Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

Il Pezzo

Il Pezzo

La campagna di crowdfunding è terminata, ma puoi continuare a pre-ordinare il libro per riceverlo prima che arrivi in libreria

Svuota
Quantità
Consegna prevista Settembre 2022
Bozze disponibili

Il Pezzo è un libro di racconti semi-indipendenti ricavato da varie forme di narrazione: blog, lettere, e-mail, diari. La musica è sempre presente e diventa occasione di sfogo, di incontro, di sogno e di ritorno alla realtà. C’è un giornalista, una criptica Lei, un pianista, una fan di un gruppo rock ma i veri protagonisti sono i rapporti tra i personaggi e i loro vissuti personali. Tutti hanno passato i 40 senza accorgersene; cercano di far pace con l’età adulta e affrontano la vita stupendosi della loro stessa maturità e lucidità che non esisteva in quel mondo di ventenni a cui cercano di restare irragionevolmente abbarbicati. Trovano spazio ricordi e scelte di vita impegnative che vengono solo accennate per lasciare al racconto la leggerezza che lo caratterizza. E’ una storia divertente che racconta con ironia le paure di giovani intrappolati in un corpo da adulti e la scoperta che anche passati i 40 anni, tutto può ancora succedere.

Perché ho scritto questo libro?

Ho frequentato un corso di scrittura base per avere degli strumenti che mi consentissero di mettere su carta tutte le storie che avevo in testa.
Dalle esercitazioni del corso hanno preso forma i personaggi e loro stessi mi hanno raccontato le loro storie. Mi sono talmente piaciute che ho pensato meritassero di essere scritte e condivise.

ANTEPRIMA NON EDITATA

Eccola lei, cammina piano con un bicchiere di plastica in mano. Forse caffè. Cammina lungo il perimetro del cortile e guarda in basso. Sembra attenta a non tralasciare nulla di quello che c’è davanti a ogni suo passo, assolutamente non curante della massa di sconosciuti che occupano il suo stesso spazio. Si avvicina a un cestino, beve l’ultimo sorso e butta il bicchiere. Prende una sigaretta dalla piccola borsa nera a borchie. Era caffè. Si avvicina a una colonna e vi si appoggia con la schiena e con la pianta del piede destro piegando la gamba mentre l’altra, tesa e ben fissata a terra, la regge in equilibrio. Accende la sigaretta e finalmente alza la testa. Ha un mezzo sorriso sulla bocca polposa, ghiotta. Rossetto color ciliegia. Conoscendola, sarà di qualche noto marchio modaiolo e probabilmente costerà quanto il pullover che ho addosso.

Lei, la fanatica del glamour. Pupille come onice su neve fresca. Occhi contornati da una linea nera che li allunga maliziosamente. Porta un pantalone nero a palazzo, vita alta. Ottima scelta per sottolineare la femminilità di un punto vita sottile. E lei lo sa. Maglietta bianca aderente ma non troppo, lei non è mai volgare. Sempre misurata. Ha una grazia innata che cattura lo sguardo e un portamento elegante che provoca una iniziale soggezione. La maglietta lascia intravedere un seno giusto, proporzionato al fisico. Che non è da modella, non è un fisico da urlo. Diciamo che ha tutte le cose al posto giusto, compresa la morbidezza delle curve. Giubbino di pelle. Collana lunga che le arriva ad altezza ombelico con un grosso ciondolo a forma di chiave. Impossibile non guardarlo. Impossibile non chiedersi quale dei suoi mondi aprirà. Il nero le dona, spicca sulla pelle diafana e si intona con quei tanti capelli neri e lucidi che le ricadono sulla fronte in una frangia corta difficile da portare. Lei osa correndo solo rischi calcolati e quel rischio poteva sostenerlo. Stava bene. Stava bene nei suoi vestiti e nei suoi 43 anni. Visto che, per essere una donna, è abbastanza alta, ai piedi porta un paio di stringate modello Oxford bianche e nere. Regge la sigaretta fra le dita di una mano curatissima. Ha uno smalto scuro. Si volta verso di me strizzando gli occhi per il sole. Non guarda me, guarda oltre. Credo che stia ancora pensando. Poi mette su gli occhiali neri. E non vedo più i suoi occhi. Non capisco più se guarda ancora oltre o se, magari, guarda me. Però io la guardo senza poterne fare a meno. Già arreso a lei.

Continua a leggere

Continua a leggere

Non so cosa sembri questo che avete appena letto, forse un racconto, un pezzo di romanzo e non so neanche come sia venuto fuori. È vero, io scrivo; ma sono un giornalista e non scrivo queste cose romanzate. Non ne sono mai stato capace. Io racconto i fatti nudi, così come appaiono. Senza aggettivi. Soggetto, verbo, complemento oggetto. Da quando mi occupo di reportage, scrivo aggiungendo il mio tono emotivo, mettendoci dentro, con moderazione, ciò che penso, ma niente fronzoli. Sono un appassionato di musica, scrivo di musica ed era da tanto che mi girava in testa l’idea di raccontare chi la crea. Su più livelli. In particolare volevo raccontare storie di esordi. Storie di persone che provano a realizzare un loro sogno, a mostrare ciò che sanno fare rischiando di non essere capite. Storie di persone che decidono di mettersi in gioco, anche se ormai sono adulti che si muovono in una vita di riserva perché quella vera non sono ancora riusciti a prendersela. Storie di ansie, di prove, di piccoli successi, grandi fallimenti, di nottate alla ricerca di un’ispirazione. Di scoraggiamenti e di folli convinzioni. Era questo che avrei voluto scandagliare e raccontare.

La mia idea era quella di andare in giro a intervistare gli artisti in occasione di qualche provino. Era quello il momento che volevo raccontare perché dentro quello, dentro quell’occasione, c’è tutto. Poi ho visto la pubblicità di un grosso talent e ho deciso di andare ad annusare l’aria che si respira in questo grande contenitore. Il giorno dei provini, sono arrivato senza sapere esattamente cosa avrei dovuto fare, un po’ come tutti quelli che erano lì. Io di solito, per deformazione professionale, non ho inibizioni nel fare domande alla gente chiunque essa sia o rappresenti. Ma quel giorno, davanti a tanta speranza ero bloccato. Non volevo invadere un momento così decisivo e delicato, in fondo intimo, di queste persone. Così mi sono seduto ad aspettare e a guardare. Frotte di gente colorata e chiassosa. C’era rumore: chiacchiere, urla, risate, musica di ogni tipo che si sovrapponeva e rimbalzava. Non era fastidioso, mi faceva pensare a quel momento subito prima dell’inizio di un’opera lirica o di un concerto della filarmonica, in cui i musicisti accordano gli strumenti producendo quel suono indecifrabile, confuso ma bellissimo. Mi guardavo attorno divertito perché mi sentivo bene lì, in mezzo a tanti sogni.

C’erano persone colorate per i vestiti o per i capelli o per entrambi, c’erano dark, punk e tante persone apparentemente comuni, vestite come me e con la mia faccia. C’erano gruppi che armonizzavano, ragazzi stesi a terra a dormire con la testa appoggiata a uno zaino che immaginavo pieno di speranze e desideri. Tutto mi incuriosiva, mi procurava interesse e piacere. Guardavo questo flusso eterogeneo di vita come se fossi davanti a uno spettacolo di acrobati: ansioso, attento, silenzioso, rispettoso. Poi, visto che io sono uno che non si rilassa mai del tutto, mi sono detto che avrei dovuto iniziare a lavorare, ero lì per questo. In quel momento ho fatto un ‘sorriso beffardo’ di quelli che ho letto in Wallace, immaginato innumerevoli volte e che ho sempre sognato di fare e mi sono detto “Cazzo che lavoro fico che faccio!” Però dovevo capire da chi volevo iniziare, cercare un gancio a cui appigliarmi. Vedevo una ragazza che andava su e giù con le cuffie e muoveva le labbra su quella che, presumibilmente, sarebbe stata la canzone della vita nel bene o nel male. Vicino a lei un gruppo di ragazzi dai capelli arruffati cantava e suonava con chitarre esauste. Avevano l’aria serena e disconnessa. Ho pensato che se fossi andato da loro non li avrei turbati. Così ho iniziato le mie interviste. Loro mi hanno messo a mio agio, loro! Non sono molto bravo nella fase del rompere il ghiaccio. Fosse per me andrei dritto al punto senza orpelli perditempo.

Ho cominciato da lì e ho raccolto la loro vita, il loro viaggio verso l’affermazione. Poi ho intercettato una cantante lirica coi capelli arancioni che in realtà il provino lo avrebbe fatto su un pezzo rap. Un cantautore polistrumentista con una cultura musicale inesauribile arrabbiato con se stesso per aver ceduto e imboccato la scorciatoia della tv, artisti di strada, ragazzine in pantaloncini troppo corti e magliette troppo scollate per le quali il vero sogno era solo quello di apparire in tv. In due giorni avevo ascoltato tante persone diversissime tra loro. Di fatto, ero sempre in giro a parlare con gli artisti, ero ghiotto delle loro storie che trovavo appassionanti. Tutte. Quando non parlavo scrivevo rapidissimo per non dimenticare nulla di quello che avevo ascoltato e affinché il modo in cui mi avevano raccontato quelle cose non si perdesse dentro i miei di modi. Ero entusiasta, avevo pagine su pagine di materiale buono e dovevo capire come utilizzarlo. E ne avrei ancora prodotto visto che volevo seguire qualcuno anche nei giorni successivi perché i provini si sarebbero protratti per una settimana e chi passava il primo doveva aspettare per il secondo, quello decisivo. Volevo capire cosa succedeva in quel limbo e volevo raccontarlo.

Ho proceduto con questo folle entusiasmo per qualche giorno. Poi il caldo di un settembre anomalo, la quantità eccessiva di informazioni che stavo raccogliendo, il fatto che forse avevo un po’ perso il mio obiettivo iniziale per seguire qualcosa che non sapevo capire e che era in divenire, le preoccupazioni per il fatto che forse stavo perdendo il mio tempo, mi avevano spossato. Sono un professionista e il fatto di sentire che la mia idea mi sfuggiva di mano era un piccolo fallimento e in quanto tale mi levava energia. Ricordo di aver pensato a questo vortice negativo in un giorno di sole nel cortile del palazzetto in cui si tenevano i provini. Quel sole non c’entrava nulla con i miei turbamenti e con la mia incazzatura. Era sprecato e questo mi faceva infuriare ancor di più. Era un giorno dopo il giorno in cui avevo litigato, al telefono per giunta, con una cara amica. Dire amica è ipocrita ma compagna mi fa orrore. Ed ex compagna ancor di più. Era il giorno in cui mi odiavo per averle fatto del male, ma il discorso era semplice: non l’amavo. Era il giorno in cui ho alzato gli occhi disperato e ho visto lei.

Era una presenza assoluta. C’era solo lei. Elegante, stonata, delicata, nera, bianca, borchie, posata. Era una conchiglia sull’asfalto.

All’epoca non ne capivo il motivo, ma era chiaro che volesse restare da sola in quel metro di mondo che si stava ritagliando vestita di nero. C’era poi il bianco della pelle e della maglietta che faceva totale opposizione e ti lasciava interdetto. Volevo parlare con lei. Che era vestita elegantissima e semplice allo stesso tempo per chiederle chi fosse. Perché era lì? Era una della produzione, un accompagnatore, un aiuto regista? Poi.

Poi ha spento la cicca e si è avvicinata a un mucchietto di roba di fronte a lei su una panchina sotto un albero rosa. Ha sollevato il mucchietto e raggiunto una chitarra. Ha accavallato le gambe scoprendo una caviglia delicata, ha abbracciato la chitarra e ha iniziato a suonare. Non riuscivo a staccare gli occhi da lei così dissonante.

Poi lei ha iniziato a cantare.

Mi è successo che sono andato in tilt.

Come quando stai scrivendo sul notebook e lo schermo ti appare nitido e chiaro come deve essere e poi, all’improvviso, senti un lievissimo click e buio. Si spegne. Tuffo al cuore. Ti chiedi cosa sia successo. Forse c’erano troppe cose da elaborare e non ce l’ha fatta. Forse ha bisogno di una pausa per rimettere insieme le informazioni e dargli forma. Ecco, mi è capitato questo. Guardandola pensavo a lei come a un elemento avulso dal contesto, qualcosa di altro.  Invece ha preso una chitarra e ho barcollato. Quel gesto aveva intaccato il mio equilibrio notoriamente saldo. Cosa stava succedendo? Prima cosa da elaborare.

Poi ha iniziato a suonare. Ha iniziato a cantare usando una modulazione di frequenza ipnotica. Seconda cosa da elaborare per il mio cervello non elettronico. Con una voce un po’ rotta, roca, probabilmente per via delle sigarette, ma allo stesso tempo delicata, quasi fragile. Mi teneva inchiodato ad ascoltare ma anche a guardare perché la interpretava chiudendo gli occhi, facendo ora uno sberleffo, ora una moina accennata, ora un sorriso aperto a seconda del ritmo e del testo della canzone. Ho avuto l’impressione che se anche non avessi sentito la sua voce, senza dubbio un peccato, sarei comunque stato capace di capire il ritmo e il testo della canzone. Era un’armonia. Terza, quarta, quinta cosa da elaborare. Tilt.

2022-03-20

Aggiornamento

Ringrazio con affetto la Redazione del Corriere della Calabria per la intensa recensione de Il Pezzo. Ha colto lo spirito del libro, si è messo in ascolto e ne ha rispettato le intenzioni. Chapeau! https://www.corrieredellacalabria.it/2022/03/20/il-pezzo-mosaico-generazionale-di-carmen-cos-romanziera-e-manager/
2022-02-27

Aggiornamento

OVERGOAL RAGGIUNTO! Più di 400 copie comprate in pre-vendita. La gratitudine che provo per tutti coloro che hanno comprato Il Pezzo partecipando attivamente a questo sfidante progetto editoriale, non è esprimibile a parole. Eppure le parole dovrebbero essere il mio forte! Ma le emozioni si trasmettono, si vivono. Sono ineffabili. Perciò mi affido all'unica parola esistente, semplice eppure assoluta nel suo significato e potente nel suo effetto: GRAZIE.
2022-01-15

Aggiornamento

Grazie alla redazione di Cosenza Channel per questa bellissima recensione del mio libro Il Pezzo La trovate qui https://www.cosenzachannel.it/2022/01/15/rock-e-misteri-ne-il-pezzo-la-sfida-editoriale-della-cosentina-carmen-cos/ https://bookabook.it/libri/il-pezzo/
2021-12-23

Aggiornamento

Goal! Il Pezzo ha superato le 200 copie vendute in soli due giorni! E' un risultato pazzesco ottenuto grazie a voi. E' commovente il supporto che il libro sta ricevendo. Sono felice; pronta ad accogliere e superare anche il prossimo obiettivo. E' sempre più importante che il passaparola non si fermi. Se avete iniziato a leggerlo e vi piace, consigliatelo!!! Anche perché, notizia dell'ultima ora, Bookabook offre lo sconto del 15% con il codice NATALE21 valido 23 dicembre 2021 al 9 gennaio 2022. Grazie di cuore. Buon Natale e buona lettura, sempre! Carmen Cos

Commenti

  1. (proprietario verificato)

    Ho letto la versione non editata, e il libro mi piace molto, perché ci ho trovato vari stili letterari, direi almeno quattro direttrici: una intimista e romantica, che scruta l animo dei personaggi; una descrittiva: in cui delinea nei minimi dettagli oggetti, ambienti, look, atteggiamenti, un po’alla De Carlo per capirci; una di memoria: in cui racconta storie ascoltate, i ricordi della sua Calabria; una comica e leggera, in cui si muore dalle risate. Leggero ma anche profondo. Bellissimo, lo consiglio! Gianluca

  2. ho iniziato a leggere la versione non editata. ecco le cose che mi hanno colpito: discorso fluido e scorrevole; c’e’ originalita’ , fantasia e nello stesso tempo concretezza e attualita’; i contenuti sono intriganti , nuovi e diversi rispetto a quelli dei libri che ho letto finora. Brava e complimenti. Attendo la versione editata e i tuoi prossimi libri.

  3. Molto incuriosita dall’ anteprima, dalle contaminazioni di linguaggi diversi (blog, racconto breve, musica) e da personaggi che hanno passato i 40 evidentemente non del tutto indenni. Pre-ordine e book effettuato!

  4. Paola Petrelli

    Dalla lettura dell’anteprima la simpatia per i personaggi che incontreremo è immediata e riporta a caratterizzazioni di sapore pirandelliano in chiave moderna!
    Ci vedo un’opportunità da non perdere per addentrarmi in questo mondo in bilico tra il fantastico e il reale, tra la fanciullezza e una giovinezza lunga ,perché no, anche una vita intera…

  5. (proprietario verificato)

    Stuzzicante il titolo, intrigante l’anteprima, affascinante l’immagine, avvicente la sinossi. Come resistere?

  6. (proprietario verificato)

    Non vedo l’ora di leggerlo, sto già pensando alla colonna sonora

  7. (proprietario verificato)

    Finito di leggere l’anteprima si può solo prenotare il libro!

Aggiungere un Commento

Condividi su facebook
Condividi
Condividi su twitter
Tweet
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Carmen Cos
Classe 1975 e sangue meridionale. Ho studiato e vissuto a Roma per poi trasferirmi a Torino. Sono una Psicologa e lavoro in Azienda. Mi interessano le persone e la loro storia. Amo la lettura e la scrittura: mi consentono di vivere altre vite e altri corpi. Sono appassionata di rock, cerco di suonare la chitarra acustica ed elettrica con scarsi risultati, diventando il cruccio del mio paziente maestro. Sono una cinefila, adoro Tarantino e Woody Allen sopra tutti. Mi piace la fotografia, attraverso la fotocamera di mio marito scopro un nuovo modo di guardare alle cose e alla vita. Elogio alla pigrizia, di Leclercq, è il mio libro guida. “Avete notato che, per ammirare, occorre fermarsi? E per pensare, pure?”. Insomma, la bellezza, la verità, l’amore hanno bisogno di tempo, le scelte della vita di calma. Ho preso alla lettera il messaggio. Questo è il mio primo libro e ho 46 anni.
Carmen Cos on FacebookCarmen Cos on Instagram
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

Questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti per aiutarci a migliorare la tua esperienza di navigazione quando lo visiti. Proseguendo nella navigazione nel nostro sito web, acconsenti all’utilizzo dei cookie. Se vuoi saperne di più, leggi la nostra informativa sui cookie