Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

Il mistero del Fiore dell’Apocalisse

Svuota
Quantità

Allison Dixon è una giovane ricercatrice dell’Università di Oxford e trascorre il suo tempo tra vecchi e impolverati manoscritti. Un giorno come un altro, il suo professore, Eric Palmer, le affida un nuovo incarico: setacciare un vecchio testo di Guglielmo di Ockham per scovare qualche dettaglio nascosto, magari sfuggito ad altri studiosi. Quasi per caso, la ragazza scopre un simbolo, il primo di una serie di indizi che la porteranno in giro per mezza Europa alla ricerca di una pergamena risalente alla costruzione della Torre di Babele, l’imponente struttura con cui gli uomini osarono sfidare Dio. 

Ciò che Allison non sa è che non è l’unica a cercare il rotolo: un antico ordine è sulle sue tracce, deciso a distruggere il reperto e impedire che i suoi segreti vengano svelati. 

PROLOGO

Tutta la terra aveva una sola lingua e le stesse parole.

Emigrando dall’Oriente gli uomini capitarono in una pianura nel paese di Sennaar e vi si stabilirono. Si dissero l’un l’altro: «Venite, facciamoci mattoni e cuociamoli al fuoco». Il mattone servì loro da pietra e il bitume da cemento. Poi dissero: «Venite, costruiamoci una città e una torre, la cui cima tocchi il cielo e facciamoci un NOME, per non disperderci su tutta la terra».

Il mondo come lo conosciamo oggi sarebbe stato molto diverso se la pergamena fossa stata messa al suo posto.

Continua a leggere

Nel XII secolo a.C. iniziano i lavori della Torre di Babele dedicata al Dio Marduk, il Dio tutelare della famiglia. La ziqqurat, come veniva chiamata dalla tradizione mesopotamica, raggiunse il suo completamento e il suo massimo splendore sotto la guida del re babilonese Nabucodonosor I. Alta 5.433 cubi, due spanne e 15 me’eraf (circa 130 metri), era composta da sette terrazzi sovrapposti, ognuno più piccolo di quello sottostante. Ciascuno di questi terrazzi era rivestito con mattoni di colori differenti. Il piano inclinato per raggiungere la cima si trovava a nordest ed è su questo lato che erano state posizionate le principali stanze del tempio, di cui la ziqqurat era la torre.

Lo scopo della torre era il ricongiungimento degli uomini con il loro Dio.

Elevarsi fino a Lui per poter sedere accanto a Lui.

Durante la sua costruzione i più grandi imperatori del mondo conosciuto si unirono nella città di Babilonia, con la decisione e la volontà di portare avanti il progetto.

Insieme alla torre furono creati i tre rotoli della conoscenza che rappresentavano il nome dei popoli, cioè il verbo e il credo. Tre pergamene scritte con le lettere dell’alfabeto ebraico, unica lingua nota a quel tempo, attraverso cui il mondo sarebbe stato rivolto a un futuro unico e coeso e che avrebbero elevato l’umanità alla presenza e alla stessa conoscenza di Dio.

I rotoli erano definiti e articolati in base alle tre esigenze primarie dell’uomo: Linguaggio, Amore e Lavoro. Ma il vero contenuto di essi era oscuro. Si vociferava che ognuno elencasse specificatamente i comportamenti sacri e gli atteggiamenti che l’uomo avrebbe dovuto assumere per ottenere l’onore di sedere accanto a Dio e che in esse era custodito il potere divino.

Le pergamene furono gelosamente conservate all’interno della torre, nelle più segrete stanze. Solo ad alcuni erano concessi l’accesso e la visione. Il loro verbo era sacro, segreto e troppo potente per essere dominio di tutti. Colui che le possedeva avrebbe ottenuto una fonte di conoscenza tale da poter governare ogni popolo.

Così facendo, però, gli uomini scatenarono l’ira del loro creatore, che considerò la torre come un atto di superbia: il tentativo di alzarsi al cielo per essere come Lui, o, addirittura, per dimostrare di essere superiori a Lui. I tre rotoli della conoscenza non erano altro che il sigillo e l’accordo scritto, ciò che provava il tradimento e la determinazione all’elevarsi a un’entità dominante.

La rabbia di Dio si scatenò furente nei confronti dei popoli. Li disperse e li costrinse a vagare per il mondo, a non capirsi più l’un l’altro perché obbligati a parlare lingue diverse e la torre, che era considerata lo splendore del mondo, fu condannata al disfacimento. Dio incaricò Dario I, re di Persia, appartenente alla dinastia di Achemenide, di compiere l’opera e distruggere le pergamene della conoscenza. E fu così che Babilonia, la città che Nabucodonosor aveva reso imprendibile, la città dalle cento porte di bronzo, dalle imponenti mura fortificate da centinaia di torrioni, la città degli splendidi palazzi reali e della famosa E-temen-anki, la Torre di Babele, un giorno dell’anno 520-19 a.C. si arrese ai colpi del re di Persia, il quale sfogò il suo odio contro di essa sterminandone i cittadini e annientandone il potere e la gloria. 

Tutto fu possibile per un iniquo stratagemma che Zopiro, principe persiano agli ordini di Dario, mise in atto fingendosi disertore e consegnandosi ai Babilonesi. Trascorsi sessanta giorni e avendone conquistata la fiducia guidando più volte i Babilonesi contro Dario e portandoli alla vittoria, all’attacco in forze dei suoi connazionali, egli aprì due porte e fece entrare i Persiani in Babilonia, i quali, naturalmente, ebbero partita vinta. Fu il colpo fatale per il regno di Babilonia e i suoi grandiosi monumenti. 

Koldewey localizzò la Torre di Babele nel luogo oggi chiamato es-Sachm; della grande E-temen-anki non rimaneva che un cumulo di rovine, in quanto, alla distruzione iniziata da Serse, contribuirono anche gli abitanti della zona che la utilizzavano come cava, asportando mattoni per la costruzione delle loro abitazioni, e le secolari infiltrazioni dell’Eufrate, che penetrando attraverso il terreno trasformarono un simbolo di potenza e orgoglio in una enorme fossa.

Durante l’attacco e la distruzione condotti alla torre, Dario trovò le tre pergamene nel salone principale dei sotterranei. 

All’ingresso della stanza, due statue di leoni d’oro facevano da guardia. Il salone, di forma circolare, era immenso, decorato da splendidi affreschi raffiguranti le più importanti battaglie babilonesi e da bassorilievi che documentavano lo splendore dei progressi, delle conquiste e la remissività dei popoli stranieri. Sulle pareti, torce infuocate davano quella luce fioca e tenue che elargiva sapienza e misticismo al posto. I capitelli del colonnato centrale erano anch’essi d’oro massiccio e custodivano al proprio interno le pergamene, poggiate su un drappo di stoffa color porpora sostenuto da un leggio in legno di ciliegio.

Dario sapeva che le pergamene nascondevano qualcosa, per questo decise di tenerle con sé e di distruggerle in seguito.

Accadde però qualcosa che Dio non poteva prevedere. Il re, incuriosito dal significato delle pergamene e avido di ottenere il potere in esse nascosto e tanto famigerato, decise di studiarle, ma non sapeva che i papiri erano stati chiusi col sacro sigillo di Dio e potevano essere aperti solo all’interno della torre, nella stanza delle scritture.

2022-05-13

Aggiornamento

Buongiorno amici lettori, volevo ringraziare tutti coloro che hanno contribuito alla pubblicazione del mio libro. Il primo obiettivo è stato raggiunto e sono davvero felicissimo. Grazie davvero di cuore. Alessio

Commenti

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Il mistero del Fiore dell’Apocalisse”

Condividi
Tweet
WhatsApp
Alessio De Fazio
Nasce in Calabria nel 1982. Studia Semiotica presso l’Università di Bologna con Umberto Eco e, successivamente, si trasferisce prima in Canada, per sviluppare la sua carriera professionale, e poi a Milano, dove attualmente vive e lavora. La passione per la simbologia e la storia lo hanno portato alla scrittura del suo primo romanzo, "Il mistero del Fiore dell’Apocalisse".
Alessio De Fazio on Facebook
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

Questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti per aiutarci a migliorare la tua esperienza di navigazione quando lo visiti. Proseguendo nella navigazione nel nostro sito web, acconsenti all’utilizzo dei cookie. Se vuoi saperne di più, leggi la nostra informativa sui cookie