Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

Hai ancora tempo

740x420 (5)
73%
55 copie
all´obiettivo
91
Giorni rimasti
Svuota
Quantità
Consegna prevista Aprile 2025

Paolo Boschi è schivo, taciturno e non si è mai mosso da Malistri, paese di lago che si sveglia solo in estate.
La mattina del suo ultimo giorno di lavoro, trova degli indumenti in un sacchetto destinato a lui.
Quegli abiti lo portano a vivere i ricordi di una settimana vecchia di quarant’anni.
Sono i primi anni ottanta, Paolo è poco più che ventenne e lavora già nella fabbrica che produce viti e bulloni.
La sua routine viene interrotta dal ritorno di Biagio, amico d’infanzia che, dopo anni di silenzio trascorsi in America, torna a Malistri per qualche giorno e lo fa in una maniera che Paolo non riesce a comprendere. Si veste come un cowboy.
Inizialmente, Paolo, finge di non ricordarsi di lui, ma resta vittima della sua stessa incapacità di prendere posizione e si ritrova a tenergli compagnia per qualche giorno.
I due trascorrono giorni di confronti e di camminate ai bordi di un paese pieno di usi, leggende e contraddizioni.
Il finale è una carezza rude, ma anche uno schiaffo gentile.

Perché ho scritto questo libro?

Questo romanzo parla di cose che conosco.
Le situazioni sono quasi tutte inventate, ma le sensazioni non lo sono.
Il rimorso. Il rancore. L’orgoglio, nella più brutta versione. Il peso dei rapporti in sospeso.
È la storia di Paolo, ma è anche la mia e di molte altre persone.

Il mio augurio è che questo romanzo possa essere d’aiuto ad anche solo una di queste persone.

ANTEPRIMA NON EDITATA

 

7.

Mele

Mi alzo mezz’ora prima del solito. Fortunatamente il bagno è libero, così posso iniziare la giornata facendomi la barba. Una mattina qualsiasi.

Sto per varcare la soglia della cucina. C’è la mamma, ai fornelli, che prepara la moka. Ettore è dietro. Ha la testa immersa nel collo di lei. Le dita di lui, vigorose, che affondano dolcemente nei suoi fianchi. Si levano trenta centimetri buoni, ma si incastrano alla perfezione. La luce che filtra dalle finestre li avvolge in una cornice bianca. Un quadro. Lei sposta la testa per fargli guadagnare terreno. La bacia. Le dice cose. Lei gli sussurra di fare piano. Ridacchiano.

Ogni attimo di condivisione è un premio per ciò che hanno fatto per stare insieme.

Continua a leggere

Continua a leggere

Ettore è di famiglia benestante. I nonni avevano un’impresa che trattava la latta. Stavano bene. Il nonno viene a mancare tra la prima e la seconda guerra. La nonna prende in mano tutto e commette un errore tipico: dà la precedenza assoluta al cliente più grosso. Quello che dà più lavoro. Mette da parte gli altri più piccoli, fino quasi a dimenticarli. Il cliente grosso fallisce e di colpo si trovano a piedi. I clienti piccoli hanno poca voce, ma tanta memoria.

Col tempo, si leccano le ferite e tirano a campare. Lui fa tesoro delle scelte della madre e si fa una promessa: non avrebbe mai più permesso un altro fallimento del genere. Se il portone del castello deve cedere, non deve essere a causa di un soffio di sufficienza.

Ettore è figlio unico. A trentaquattro anni non è sposato, non ha figli e non ha una relazione. Su di lui grava l’eredità del cognome Boschi, qui a Malistri. Per lui, però, c’è solo il lavoro.

Un giovedì, passando per il mercato, vede una ragazza che lavora al banco della frutta. Ha i lineamenti dolci e i capelli nocciola.

Non capisce più niente.

Torna a casa e lo racconta a sua madre. La nonna si oppone prima ancora che esista una possibilità. “Una che lavora al mercato non è un buon partito”. C’è da conservare lo status.

Lui inizia ad andare al banco della frutta, tutti i giovedì.

Sente parlare le signore tra le bancarelle e scopre che è la figlia di quelli del banco. Maria. Una decina scarsa di anni in meno. Figlia unica anche lei.

Trova il coraggio e compra una mela.

Da lì, ogni giovedì la stessa cosa.

Dopo un paio di mesi, lei prepara già il sacchetto, quando lo vede arrivare. Lui le chiede furtivamente di uscire, lei accetta.

La nonna continua a screditare la ragazza. Ne presenta altre a Ettore. Figlie di amiche. Amiche di amiche. Ettore non ci sente.

Il loro primo appuntamento consiste in una passeggiata lungolago e in un gelato alla crema. Si piacciono. Si comprendono.

È il primo appuntamento di tanti.

Un giorno la porta a vedere un posto. Raggiungono furtivamente casa di lui, fino al retro. C’è un cancelletto. Oltre il cancelletto, un orto. Ogni tipo di verdura rende vivo quel rettangolo di prato. Al centro, un bellissimo albero di mele.

A Ettore non servivano frutta e verdura. Sicuramente non aveva bisogno di comprare le mele. Voleva guadagnare la possibilità di vederla e di passare un po’ di tempo con lei.

Dopo un anno, si sposano.

Dopo un anno ancora, nasco io.

Si accorgono di me solo quando apro il frigorifero. Hanno due velocità diverse nel ricomporsi. Lei fa di fretta. Impacciata. Quasi si scusa. Lui è calmo. Posato, anche se infastidito.

-Vai in bici? – mi chiede lei – sto facendo il caffè.

Rispondo mostrando il succo alla pesca appena preso. Prendo i biscotti e mi siedo al tavolo.

Ettore inforca gli occhiali, prende la giacca e le dà un bacio sulla guancia. Mi passa vicino e dà due colpetti al tavolo con le nocche. Bussa.

Alzo le sopracciglia quando ormai è già passato.

Un paio di colpetti al tavolo che possono voler dire “ciao”, “buona giornata” oppure “sei già in ritardo”. Propendo per l’ultima.

-Com’è andata ieri? – mamma si è seduta. Sceglie da quale biscotto iniziare.

-Devo andare.

E la lascio lì, con la mano nel barattolo.

Troverai qui tutte le novità su questo libro

Commenti

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Hai ancora tempo”

Condividi
Tweet
WhatsApp
Marco Sgarrella
Sono nato e cresciuto tra il Lago d'Orta e il Lago Maggiore.
In questi trentacinque anni di vita ho lavorato in una fabbrica e in un magazzino.
Ho recitato (quasi sempre per passione).
Ho camminato per montagne (quasi sempre per fare merenda).
Ho trovato una persona che mi ama, mi sostiene e mi sprona.
Abbiamo una figlia così bella che non la so descrivere.
A fare da sottofondo silenzioso a tutte queste cose, c'è sempre stata la scrittura.
Una di quelle abitudini talmente radicate, che si prendono cura di te anche se le trascuri.
Dopo anni di racconti, manoscritti e storie non concluse, “Hai ancora tempo” è il mio romanzo d’esordio.
Lui si è preso cura di me e io mi sono preso cura di lui.
Marco Sgarrella on FacebookMarco Sgarrella on Instagram
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors