Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

Le Cronache di Jaltar III. La guerra

Svuota
Quantità

Derek, Vashy, Shyren e gli altri confratelli, guidati dal vampiro ribelle Oset Salaavi, intraprendono un lungo viaggio irto di pericoli verso Leya, il regno leggendario in cui risiedono gli elfi. Sulle loro spalle pesa il destino di Jaltar, perché gli eserciti del sottosuolo marciano verso la capitale degli umani e solo con l’aiuto degli elfi si può sperare in una possibilità di vittoria. Ma il tempo stringe, infatti il Gran Sacerdote, servendosi di forze oscure, sembra aver trovato il modo di risvegliare un’antica e potente minaccia, in grado di spazzare via ogni resistenza alla loro avanzata in superficie. La guerra è iniziata, e gli equilibri tra le alleanze e le forze in gioco non sono mai stati così instabili.

IL MESSAGGIO DELL’ORACOLO

I raggi solari filtravano dall’ampia finestra a soffitto che illuminava l’altare sul quale era distesa la giovane elfa. La regina Anteril, come di consueto, entrò nella stanza portando un mazzo di iris viola. I suoi passi rimbombavano nel silenzio. Le pareti tinta avorio riflettevano la luce del sole da ogni angolazione, irradiando l’ara disposta proprio in quel punto, in modo da non essere mai al buio; anche durante la notte, godeva del chiarore delle stelle e della luna. Si pensava che la luminosità potesse risvegliare l’Oracolo da quel sonno apparentemente eterno.

Continua a leggere

«Anche oggi ti ho portato le tue adorate violette» sussurrò la sovrana, mentre osservava il corpo della figlia, là disteso da troppo tempo. Accarezzò con la mano il viso della fanciulla e continuò: «Hanno anche delle piccole sfumature di giallo, mi ricordano proprio i tuoi occhi. Quando vado a raccoglierli, penso sempre alle nostre passeggiate, alle tue parole e agli aneddoti sui tuoi amati fiori». Una lacrima le rigò il volto. «Mi aggrappo ai simboli che la natura ci dona, desiderando di poterti riavere con me. Il nostro popolo sta perdendo la fede… Dacci un segno, Ewencaal, anche effimero, ma che possa riaccendere la speranza di riaverti qui con noi. Aiutami, figliola.»

Le parole lasciarono il posto a un pianto sconsolato, poi si chinò sul corpo esile della figlia e l’abbracciò. Quando si slegò da lei per stropicciarsi gli occhi e asciugarsi le lacrime, vide le sue dita muoversi lentamente. Le prese la mano chiamandola per nome, ma niente. Era stato solo un piccolo movimento, quasi certamente involontario. Anteril, però, ebbe un’intuizione e stese il palmo della mano, avvicinandolo a quello di Ewencaal, l’indice dell’Oracolo scorse come a scrivere una parola, o almeno era ciò che la regina sperava stesse facendo. «Presto, accorrete!» urlò, attirando l’attenzione altrui per avere testimonianze dell’accaduto. Le due ancelle che si trovavano fuori dalla stanza entrarono e si avvicinarono per osservare.

«È un miracolo!» disse una delle due.

«Sembra anche a voi che voglia comunicare?» domandò Anteril.

«Sembrerebbe di sì. Sta… scrivendo?» chiese l’altra.

«Guardate anche voi.» Si concentrò ancora sul movimento della mano della figlia crucciando la fronte.

«J… a… l… t… a… r…?» provò a indovinare un’ancella, dopo aver esaminato attentamente il percorso che il dito dell’Oracolo stava delineando sul palmo della mano della regina.

Dopo che quella parola fu pronunciata, la mano di Ewencaal si arrestò, ricadendo nuovamente inerme sull’altare.

«Perché si è fermata? Cosa significa, vostra maestà?»

«Forse che è riuscita a recapitare il suo messaggio. Jaltar è il nome delle terre che abbiamo abbandonato… Dobbiamo avvertire mio marito e i consiglieri di questa nuova svolta» proseguì entusiasta. «Finalmente sta comunicando di nuovo con noi. Potete crederci?»

Anteril abbandonò la stanza correndo alla ricerca del consorte, attraversò il palazzo reale e uscì nel giardino. Sapeva dove trovarlo. Quando lo raggiunse, lui era chino, ma sentendo qualcuno arrivare alle sue spalle si voltò a guardare. Sua moglie si stava avvicinando di corsa, i capelli dorati le ondeggiavano ai lati della testa mentre si apprestava a raggiungerlo. Gli bastò rivedere quella scintilla di speranza illuminare nuovamente il blu degli occhi della sua sposa, per intuire che finalmente l’Oracolo aveva comunicato.

«Un messaggio!» annunciò euforica la regina. «Dobbiamo radunare i consiglieri» suggerì al re, il quale quasi non finì di ascoltare quelle parole, iniziando a incamminarsi verso la sala consigliare.

Troverai qui tutte le novità su questo libro

Commenti

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Le Cronache di Jaltar III. La guerra”

Condividi
Tweet
WhatsApp
Monica Tomaino
È nata a Torino il 15 dicembre 1985. La passione per i libri e la scrittura la porta a laurearsi in Letteratura, Filologia e Linguistica italiana. Seguono anni di lavoro nel mondo del fumetto, durante i quali nasce l’idea per un universo fantasy. "Le Cronache di Jaltar III. La guerra" è il terzo volume della saga dopo "La via dell’apprendista" e "Il risveglio", entrambi editi bookabook.
Monica Tomaino on FacebookMonica Tomaino on InstagramMonica Tomaino on Twitter
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

Questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti per aiutarci a migliorare la tua esperienza di navigazione quando lo visiti. Proseguendo nella navigazione nel nostro sito web, acconsenti all’utilizzo dei cookie. Se vuoi saperne di più, leggi la nostra informativa sui cookie