Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

A qualcuno piace il vintage

A qualcuno piace il vintage
100%
250 copie
completato
18%
82 copie
al prossimo obiettivo
Svuota
Quantità
Consegna prevista Settembre 2021

Milano è una città famosa per tante cose: il Duomo, la Borsa, la movida, ma soprattutto… la moda. C’è un lato di questa moda che ancora pochi conoscono, attraverso cui si può visitare la città. Questa altra moda si chiama vintage: dal centro alla periferia, piccoli negozi pieni di meraviglie e locali in cui il tempo sembra essersi fermato aprono alla visione di una Milano diversa, quasi dimenticata. Ma il vintage non è una prerogativa milanese, nel 2020 il mondo è stato messo in stand-by, negozi e bar hanno dovuto chiudere, chi per un periodo, chi per sempre. Le persone si sono dovute connettere virtualmente, cambiando le proprie abitudini, e anche qui il vintage c’era.
Se ti stai chiedendo che cosa sia questo vintage, come e dove trovarlo e perché dovresti comprarlo, segui Cecilia: con lei farai un viaggio in bici per le strade di Milano e uno virtuale attraverso il resto d’Italia, per dare risposta a queste e molte altre domande.

Perché ho scritto questo libro?

Sono sempre stata una persona introversa e schiva. Ma arriva per tutti il momento in cui non si può più tacere perché si realizza che certe cose vanno cambiate. Ho scritto questo libro per portare a compimento il progetto di Maertens Milano, nato da passione e informazione sul sistema moda e sul vintage, che è l’altra moda di cui per anni non si è parlato. C’è chi lo ha guardato con sufficienza e chi lo ha sempre ritenuto troppo d’élite. Questo libro nasce per aprire le porte del vintage a tutti.

ANTEPRIMA NON EDITATA

Dimmi chi sei e ti dirò qual è il negozio vintage che fa per te

Le prime impressioni sono importanti e forse quando avevo undici anni, se fossi entrata in un negozio vintage adatto alla mia età e al mio gusto, sarebbe stato amore a prima vista. Chi lo sa, forse sì, forse no. Se mi chiedono consigli on line per un primo approccio, opto per negozi che abbiano uno spazio abbastanza grande da offrire una scelta ampia e che non si focalizzino su un unico genere o periodo storico. Devono essere luminosi e ordinati e offrire capi a prezzi intermedi, né troppo cari né troppo economici. Questo perché, non conoscendo direttamente la persona che mi sta chiedendo l’informazione, trovo giusto indirizzarla in un luogo dove possa capire cosa le piace per poi individuarne altri che riflettano il suo stile. A riguardo del lato economico, trovo giusto che la persona in questione non si faccia demoralizzare da prezzi magari troppo alti per i propri standard né si illuda che tutto il vintage costi poco.

Se invece dovessi consigliare un negozio per un primo approccio al vintage a un amico, terrei in considerazione dei fattori personali come età, sesso, possibilità di spesa e gusti. Per questo motivo ho creato tre differenti categorie per sesso in cui potete rispecchiarvi e trovare il negozio più adatto a voi. Se non vi ritrovate in nessuna non temete, c’è anche un negozio adatto agli indecisi.

Continua a leggere

Continua a leggere

L’Edoardo

La leggenda narra che Edoardo, Eddy per gli amici, sia nato con giacca e cravatta e che la sua prima parola sia stata “business”. Ovviamente fa parte della Milano bene e vive nel centro storico perché City Life è da nuovi ricchi. È cresciuto tra mobili d’antiquariato e quadri d’autore, per lui il vintage è storia ed eleganza. Non riesce ancora a capacitarsi del fatto che si possa andare in giro con una t-shirt o una felpa, “Chi te see ti? Un fiulet?”.

Per lui consiglio Cavalli e nastri $$$$ e Oriente express $$$

Il Leonardo

Il Leonardo è il ragazzo milanese per eccellenza, generalmente di buona famiglia. È quello che il Pagante definirebbe un pettinero. D’inverno va in vacanza a Courma e d’estate a Santa, se non ha la casa c’è sicuramente un amico che lo ospita. È casual ma sempre elegante, riesce a rendere felpa e cappellino un outfit di classe ma generalmente preferisce camisa sportiva e coppola.

Per lui consiglio Ambroeus Milano $$ e Room37 $$

Il Lorenzo

Il Lorenzo studia moda o fotografia, in ogni caso è dentro il fashion business e adora seguire i trend. Non ha paura di osare e ha capito che la moda è genderless. È unico nel suo stile, gli piace avere grandi firme addosso ma apprezza molto anche i giovani designer, soprattutto se fanno upcycling, dopotutto vuoi mettere un pezzo unico contro uno fatto in serie?

Per lui consiglio Groupies Vintage $$$ e Bivio Milano $$$

La Clarissa

La Clarissa ha preso il nome dalla nonna ed è nata sciura. Tutti riconoscono la sua classe ed eleganza, veste sia firmato sia non, tanto su di lei è sempre tutto perfetto. Ha studiato Economia a Milano ma poi si è spostata in diverse capitali europee per seguire master e stage perché lei è anche una donna di mondo. Ama il vintage perché, da vera signora, si vuole distinguere.

Per lei consiglio Urzì Vintage $$$ e Archetipo Milano $$$

La Sara

La Sara non è nata a Milano ma la conosce meglio di tutti, se apre un nuovo locale alla moda la troverete all’inaugurazione. Ovviamente studia organizzazione d’eventi o fashion design. Il suo profilo Instagram sembra quello di un’influencer, tranne che per il numero di follower. È una vera trendsetter.

Per lei consiglio Bivio Milano $$$ e Usato Firmato $$$

La Margherita

La Margherita, che viene sempre chiamata Meg, è la ragazza della porta accanto. Si credono tutti suoi amici perché è sempre gentile e simpatica, tuttavia quelli a lei cari sono pochi, perlopiù maschi perché sono più scialla. D’estate indossa vestiti a fiori e d’inverno jeans e golfoni, non per questo non ha uno stile eccezionale: la sua semplicità nel vestire la rende ancora più piacevole.

Per lei consiglio Napoleone $ e Sous Vintage $$

Il Marco e la Bianca

Il Marco e la Bianca  non hanno ancora le idee chiare sul loro stile, per loro consiglio un negozio con una scelta ampia in modo che possano iniziare ad approcciarsi in modo graduale e capire col tempo cosa fa per loro. Sous Vintage $$

2021-01-14

Aggiornamento

Paola Baronio, giornalista e blogger, mi ha intervistato sulla mia passione per il vintage e abbiamo parlato anche del libro. Questo il link per leggerla https://www.lamiacameraconvista.com/2021/01/14/cecilia-cottafavi-il-futuro-e-vintage/
2020-12-24

Aggiornamento

Ciao a tutti! Se avete deciso di regalare questo libro per Natale potete scaricare gratuitamente una cartolina natalizia da donare al destinatario cliccando su questo link urly.it/39h7r . Buone feste e buon Natale a tutti! Cecilia

Commenti

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “A qualcuno piace il vintage”

Condividi su facebook
Condividi
Condividi su twitter
Tweet
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Cecilia Cottafavi
Cecilia Cottafavi, classe ’97, è una milanese di Milano Milano. Nutre da sempre una grande passione per la storia e le antichità, è laureata in Archeologia all’Università Cattolica del Sacro Cuore. Nel gennaio 2019 dà vita al progetto Maertens Milano per sensibilizzare sul tema dello shopping sostenibile e far conoscere la sua amata città. Gira Milano in bicicletta alla ricerca di tesori perduti tra negozi vintage e locali dimenticati dal tempo. Grazie al sito maertensmilano.com e alla pagina Instagram @maert.ens collabora con diversi negozi vintage in tutta Italia condividendo consigli e conoscenze sul tema del second hand.
Cecilia Cottafavi on InstagramCecilia Cottafavi on Wordpress
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

Questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti per aiutarci a migliorare la tua esperienza di navigazione quando lo visiti. Proseguendo nella navigazione nel nostro sito web, acconsenti all’utilizzo dei cookie. Se vuoi saperne di più, leggi la nostra informativa sui cookie