Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

L'Agente della Terra di Mezzo - diario di viaggio

Svuota
Quantità

Un viaggio in bicicletta attraverso i territori dell’Irpinia e un viaggio interiore tra i ricordi e i pensieri di chi la abita da sempre. Un diario composto da storie ed esperienze della misteriosa terra appenninica, rude e allo stesso tempo bellissima. Un racconto in prima persona, vero e appassionato, ispirato dall’opera del poeta irpino Franco Arminio. Davanti agli occhi del lettore si schiude una terra ricca di saperi, di sapori e di un’intelligenza propria, che le permetterà di proiettarsi con sicurezza verso la speranza di un futuro più roseo.

Io nella terra di mezzo ci sono nato, e ci vivo da sempre, da quando sono uscito dalla pancia di mia madre e ho respirato l’odore di una primavera incessantemente in marcia.

Quest’anno però l’inverno è arrivato all’improvviso e prima del previsto. Fa freddo, il cielo è bianco, plumbeo, pioviggina e si sente l’acre odore della neve. È strano immaginare come tutto ciò che è vivente sia formato da una diversa combinazione delle particelle di carbonio. Ho letto su qualche rivista scientifica che il nostro mondo si basa sugli atomi di carbonio, i quali, combinandosi con altri elementi naturalmente presenti nello spazio, determinano tutte le cose. Così accade che io, essere dal sangue caldo, barbuto irpino scontroso, sia uguale al fiocco di neve freddo che ora si posa sulla mia mano, sciogliendosi e assimilandosi a me.

Continua a leggere

Continua a leggere

Brusco montanaro dalla socialità scostante, cresciuto con dentro agli occhi il respiro di questi panorami, progenie di lupi, non avvezzo alla vita urbana, sbuffo di vapore che esce dalla bocca in un giorno di neve.

Ed eccola la neve, immancabile amica di ogni inverno, coperta protettrice di ogni filo d’erba, che cade sulle valli e sulle cime del paesaggio. Lì, verso sud scorgo nettamente le tre cime del monte Tuoro che domina Chiusano di San Domenico, e verso sud est le cime più alte dei Monti Picentini, Verteglia, Laceno, Acerno.

Amica, siediti e bevi, ti ho preparato un tè caldo, oggi fa bene, riscalda le viscere e le ossa. Se l’Italia ha un clima temperato, qui è tutta un’altra storia; il freddo è parte integrante della nostra esistenza. Ti ci devi abituare. Ma la costante di tutta la nostra vita è il vento. Vento malevolo, a volte benevolo. Non per nulla, una delle città più antiche del Sannio e capitale ancestrale degli antichi Irpini era prima detta Maleventum e poi Beneventum, perché il vento può essere amico e nemico allo stesso tempo. In verità l’etimologia del nome è diversa, ma a me piace pensare che, invece, abbia a che fare proprio con il vento.

Il vento qui l’hanno imbrigliato, domato, piegato e reso utile. In tutta la zona a sud, nel territorio che si estende tra la Puglia e la Basilicata c’è una costellazione di pale eoliche, i nuovi mulini a vento. Il paesaggio è pieno di queste stelline che, avvicinandosi, diventano enormi, giganti aeriformi dall’incessante moto rotatorio. Producono energia elettrica dal vento, ma con beneficio di pochi. C’è stato un tempo in cui la politica, sempre cieca ai bisogni del popolo, sosteneva che le pale eoliche avrebbero portato benefici e lavoro per tutti. Come sempre la promessa politica resta disattesa, scollegata dalla realtà, perché con la realtà non c’entra un cazzo. O per meglio dire, la politica in senso astratto e alto ha attinenza con la vita e quindi con la realtà, ma i politici tradiscono la politica, facendo quasi sempre ciò che è più conveniente per loro e non per la gente. Avremmo potuto essere il miracolo economico dell’Italia, come i petrolieri green della nuova era; invece, abbiamo preferito far arricchire pochi e lasciare sui nostri terreni solo i segni viventi di questo green economy: i giganti che girano incessantemente notte e giorno.

Devo ammettere, però, che hanno pure un loro fascino estetico. Ogni tanto vado verso il Formicoso e mi fermo in prossimità di questi nuovi mulini. Il loro girare è ipnotico, curativo, silenzioso e pensieroso. Non so se esistano degli studi, ma è probabile che in prossimità dei pali ci sia un campo elettromagnetico, e forse è per questo che sotto si crea uno spazio disadorno di vegetazione.

L’anno scorso, a fine marzo, sono andato a Lacedonia, e lungo le curve che salgono il crinale mi sono imbattuto nei mulini. Erano davvero enormi, ed era il tempo della crescita del grano. In quel caso mi sono accorto che non c’erano zone vuote. Il terreno era completamente riempito dagli steli del grano nascente. Tutto era di un verde intenso, scuro, morbido e, ovviamente, fortemente mosso dal vento.

Mi sono fermato, sono sceso dalla macchina e ho camminato verso il gigante. C’era solo il rumore del vento che strusciava contro la lana del mio cappello; il rumore degli steli che si inchinavano e strofinavano al passare del vento; e un leggero sibilo che proveniva dall’alto. Ho alzato lo sguardo, e sopra di me, a venti metri, c’era un motore con delle eliche enormi, che quasi toccavano terra, che giravano con leggiadria, mosse solo da quel vento.

2021-06-14

Aggiornamento

Abbiamo concluso la prima parte della campagna di Crowfunding. Grazie grazie ancora a tutti quanti mi hanno dato una mano nel raggiungimento del goal. Ti invito a guardare il video al link sottostante: https://fb.watch/67bNovgCoD/
2021-05-20

Il Mattino

Una mia intervista per il Mattino
2021-05-20

Radio Punto Nuovo

Diretta su Radio Punto Nuovo per parlare del mio libro e di territorio!
2021-05-07

Evento

Pagina fb Giuseppe Tecce - Continua la grande cavalcata dell'Agente della Terra di Mezzo. VENERDÍ 7 MAGGIO alle ore 21:00 presenteremo, in diretta Facebook, il libro ed il progetto editoriale. Lintervista sarà condotta da Alfredo Martinelli, mio storico compagno di Liceo. Leggeranno alcuni passaggi raccontati nel libro: Maria Grazia Nazzaro, Lara Feleppa, Laura Coletta, Elide Apice , Anna Rita Zagarese e Cleopatra Foschini. Preparate le domande da pormi.... Per una intervista spumeggiante! 🙂
2021-04-24

Ntr 24 Tv

2021-04-12

IRPINIA TV

Intervista per la TV più importante dell'irpinia, ossia Irpinia TV. Il servizio assume maggiore importanza in considerazione del fatto che il libro tratta proprio tematiche legate all'alta Irpinia. https://www.itvonline.news/2021/04/12/diario-di-un-viaggio-in-alta-irpinia-su-due-ruote-ecco-il-libro-di-giuseppe-tecce/

Commenti

  1. (proprietario verificato)

    È bello leggere di personaggi che conosco di persona. Molto bello.

  2. (proprietario verificato)

    È come essere realmente in giro con l’autore.

  3. (proprietario verificato)

    Libro scorrevole e leggero, come la bicicletta che ti porta in giro.

  4. (proprietario verificato)

    Ho già letto la versione non editata e mi è piaciuto molto.

  5. (proprietario verificato)

    L’attenzione per il territorio, l’amore per il viaggio, è un obbligo di ogni buon cittadino del mondo.

  6. (proprietario verificato)

    Un libro che per me ha un valore speciale, perché tocca i luoghi della mia infanzia e sono descritti in modo encomiabile. Ve lo consiglio, ovunque viviate!

  7. (proprietario verificato)

    Una narrazione che scorre veloce come un assolo di batteria, tra le verdi colline irpine, assorbendo tra personaggi e verdi panorami. Bellissimo. Grazie

  8. (proprietario verificato)

    Un diario di viaggio accattivante
    Lettura scorrevole e coinvolgente che ti porta a rivalutare i territori in cui viviamo e di cui conosciamo poco
    Da leggere!

  9. (proprietario verificato)

    Per una ciclista, come me, è un ripercorrere certe strade, arricchite di tanti aneddoti e particolari. Mi piace e ve lo consiglio.

  10. (proprietario verificato)

    Ho deciso di aderire alla campagna di Crowfunding, perché ritengo che si tratti di un libro, che è più di un semplice diario di viaggio, che merita di essere letto da tutti, per le profonde riflessioni che contiene. Se tutti tornassimo verso uno stile di vita più ecologista, sicuramente vivremmo in un mondo migliore. Questo è il messaggio, nemmeno tanto recondito, di quest’opera. Leggetelo.

  11. (proprietario verificato)

    Un racconto accattivante da leggere tutto d’un fiato, che mi ha portata a vivere immersa ad una natura magica e rigenerante, Tutti dovrebbero leggere questo libro. Ti cambia davvero la vita,

Aggiungere un Commento

Condividi su facebook
Condividi
Condividi su twitter
Tweet
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Giuseppe Tecce
nasce a Benevento nel 1972. È laureato in Giurisprudenza e abilitato alla professione di agente in attività finanziaria. Si dedica da sempre alla cooperazione nazionale e internazionale, occupandosi dei servizi dedicati a minori, disabili psichici e migranti. Tra il 2012 e il 2018 è stato presidente del Consorzio Asis nella Regione Campania, specializzandosi nella realizzazione di progetti europei. È anche coordinatore dei soci di Banca Etica per il Sannio, Irpinia e Molise ed è autore del progetto Due ruote per terre di bellezza. Su Youtube gestisce il video blog “Giuseppe Tecce”.
Giuseppe Tecce on FacebookGiuseppe Tecce on InstagramGiuseppe Tecce on Wordpress
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

Questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti per aiutarci a migliorare la tua esperienza di navigazione quando lo visiti. Proseguendo nella navigazione nel nostro sito web, acconsenti all’utilizzo dei cookie. Se vuoi saperne di più, leggi la nostra informativa sui cookie