Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

A due passi dal gran giorno

A due passi dal gran giorno

La campagna di crowdfunding è terminata, ma puoi continuare a pre-ordinare il libro per riceverlo prima che arrivi in libreria

Svuota
Quantità
Consegna prevista Ottobre 2022
Bozze disponibili

Spesso noi donne ci lamentiamo di come gli uomini vivono l’idea del matrimonio, dalla lunga attesa della dichiarazione ai preparativi che per loro si potrebbero sbrigare in un paio d’ore, mentre noi abbiamo bisogno di un’equipe che ci assista per un anno intero. Ma ad essere sincere, forse loro non hanno tutti i torti o magari siamo semplicemente esseri diversi e forse è proprio questa diversità che ci attrae così tanto, non pensate?
Con un po’ di ironia è più divertente mettere a confronto i due punti di vista e perché no, ci aiuta anche a prenderci un po’ in giro.

Perché ho scritto questo libro?

Ad essere sinceri non lo so, è dalla mia adolescenza che scrivo per esorcizzare, chiarire e calmare qualcosa che ho dentro, ma in questo caso forse sono solo successe talmente tante cose buffe che non potevano non essere raccontate.

ANTEPRIMA NON EDITATA

“C’era una volta, in un paese lontano lontano, una bella e dolce fanciulla che, dopo varie complicate vicende, fate e folletti, streghe e matrigne, incontrò il principe azzurro, si sposarono e vissero per sempre felici e contenti”.

Fin da piccoli ci hanno raccontato la “favola del matrimonio” e noi siamo cresciuti con la convinzione che fosse il sogno che tutte le donne potevano realizzare senza nessun particolare impegno o fatica perché sarebbe stato il destino felice a correre verso di noi; e anche se non saremmo andate via sul cavallo bianco o sulla zucca-carrozza, tutte avremmo potuto incontrare il nostro principe azzurro che ci avrebbe reso felici per il resto della nostra vita.

Poi passano gli anni e appena cominci a crescere e purtroppo a maturare, ti rendi conto che quelle favole appartenevano alla tua infanzia e ora, le cose sono leggermente cambiate; ma ti piace portarti ancora dietro quel sogno, non te ne vuoi liberare e soprattutto nei momenti di difficoltà, una crisi, un insuccesso, una delusione, pensi che potrai superare tutto perché prima o poi arriverà anche per te il “grande giorno”.

Continua a leggere

Continua a leggere

Ho conosciuto Marco all’età di ventidue anni, quando ho deciso di iscrivermi in piscina per frequentare un corso di subacquea; il mio ragazzo di allora aveva già conseguito il primo brevetto e i miei genitori avevano fatto tante immersioni insieme quando erano giovani (bellissime foto ne erano una testimonianza), così mi sono decisa a provare questo sport.

Eravamo un bel gruppo di amici, si passava molto tempo insieme, durante l’anno in piscina e in primavera nei week end al mare e tra un’immersione e l’altra è nata con Marco una bella e forte amicizia. Si è creato da subito un buon rapporto d’intesa, parlavamo tranquillamente di tutto ed eravamo sempre presenti l’uno per l’altro, nei momenti difficili e importanti della vita per i bisogni reciproci. Mi ricordo la sera prima della discussione della mia tesi: ero agitata e, pur essendo andata a nuotare per cercare di calmarmi e pensare ad altro, non ero riuscita nell’intento; solo dopo aver passato un po’ di tempo con Marco, mi ero ritrovata a ridere e scherzare, come se fosse stato un giorno come un altro.

Passavano gli anni, ma entrambi portavamo avanti tra alti e bassi le nostre storie; poi un giorno quelle relazioni si sono complicate fino ad arrivare a delle crisi più gravi e noi, quasi per gioco abbiamo cominciato a cercarci, ma più passava il tempo e più ci rendevamo conto che eravamo fatti l’uno per l’altra e non desideravamo altro che rimanere insieme. È strano scoprirsi innamorata di una persona per cui prima provavi solo affetto, la guardi con occhi diversi e scopri aspetti di lei che prima erano per te ignoti.

In quel momento cominci a pensare che la tua favola forse inizia a prendere forma, qualcuno la sta raccontando per te e tu sei davvero la protagonista.

E qui compaiono le prime diversità tra uomini e donne: noi (che non siamo oche come spesso a loro piace descriverci, ma che gli lasciamo solo credere di essere superiori perché in realtà siamo avanti cent’anni) capiamo subito quali sono i nostri sentimenti e cosa desideriamo dalla persona amata. Loro che, a causa dei due neuroni che non sempre s’incontrano, preferiscono “vivere la giornata”, fanno fatica a cimentarsi in grandi riflessioni su argomenti importanti e arrivano quindi molto più tardi al “per sempre” o “e vissero felici e contenti”. La natura ci ha fatto proprio diversi, perché anche a loro, quando erano bambini, sono state raccontate le stesse favole, ma è evidente che stavano attenti solo nel momento del combattimento con il drago o quando il cavaliere scalava la torre per salvare la principessa e poco importava cosa ci facessero dopo con questa, fondamentale era solo essere acclamato eroe! Noi donne siamo proprio sognatrici, ci piace fantasticare sul futuro, immaginare l’abito bianco, gli amici che ci fanno festa, la commozione dei genitori …

2022-04-11

Aggiornamento

Siamo arrivati all'obiettivo!
E dico "siamo" perchè senza di voi non ce l'avrei fatta!
Voglio ringraziare di cuore tutti voi che mi avete sostenuto, grazie davvero, mi avete aiutato a realizzare un sogno!
2022-03-10

OltreLamediatv

https://oltrelamedia.tv/te-cinque-quando-sono-i-lettori-a-scegliere-enrica-oteri-a-due-passi-dal-gran-giorno/
2022-03-07

Aggiornamento

Giovedì 10 Marzo ore 17:00 Presentazione del libro a "IL TE' DELLE CINQUE" OltreLaMedia.tv Intervista con il giornalista Andrea Crocioni
2022-01-23

Aggiornamento

52% wow! sono già a metà percorso e questo grazie a voi che credete nel mio progetto! Ma ora ho ancora bisogno del vostro aiuto per far girare la voce il più possibile e raggiungere l'obiettivo! Grazie di cuore!

Commenti

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “A due passi dal gran giorno”

Condividi
Tweet
WhatsApp
Enrica Oteri
Mi chiamo Enrica, ho 43 anni e dopo aver vissuto per 38 anni a Milano, mi sono trasferita a Lodi.
Sono mamma di due splendide gemelle di undici anni.
Mi sono laureata in Lettere Moderne all’Università Statale di Milano e ho lavorato per cinque anni per la rivista Cosmopolitan; poi, per strani casi della vita, sono diventata Product Manager nel settore informatico e la mia fantasia e creatività sono state confinate in una scatola in soffitta. Così ogni tanto la sera mi piace andare in soffitta e aprire quella scatola per dar vita nuovamente alla mia fantasia. In questo momento sto lavorando al mio terzo libro…
Scrivere mi fa stare bene, quando comincio faccio fatica a fermarmi ed è sempre stato così, una fantastica valvola di sfogo dove davvero mi sento realizzata.
Enrica Oteri on FacebookEnrica Oteri on Instagram
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

Questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti per aiutarci a migliorare la tua esperienza di navigazione quando lo visiti. Proseguendo nella navigazione nel nostro sito web, acconsenti all’utilizzo dei cookie. Se vuoi saperne di più, leggi la nostra informativa sui cookie