Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

Intreccio di vite

smartmockups_lin3qhmg
Svuota
Quantità

Per affrontare la morte prematura della mamma Stefania, la giovane Eva intraprende un percorso di crescita personale e, grazie alle pagine del diario che inizia a scrivere, impara che sentirsi diversi dagli altri a causa della mancanza di un famigliare non è motivo di vergogna, ma dimostrazione di maturità e forza interiore. È proprio attraverso il diario di mamma Stefania che Eva conosce fino in fondo la persona che le ha dato la vita e di cui lei non serba ricordi, ma che le è accanto ogni giorno nelle pagine scritte.

PREMESSA

La mia vita e quella di mia mamma – la storia della nostra vita – sono solo una parte marginale di questo libro. L’obiettivo che mi sono prefissata è quello di aiutare le persone a capire che nessuna difficoltà le potrà mai abbattere: esse fortificano l’animo dell’individuo e l’unico strumento per superarle siamo noi stessi.

Continua a leggere

Continua a leggere

Nessuno si è mai interessato veramente a me, anzi, sono sempre stata io quella che dava tutta se stessa agli altri senza pretendere nulla in cambio. Nel corso degli anni mi sono resa conto che la gente mi usava, sfruttando la mia bontà d’animo solo per i loro frivoli scopi. Quando me ne sono accorta, la fiducia che ho da sempre riposto nelle persone ha iniziato a diminuire, fino al punto di trovare la necessità di indossare una maschera davanti a chi non mi conosceva, apparendo diversa da quella che sono realmente.
In pochi sono riusciti a capire la vera Eva e le persone a cui ho riservato un trattamento “speciale” sono sempre scappate: nessuno è riuscito a trovare mai il coraggio di portare sulle proprie spalle una situazione complicata come la mia, preferendo fuggire da me, anziché aiutarmi a superare certi momenti.
Grazie proprio a queste persone, sono giunta alla conclusione che l’unica che poteva aiutarmi ero io, perché solo noi stessi possiamo comprendere i nostri sentimenti, le nostre emozioni e sensazioni, nessun altro potrà mai essere talmente empatico da percepire tutte le sfumature della nostra interiorità.
Colei che mi aiuterà a far capire che la vita è degna di essere vissuta è la donna che più mi somiglia, mia mamma, attraverso i suoi diari e i vari scritti composti da lei stessa.
Questo libro è formato da due parti, che rispettivamente narrano la mia vita e quella della mia mamma, interconnesse da un qualche filo immaginario e trascendentale.

Eva Furlanis

INTRODUZIONE

Mia nonna materna mi raccontava sempre una storia che parlava di due bambine, una più buona e una meno buona. Era una fiaba che narrava anche a mia mamma e a mia zia Nadia.

Un giorno la mamma chiese alle figlie di lavare i panni al lavatoio che si trovava nella piazza del paese e ovviamente andò la più buona; giunta al lavatoio, questa incontrò una vecchietta, che chiese gentilmente alla bambina di raccoglierle il sapone cadutole in acqua. Arrivata nel fondo della vasca, vide una casetta e, incuriosita da ciò che si trovava davanti ai suoi occhi, entrò invitata da due gattini che girovagavano da quelle parti.
Il disordine regnava e subito la bambina, proprio perché era buona, lavò i piatti sporchi e ordinò la cucina, rassettò i letti, pulì il bagno, spazzò i pavimenti e spolverò i mobili.
I gattini, grati per quello che aveva fatto, salutandola, le dissero di voltarsi una volta raggiunta metà del percorso di risalita e lei lo fece. Consegnò il sapone alla vecchietta e lavò i panni della mamma ma, quando arrivò a casa, lei con stupore le disse di guardarsi allo specchio: nella sua fronte c’era una stella che brillava e la bambina, stupefatta, ne era felicissima, perché per lei significava essere diventata una principessa.
La sorella meno buona era molto invidiosa e, in men che non si dica, andò subito al lavatoio decisa a ottenere anche lei una stella. Dopo aver incontrato la vecchietta, che come aveva fatto poco prima con sua sorella le chiese di raccoglierle il sapone caduto, si tuffò ma, anziché ripetere le buone azioni dell’altra, fece un gran disordine, mangiò il cibo svuotando le dispense, sporcò il bagno e disfece i letti.
I gattini non le dissero niente e lei non raccolse nemmeno il sapone alla vecchietta; una volta a casa, però, immediatamente si guardò allo specchio e vide sulla fronte un lungo corno.
La bambina si mise a piangere, pensando di essere orribile con quel corno e rendendosi conto che non poteva più uscire e parlare con nessuno. La bambina buona, allora, la chiamò e le spiegò che forse avrebbe potuto rimediare ai suoi errori con la gentilezza e la bontà.
E così la bambina meno buona diventò anche lei brava, premurosa, gentile e buona come la sorella e il brutto corno scomparve; a questo si sostituì una stella brillante e le due sorelle principesse vissero felici e contente con la loro mamma regina e il loro papà re.

La morale di questa favola è che la bontà e la generosità sono qualità sempre apprezzate e senza eccezione bisogna manifestarle e donarle.

Troverai qui tutte le novità su questo libro

Commenti

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Intreccio di vite”

Condividi
Tweet
WhatsApp
Eva Furlanis
È nata nel 2002 a Portogruaro, in provincia di Venezia. Dopo aver conseguito la maturità al liceo linguistico, ha intrapreso il percorso accademico nell’ambito delle Relazioni pubbliche all’Università degli Studi di Udine. Fin da piccola ha coltivato la passione per la scrittura, in particolare grazie alla composizione di racconti, e ha praticato pattinaggio artistico su rotelle, competendo a livello europeo e mondiale per quattordici anni. Nel settembre 2021, ha dato vita al suo primo libro, “Intreccio di vite”.
Eva Furlanis on FacebookEva Furlanis on Instagram
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors