Accedi Registrati

L’apprendista bardo

«Conosci il significato del tuo nome? Raggio di purezza, luce che monda. È il tuo destino, Raymond, far risplendere di nuovo la purezza dei raggi del sole sul regno di Francia.» Il vescovo Fulcherio tacque, poi osservò: «Sarebbe un miracolo. Ma è il mio dovere, credere ai miracoli».

Seleziona l'opzione d'acquisto

5,9915,00

Svuota
Quantità

Conte per legame di sangue, bardo per istinto del cuore: il giovane Raymond affronta un viaggio dalla sua Provenza a Parigi attraverso una Francia devastata dalla carestia, scontrandosi con la necessità di scegliere tra responsabilità cavalleresche e passione musicale, tra razionalità e magia, tra il dovere e l’amore. Non sarà solo: il maestro bardo Luc, costretto da una maledizione nella forma di uccello, lo guiderà e lo inizierà alla musica magica e al potere delle parole. In un labirinto di sentieri, personaggi e leggende l’apprendista Raymond dovrà districarsi tra luci e ombre dentro e fuori di sé, per decidere infine se seguire il proprio destino, oppure riscriverlo.

Perché ho scritto questo libro?

Si dice che scrivere è creare, io credo, invece, che scrivere sia dare forma a ciò che già esiste in ognuno di noi. Scrivere diventa allora conoscere la realtà, e la magia avviene solo se la fantasia non si sostituisce alla realtà, ma viene riconosciuta parte di essa. Desideravo scrivere qualcosa che si differenziasse dai canoni del fantasy contemporaneo, qualcosa per i lettori più giovani ma che potesse essere apprezzato anche dagli adulti; per i primi, perché credo ancora che i libri letti dal bambino di oggi aiuteranno l’adulto di domani, per i secondi, per ricordargli che l’incanto non è mai perso, solo nascosto, e che questo incanto non è altrove, ma basta dare al nostro mondo la possibilità di incantarci ancora una volta. Nello scrivere questo romanzo non ho fatto altro che ricomporre suggestioni, idee e fantasie, delle quali sono debitore a persone che ho conosciuto, libri che ho letto, luoghi che ho visitato. Nondimeno, sono obbligato a rendere merito al mio cane, un Pastore Abruzzese che mi costringe ad interminabili passeggiate, durante le quali questa storia ha preso forma e contenuto.

Leggi l'anteprima
12 febbraio 2018
L'autore di "L'apprendista bardo" di Quotidiano del Sud, Federico Leonardo Giampà, si racconta sul Giornale del Sud. Di seguito l'articolo a lui dedicato. Buona lettura!

Scansione 11 feb 2018, 11_03

Commenti

  1. (proprietario verificato)

    Ottimo libro. Il connubio magia-musica è accattivante, la trama è coinvolgente e i personaggi sembrano dipinti. Ma il vero punto di forza è lo sfondo, i luoghi in cui si svolge la trama. Vari spunti per apprezzare arnesi, usanze e luoghi passati. Aspettando il sequel.

  2. (proprietario verificato)

    Scrittura elegante e trama coinvolgente. Spiccano l’originalità ( dote rara in questo genere letterario ), le descrizioni sublimi e la profondità di ogni singola pagina. Un romanzo che fa bene all’anima.

  3. (proprietario verificato)

    La magia è arte, e l’arte è magia.
    Nell’una come nell’altra, senti subito l’incanto, o esso non vi è affatto.
    Ho pre-ordinato questo libro perché, sfogliata l’anteprima, ho avvertito l’incanto sin dalle prime righe. So che non deluderà.

Aggiungere un Commento

Federico Leonardo Giampà
FEDERICO LEONARDO GIAMPÀ nasce a Catanzaro nel 1991. È specialista
del Medioevo, laureato in Filosofia e Storia antica e in Scienze Filosofiche.
Ha pubblicato opere di poesia ed è stato finalista del Premio Campiello
Giovani 2007 con il thriller La Nenia del Maestro. Convinto del valore inesauribile del racconto è tornato alla narrativa. L’Apprendista Bardo è il suo romanzo d’esordio.
Federico Leonardo Giampà on sabinstagramFederico Leonardo Giampà on sabfacebook

Questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti per aiutarci a migliorare la tua esperienza di navigazione quando lo visiti. Proseguendo nella navigazione nel nostro sito web, acconsenti all’utilizzo dei cookie. Se vuoi saperne di più, leggi la nostra informativa sui cookie