Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

Le ragazze della terrazza

Svuota
Quantità

Milena è una giovane donna appena uscita da una dolorosa esperienza e trascorre le sue giornate apatica a letto. Le sue amiche vanno a trovarla per aiutarla a superare il brutto momento e, accomodate nell’ampia terrazza, iniziano a dispensare consigli, come fossero istruzioni per l’uso. Milena, più silenziosa che mai, allontana la sua mente e, partendo da un piccolo particolare di un avvenimento realmente accaduto, inizia a fantasticare su storie di donne, ispirate al vissuto delle sue amiche. Milena ci racconta complessi rapporti di coppia, veri e propri disagi psicologici e fatti curiosi, surreali o misteriosi, comprendendo che l’antidoto al suo dolore è la scrittura.

INTRODUZIONE

Questo è un libro di racconti eterogenei che narrano di storie di donne, frutto della mia fantasia, il cui filo conduttore – con qualche eccezione – è il tradimento.

Prevale il tradimento all’interno della coppia in diverse forme e da diverse angolazioni, ma anche quello verso se stessi, verso i propri valori e la propria dignità, il tradimento della vita, inteso come un destino avverso, il tradimento lavorativo e infine quello più grave, della negazione d’amore di un padre verso una figlia.

Sono storie di complessi rapporti di coppia, di tragedie, di problemi psicologici ma anche di misteri e storie curiose al limite del grottesco e possono offrire al lettore spunti di riflessione soprattutto sui primi due temi appena citati.

Continua a leggere

Continua a leggere

I racconti iniziati a scrivere più di vent’anni fa, dopo un corso di scrittura creativa, sono nati da diversi stimoli: un evento reale, una frase colta durante una conversazione, un breve scritto durante il corso, o ancora un sogno, un’immagine apparsa ai miei occhi a seguito di un’emozione o una musica. Sono stati tutti spunti su cui poi la mia fantasia ha lavorato, facendomi immergere nel personaggio o, per meglio dire, nella donna protagonista del racconto.

Nati da un mio piacere personale nel vedermi capace anche di raccontare storie, per tanti anni sono rimasti nel “famoso cassetto” dal quale ogni tanto li tiravo fuori, li rileggevo e correggevo. A volte ne ero compiaciuta, ma più spesso si insinuava infida la svalutazione che mi induceva ad abbandonare tutto.

Intanto il tempo scorreva inesorabile e, anche se avevo ricevuto apprezzamenti dai pochi a cui li avevo fatti leggere, rimandavo sempre il tentativo della pubblicazione: da un lato, per timore di un rifiuto che mi avrebbe gettato nello sconforto, dall’altro per una forma di gelosia e ritrosia che mi portava a considerarli come una mia cosa.

Partecipai a un concorso di Kataweb con due racconti e mi proposero di inserire il racconto Occhi, sottotitolo di Teresa, in un’antologia, ma ho poi rifiutato quando mi dissero che ne avrei perduto i diritti.

L’idea di inviare i racconti a qualche casa editrice – mondo allora a me completamente sconosciuto, scartando per ovvi motivi le grandi e quelle EAP –, senza trovare un modo che motivasse i racconti, introducendo anche alla loro lettura, non mi piaceva.

Non da poco il problema del titolo, cosa non facile per i racconti. Sono passata infatti dal banale Racconti per caso a Fazzoletti per un mio racconto breve a cui sono molto affezionata e che avevo pensato anche come prologo, ma non ero convinta e lo avevo trovato inadatto alle storie raccontate.

Poi, a seguito di un avvenimento veramente accaduto – seppure romanzato –, sul quale avevo sentito l’urgenza di scrivere subito qualcosa, è nata l’idea del prologo e dell’epilogo.

Restava da scegliere solo il titolo. Dopo vari tentativi, un giorno, nel relax della mia terrazza, ho ritenuto che proprio quel luogo potesse servire allo scopo, quella stessa terrazza da sempre luogo di incontro con amici e parenti più cari. È stato così che mi è balenato il titolo Le ragazze della terrazza, che sarebbe stata l’ambientazione del prologo e dell’epilogo.

Eppure, anche da quel momento in cui tutto sembrava ormai ultimato, sono trascorsi altri giorni, mesi e poi anni nell’inerzia, per una serie di avvenimenti dolorosi troppo ravvicinati e che mi hanno molto impegnata – di cui non è questo il luogo cartaceo per parlarne – e che mi hanno come congelata. Troppo ci sarebbe stato e ci sarebbe da scrivere, ma la mia penna era diventata muta.

L’evento gioioso della nascita della mia nipotina è arrivato al momento giusto a compensarmi di lutti ravvicinati e a distrarmi. Proprio io, che non mi ero potuta dedicare a tempo pieno alle mie figlie, godendone appieno l’infanzia per via di un lavoro impegnativo, mi sono immersa totalmente nel piacere di occuparmene e assaporare la gioia giorno dopo giorno dei suoi progressi e delle sue piccole conquiste, rendendomi però amaramente conto di aver perduto irrimediabilmente con le mie figlie qualcosa sia io che loro, alimentando sensi di colpa che mi avevano portato un po’ alla volta ad allontanarmi da tutto ciò che vivevo come egoistico piacere personale. In una sorta, quindi, di compensazione, ho cercato di essere una nonna migliore di quanto sia riuscita a esserlo come madre, ma non sono io che devo giudicare.

Resta il fatto che il mio principale piacere, dopo tanti dolori, è stato occuparmi di mia nipote Viola e ne sono tuttora felice, perché mi ha dato tantissimo.

Capitava, però, che nei momenti liberi ogni tanto rileggessi ciò che avevo scritto, apportavo qualche modifica e cercavo online qualche casa editrice, ma senza realmente crederci. La mia penna continuava a rimanere muta, limitandosi pigramente a scrivere qualche rara poesia e riflessione in momenti nostalgici e malinconici.

Nel frattempo, gli impegni sono via via diminuiti, prima la fine del lavoro, poi quelli assistenziali ai miei cari ormai scomparsi, compresi cari amici, ma anche conoscenti e amicizie sempre più annacquate, alcune per la distanza fisica, altre per interessi diversi o problemi personali; persino la nipotina stava crescendo e aveva sempre meno bisogno di me.

È stato allora che ho cominciato ad avvertire un vuoto, un’apatia sempre più grande e, alla domanda “Cosa avrei voluto fare come hobby”, non riuscivo a trovare tragicamente risposte, a parte la lettura che non ho mai abbandonato.

Sembrava che non mi piacesse più niente e non mi riconoscevo più; io, sempre così determinata, quasi testarda nel perseguire obiettivi, ora ero rassegnata a non fare niente che non fosse la cucina – unica attività creativa –, la palestra – che frequento non certo per piacere, ma per motivi di salute – e la camminata giornaliera.

Il retropensiero di cosa fare di questi racconti in qualche modo era sempre presente seppure inconsciamente e ogni tanto si affacciava prepotentemente, insieme al rammarico di lasciare alle mie figlie e nipote solamente una cartella sul PC e fogli sparsi stampati più volte. Non a caso, questo libro è dedicato a loro.

Poi, una mattina di fine inverno, mentre sistemavo le varie carte, è venuta fuori la stampa della casa editrice bookabook, che mi aveva colpito già qualche anno prima e per questo ne avevo fatto una copia. Così quella mattina, d’impulso e senza darmi tempo di pensare, ho mandato il manoscritto pressoché pronto da tempo, senza speranza alcuna, quasi sperando venisse rigettato perché sapevo che mi sarebbe aspettato altro lavoro che non ero più sicura di voler fare.

Inaspettatamente, invece, il dattiloscritto è stato ritenuto idoneo.

26 June 2024

Ultimi eventi “Le ragazza della terrazza”

Vi aggiorno sugli ultimi eventi con protagonista "Le ragazze della terrazza"
18 Aprile presentazione in un noto ristorante di Ancona
06 Maggio intervista alla radio Story Time di Bologna (la trovate su FB, TikTok e Instagram)
07 Giugno evento "Scrittori marchigiani in dialogo" nella biblioteca di Moie, un paesino dell'entroterra Anconetano (in allegato qualche foto)
NEXT: domenica 30 giugno alle ore 18.00 presentazione in spiaggia, con l'offerta di un piccolo aperitivo, VI ASPETTO!

 

 

 

18 April 2024

Guarda “Le Audio Recensioni: “Le Ragazze della Terrazza” di Mirella Pieroni su YouTube

https://youtu.be/AK1_Y1edXIY?si=bFMVOajDcFToaJ4i  Ecco la recensione in audio di Navigando Parole
15 April 2024

Presentazione ufficiale presso la biblioteca comunale di Falconara M.ma

16 April 2024

Articolo su Il Resto Del Carlino

 

Commenti

  1. manuele zambardi

    (proprietario verificato)

    Milena, la protagonista di questo libro invita le sue amiche sulla sua terrazza, un posto quieto e isolato per poter stare tranquille in relax. Cerca di ritagliarsi un momento di svago, mentre invece le sue amiche, conoscendo i suoi problemi, si arrogano il diritto di darle dei consigli. La cosa la infastidisce a tal punto che si inventa un provvidenziale mal di testa per avere la scusa di allontanarle e poter rimanere da sola. Nella sua mente matura un pensiero, il voler esprimere su carta ciò che le donne generalmente devono affrontare nel corso della vita.
    Ognuna delle sue amiche ha affrontato diversi problemi e de-cide di raccontarne le vicende ovviamente cambiandone i no-mi.
    Pian piano Milena srotola le vite delle sue protagoniste e ci spiega il tappeto di chiodi sopra il quale sono costrette a vive-re, a volte per scelta di cuore e a volte per obbligo.
    Milena diretta dalla sapiente penna dell’autrice si inerpica co-sì nelle storie spesso di sofferenza, ma che danno valore a quel pensiero che ipotizza che da un seme di dolore può na-scere il fiore della gioia. Così a volte con grazia e delicatezza suggerisce alle donne come potrebbero reagire nei momenti di maggiore sconforto.
    Ho apprezzato questi racconti che con delicatezza raggiungo-no stadi profondi dell’animo femminile, posti in cui spesso nemmeno le donne stesse osano addentrarsi.
    Un meraviglioso viaggio fatto in punta di piedi.

  2. (proprietario verificato)

    Ho letto questo primo libro dell’autrice e l’ho trovato coinvolgente. Un caleidoscopio di personaggi femminili, le cui storie avvincenti introducono il lettore in un universo di emozioni e sentimenti. La lettura dei racconti è scorrevole, mentre le tematiche trattate inducono alla pausa e alla riflessione.

  3. (proprietario verificato)

    Il libro parla della sofferenza, di abbandono, di rimorsi, ripensamenti, senso del dovere, d’amore e di bisogno d’amore. Accanto a racconti conclusi ne troviamo altri lasciati sospesi, come se la scrittrice invitasse il lettore stesso a trovarne il senso, a tracciarne l’epilogo. Tuttavia non mancano qua e là episodi ironici, surreali o atmosfere da romanzo giallo in cui l’autrice entra ed esce, modifica, ci ripensa, ci consola.

    Luisa Zancanella

Aggiungere un Commento

Condividi
Tweet
WhatsApp
Mirella Pieroni
È nata ad Ancona e oggi vive a Falconara Marittima. Si è laureata in Sociologia e ha lavorato per Trenitalia. Spinta dalla passione per la lettura, ha frequentato un corso di scrittura creativa e ha iniziato a scrivere poesie e racconti. "Le ragazze della terrazza" è il suo primo romanzo.
Mirella Pieroni on FacebookMirella Pieroni on Instagram
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors