Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

La statua nera

La statua nera
99%
3 copie
all´obiettivo
32
Giorni rimasti
Svuota
Quantità
Consegna prevista Luglio 2023
Bozze disponibili

Le storie nascono dai sogni, dalle esperienze e dalla fantasia. La Statua Nera narra di un ragazzo, forse un po timido, probabilmente disadattato, che lotta per capire il suo posto nel mondo, nella sua bella città. Come tutti noi forse, non è convinto di quello che fa, non pienamente. Attende un segno, una scintilla che gli possa dare la convinzione completa. Ma tutto cambia d’improvviso. Come un classico episodio da Sliding doors deve fare una scelta e non ha tutto quel tempo che vorrebbe, tutto quel tempo che sempre si è concesso per le decisioni, forse sempre troppo. Ora deve scegliere rapidamente e un’emozione speciale e quasi travolgente, gli fa chiudere gli occhi per gettarsi in uno splendido ignoto.

Perché ho scritto questo libro?

Ho sempre amato scrivere, trasmettere le mie emozioni con le parole, vivere delle avventure come se fossi li, dentro uno dei miei personaggi. Oppure disegnare con la poesia una visione, o una consapevolezza talvolta fugace, talvolta reale e colma di profumi, odori e colori. In un periodo particolarmente ispirato ho lasciato che il mio desiderio di scrittura fluisse con naturalezza ed estrema curiosità.

ANTEPRIMA NON EDITATA

 

Partenza

Rivoli di acqua sporca, di umori di città scendevano lungo il marciapiede, fra le pietre scure. Suole di scarpe costose e bagnate pestarono una cartella per terra.

Mani ben curate si chinarono a prendere quei fogli, abbandonati. Zuppi d'acqua, bei disegni si consumavano grotteschi nella pioggia. Qualche diploma, attestati, qualche lettera di presentazione.

Una firma in calce: Andrea Martini.

Un sogghigno soddisfatto nella notte.

“Sbrigati. Passiamo di qua.” Una voce ansiosa sussurrava fra i vicoli.

“So benissimo dove passare. Vienimi dietro”. Andrea conosceva bene quelle strade. Conosceva gran parte delle strade di quella città. Il bagliore tenue dei lampioni rischiarava le pietre bagnate dei marciapiedi. Qualche insegna, ogni tanto, scandiva i loro passi frettolosi e silenziosi.

Continua a leggere

Continua a leggere

Mentre percorrevano un viottolo al centro di un parco, Andrea si fermò, vicino ad un chiosco, chiuso.

“Ti posso chiedere come ti chiami?”, disse.

Lei lo guardò, dritto negli occhi. Poco lontano, in una panchina, uno sbandato dormiva sommerso da strati di cartone e vecchie coperte grigie.

“Certo”, rispose lei. “Vieni, ho bisogno di bere qualcosa”, dice, prendendogli la mano e tirandolo via.

Usciti dal parco, attraversarono la strada deserta, e si infilarono in un bar. Dentro, una ragazza truccata male, dietro il bancone parlava con un uomo

che beveva l'ennesimo bicchiere di pessimo vino rosso. Lui si gira appena per vedendoli entrare, poi incolla di nuovo lo sguardo umido sulla barista.

“Prego?”, chiede la ragazza, evidentemente contenta di spezzare il dialogo con l'uomo.

“Due vodka con ghiaccio per favore. Doppie”.

Andrea la guarda. “Non bevo vodka”, dice.

“Ti farà bene. Dobbiamo pensare.”

“A cosa? Non mi hai detto chi sei, come ti chiami. Hai sconvolto la mia giornata. Probabilmente hai sconvolto la mia vita. Non so chi sei.”

“Dobbiamo trovare un modo veloce di andarcene da qui.”, dice lei, svuotando il bicchiere.

La barista li guarda incuriosita e sorride.

“Me lo riempi di nuovo?”, poi, rivolta ad Andrea, “Hai promesso di aiutarmi.

Avrai le tue stupide risposte e molto di più. Te lo prometto. Ma, per ora, scusami ma, fidati di me!”, conclude.

Andrea sorseggia, sempre più confuso.

“Devo chiamare Luca. Dovevamo vederci per parlare del suo progetto. A

quest'ora avrà finito.”

“Chi è Luca?”

“Forse il mio unico amico qui. Cosa gli dico? Che ho mandato a puttane la mia carriera? Ancor prima di iniziarla? Per cosa?”, sussurra guardando negli occhi la ragazza.

“Ti prometto che si sistemerà tutto. Andiamo. Dobbiamo prendere un treno”, ordina lei.

“Un cosa? Devo andare a casa. Alex avrà fame. E' da stamattina che non mi vede”, biascica Andrea.

“Chi è Alex? Il tuo amico immaginario?”. La barista sorride, alle parole della ragazza.

“Alex è il mio gatto! Non posso lasciarlo così, da solo.”

“Chiama Luca. Digli di andare da Alex per qualche giorno. Sono sicura che ha le tue chiavi. Tu non puoi ancora tornare a casa”, dice, come se fosse una sentenza; poi tira fuori dei soldi e paga la barista.

“Grazie, sei stata molto gentile. Andiamo Andrea, portami alla stazione.”

I due escono di nuovo nella notte. Ha smesso di piovere. C'è silenzio, rotto dai cupi rumori della città in lontananza.

Andrea cammina, chiedendosi come la ragazza conosca il suo nome. Non sa bene cosa stia facendo, ma ha una strana sensazione. Forse sono stati gli anni di apatica e insoddisfacente vita che ha fatto fin'ora. Le delusioni, la vaga consapevolezza di essere in un tunnel grigio, di normali abitudini. Non sa chi sia la ragazza.

Ma questa sensazione di rompere gli schemi, di gettarsi in qualche modo alle spalle la mediocrità delle sue giornata, lo eccita. Gli sembra quasi di essere in un film, di scorrere le pagine di un libro avvincente. Sa che si pentirà, alla luce del sole, svegliandosi il giorno dopo (chissà dove?). E poi, c'è il suo profumo. Quei suoi occhi.

E' strano. Quando lo guarda si sente nudo, inerme, come se lei avesse il potere di scovare fin nel suo profondo. Eppure, con dolcezza. Certo, è la notte, la vodka, le emozioni. Tutte queste idee, questa magia, vengono dalla notte. Domani, tutto svanirà e sarà consapevole dell'enorme errore che sta facendo.

“Di qua, vieni. Non è la stazione principale, ma, se siamo fortunati, ci sarà

qualche treno che parte”, le dice prendendola per mano.

La stazione è deserta. Guardano gli orari. C'è un treno che passa fra meno di mezz'ora. E' partito da Milano, diretto a Genova.

“Sai,” dice Andrea, “alla metro. Era solo una scusa. L'orario. Li conosco bene”.

“Lo so”, risponde lei.

“Certo. Ovvio. Sai tutto. E io non so nulla!”

“Simona”, sussurra la ragazza, mentre si avvicina alla macchinetta per fare i biglietti.

Lui la guarda.

Le note di una canzone malinconica che parla di viaggi senza meta invadono la stazione, rimbalzando nelle fredde pareti. Lui sobbalza, distogliendo lo sguardo da lei.

“Il mio telefono.”, dice Andrea, tirando fuori il cellulare.” E' Luca”

“Rispondigli!”, gli ordina lei.

“Luca, ciao.”

“Dove sei finito?”

“Piccolo contrattempo. Non ti posso spiegare ora. Sto partendo. Devi andare tu a casa mia questi giorni. C'è un sacco di roba in frigo. E dai da mangiare ad Alex!”

“Ah?? Io odio Alex!”

“Non è vero. Dai, fidati.”

“Che sta succedendo Andre? Stai male? Perchè devi partire ora? A quest'ora!”

“Sto benissimo. Mai stato meglio”, dice Andrea guardando Simona. “Ti spiegherò. Non ti preoccupare. Ah, il colloquio l'ho saltato.”

“Come saltato?”

“Ti chiamo poi. Mi raccomando, il gatto!”

“Andre. Andreaa!”, Andrea chiude la chiamata.

Il silenzio ripiomba nella sala fredda e male illuminata. I due si siedono su una vecchia panca di legno. Dopo qualche minuto si sentono i passi di qualcuno. Simona alza subito lo sguardo, ansiosa. Si guarda attorno. Entra un uomo, con una folta barba. Barcolla un po. Sembra reduce da una lunga sosta al bar. Guarda i due di sfuggita, poi si siede anche lui in una panchina, in attesa. Ancora qualche minuto, e una voce annuncia l'arrivo al binario uno del treno per Genova.

“Andiamo”, ordina Simona.

I due si avviano verso il treno. La luna fa capolino fra i nuvoloni, curiosa e pigra.

Il treno arriva lento e rumoroso, si ferma cigolando fastidiosamente. Apre le sue porte per far scendere qualche passeggero assonnato. Il treno è lungo. L'uomo con la barba li raggiunge. Appena fuori si accende una sigaretta, armeggiando con l'accendino mezzo scarico. Simona lo guarda.

Una voce metallica annuncia l'arrivo del treno diretto a Milano.

“Saliamo”, dice lei.

Troverai qui tutte le novità su questo libro

Commenti

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “La statua nera”

Condividi
Tweet
WhatsApp
Nicola Mannai
Nato a Marostica ma sardo fino al midollo, vivo in un tranquillo paese del Sulcis. Nonostante l'educazione ed il lavoro tecnico e scientifico, ho sempre avuto la passione per la scrittura, che ho coltivato fin da piccolo, quando leggevo qualsiasi cosa, prediligendo fantasy e fantascienza. La mia indole creativa mi spinge ad ideare ed esplorare il nuovo, cercando sempre nuovi stimoli e così mescolo parole e frasi per trasmettere emozioni di viaggi e di visioni.
Nicola Mannai on FacebookNicola Mannai on Instagram
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

Questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti per aiutarci a migliorare la tua esperienza di navigazione quando lo visiti. Proseguendo nella navigazione nel nostro sito web, acconsenti all’utilizzo dei cookie. Se vuoi saperne di più, leggi la nostra informativa sui cookie