a tutti! Questo aggiornamento sulla campagna de "Il pensiero disertore" rappresenta l'inizio di una linea che vorrei tracciare con voi, un segmento che si fermerà in quattro tappe: momenti dedicati a conoscere i due protagonisti della storia. Daniele si sta per trasferire a Venezia, un nuovo mondo di esperienze lo attende. Da subito si nota in lui una certa propensione alla solitudine e alla riflessione intellettuale, che s'intersecano nella sua personalità e gl'inondano la mente di consapevolezza e disillusione. Daniele è certo della propria incapacità, sa di non essere pronto per le sfide in cui la vita sta per gettarlo. Andiamo a conoscerlo meglio con l'estratto qui sotto, e lasciatemi i vostri commenti a riguardo! :)

Commenti

  1. (proprietario verificato)

    Un libro coinvolgente e vicino alla sensibilità di chiunque viva o abbia vissuto una giovinezza di domande e curiosità. Una cornice, quella di Venezia, che restituisce una bellezza sia stilistica che sostanziale delle vicende. I capitoli si muovono in maniera geniale tra due storie separate in parallelo di due ragazzi, che vivono nella stessa città. Una chiave interessante per non limitarci alla singola esperienza di un giovane in una città unica al mondo. Il saggio centrale dà una chiave filosofico-teorica alla storia, che non rimane limitata agli aspetti classici del romanzo.

  2. (proprietario verificato)

    Pre-ordinando la propria copia si ottiene la possibilità di leggere in anteprima digitale il romanzo. Che dire: la struttura dello scritto è forse la cosa che più tiene incollati per tutta la durata della lettura. Gabriele è riuscito a costruire dei personaggi in cui ognuno di noi, in un modo o nell’altro, può immedesimarsi. Francois e Daniele sono due anime in costante ricerca di qualcosa, di un completamento di sè stessi. Ciò è possibile trovarlo unicamente attraverso un viaggio interiore che noi decidiamo di compiere per capire chi e cosa vogliamo essere. Numerose sono le citazioni e riferimenti ai grandi pensatori della nostra storia, messi non per abbellire la storia senza un senso logico, ma per unire i pensieri dei due protagonisti in unico e libero pensiero. Appunto, il pensiero disertore. Quell’anarchia del pensiero che è ciò che ci rende uomini.
    Ultimo appunto va fatto sicuramente alla vera protagonista del romanzo: Venezia. Chiunque abbia vissuto o anche solo visitato la Serenissima, ritroverà nella scrittura le stesse sensazioni che si provano inoltrandosi nelle calli di quella meravigliosa e unica città che è Venezia.

Aggiungere un Commento

Condividi su facebook
Condividi
Condividi su twitter
Tweet
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Gabriele Ovi
Diviso fra Venezia, Tokyo, Modena e Kyoto. Laureato in lingua e letteratura giapponese, cerco di unire l'arte con la vita, e di comprendere cosa esattamente siano. Fra i grattacieli mi sento come in un tornado, nei templi buddhisti vengo pervaso da una calma che mi ricorda com'ero da bambino. Mi piace la vista dal ponte di Rialto e l'aria vaporosa che sale dal canal Grande, ma anche la finestra del salotto di casa non è male: mi ci affaccio spesso e penso a quale sarà la mia prossima destinazione.
Gabriele Ovi on Instagram
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

Questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti per aiutarci a migliorare la tua esperienza di navigazione quando lo visiti. Proseguendo nella navigazione nel nostro sito web, acconsenti all’utilizzo dei cookie. Se vuoi saperne di più, leggi la nostra informativa sui cookie