Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

Nelle pieghe dell'amore - Lettere del cuore

Nelle pieghe dell'amore - Lettere del cuore

La campagna di crowdfunding è terminata, ma puoi continuare a pre-ordinare il libro per riceverlo prima che arrivi in libreria

Svuota
Quantità
Consegna prevista Gennaio 2023

Una raccolta di lettere scritte nel corso degli anni, che raccontano emozioni, storie, sentimenti. Lettere che raccontano il passare del tempo, il mio tempo. Un tempo fatto di gioie e dolori, di amicizie e amori. Lettere che nascono da un’esigenza del cuore, da un bisogno fisiologico che porta a riferire, sussurrando quello che il cuore vorrebbe esternare…urlando! Molte volte sentiamo il bisogno di dire qualcosa, ma ci mancano le parole. Dopo giorni di riflessione affiorano le prime sensazioni ma è troppo tardi. Ed è allora che le trascrivi, come fossero un testamento che prima o poi qualcuno leggerà.

Perché ho scritto questo libro?

Nasce da una sfida lanciata da Papa Francesco a Cracovia, quando davanti a milioni di giovani disse: “Il tempo che oggi stiamo vivendo non ha bisogno di giovani-divano, ma di giovani con gli scarponcini calzati. Questo tempo accetta solo giocatori titolari in campo, non c’è posto per riserve. Il mondo di oggi vi chiede di essere protagonisti della storia perché la vita è bella sempre”. Io c’ero tra quei giovani e oggi voglio lasciare la mia impronta nella storia e nella storia degli altri.

ANTEPRIMA NON EDITATA

Lettera ai curiosi

Scrivo a te,

archivista dell’affettuosità, topo di biblioteca dei sentimenti, storico delle passioni che nella tua vita hai studiato con minuzia e scrupolosità ogni cavillo che potesse riguardare l’amore. Con la tua lente di ingrandimento hai scrutato, inquisito, scandagliato tra milioni di documenti impolverati, interrogato altrettanti testimoni che si sono espressi sull’argomento o che hanno vissuto quello che Shakespeare definiva come la più saggia delle follie, un’amarezza capace di soffocare, una dolcezza capace di guarire. Ti sei adoperato per riuscire a dare una risposta a quell’interrogativo che non ti da pace: cos’è in realtà l’amore? Tutti lo immaginiamo sotto forma di tenero bambino alato, munito di arco e frecce, che svolazzando di qua e di là smuove le persone ad innamorarsi. Per i bambini potrebbe essere una storia meravigliosa e affascinante, ma per te assume i tratti di una stucchevole e mitologica illusione, condizionata dalla razionalità e dal pensiero critico di un giovane venticinquenne.

Tutti lo idealizzano, tutti lo vogliono, lo desiderano ardentemente, lo elemosinano, lo pretendono. Tutti lo cercano disperatamente su questa terra: alcuni lo trovano guardandosi intorno, altri alzando gli occhi al cielo. Credevi fosse così anche per te, ma ti sbagliavi ed ora ti ritrovi a fantasticare su cosa sia questo amore. Qualcuno potrà dirti “puoi sognarlo anche tu, dove il vento incontra il mare blu” per citare una canzone del film di animazione Frozen II – Il segreto di Arendelle; l’importante è che “fai un passo e ascolta, volta per volta, fai ciò che è giusto…poi vai”. Ma tra sogno e realtà vi è un abisso incolmabile, dove la fantasia si perde tra le onde, che si infrangono sugli scogli della vita vera, quella tangibile e concreta. Ma se parliamo di amore, il confine tra sogno e realtà si azzera.

Continua a leggere

Continua a leggere

L’amore è spensierato, leggero, ti accarezza il viso e ti solleva da terra con la forza di un gigante; ti tiene per mano e te la stringe forte donandoti il coraggio di aprire le più profonde stanze del cuore.

L’amore ti guarda con gli occhi di un bambino innocente e innocuo, che si avvicina a te sussurrandoti parole dolci, raccontandoti segreti e sorprendendoti con gesti impensabili.

L’amore ti tocca le labbra come la suola delle scarpe tocca l’asfalto: alle volte assomiglia ad una passeggiata lenta e nostalgica di una coppia di anziani, altre volte ad una maratona rapida o ad una corsa con ostacoli; in altre occasioni è immobile come chi aspetta alla fermata del pullman l’arrivo dello stesso.

L’amore si posa sul petto e si addormenta dolcemente tra i sospiri degli amanti e il canto delle cicale. Dorme tra il calore di due corpi nudi, avvolti da un soave fascio di luce proveniente dalla luna e che attraversa i vetri appannati di un auto, ferma tra le campagne.

L’amore ti accompagna proprio lassù, nel cielo immenso per godere del sorriso beffardo della luna, per regalarti una stella, anzi milioni di stelle, affinché ognuna di esse conservi un desiderio. Queste non si spegneranno finché non avranno visto esaudire ciò che è conservato nel loro nucleo. Sarà allora che sceglieranno di cadere su di noi, a ricordarci di quelle promesse sugellate nell’iperuranio e portate a compimento nelle rughe dei volti invecchiati.

L’amore sorride a coloro che si divertono a rincorrersi in un parco giochi; a chi si emoziona davanti a un film di animazione o ascoltando una canzone; a chi scrive una lettera romantica per il primo anniversario insieme; a chi sta preparando una cenetta con i fiocchi, aspettando il ritorno della persona amata; a chi lavora instancabilmente per assicurare un futuro ai propri figli.

L’amore sorride anche a coloro che sono stati dimenticati: al barbone che tenta di scaldarsi con una mano vicino al fuoco e l’altra che tiene in mano un bicchierino di vodka; all’ammalato che stanco e bloccato su un letto di ospedale, fissa continuamente un punto nel soffitto, aspettando di vivere una vita migliore.

L’amore sorride a chi ha perso tra le strade del mondo, o sui cantieri della fatica, petali di anime appassiti troppo presto.

L’amore sorride perché l’amore consola e non ti abbandona mai. Non ti lascia perché si lega a te per sempre.

Ci saranno giorni in cui non lo sentirai, altri invece dove peserà come un macigno; ci saranno giorni in cui urlerà di rialzarti dalle cadute, ma sempre con la delicatezza di una madre. Asciugherà il tuo pianto nei blue monday della tua esistenza; ti salverà dalle scelte sbagliate e ti ricondurrà sulla retta via; ti proteggerà dalle invidie e dalle gelosie, lotterà con te contro ogni avversità.

L’amore sorride… l’amore consola… l’amore combatte… l’amore colora.

Si tinge di rosso quando pulsa incessantemente per qualcuno, quando ama da morire anche il silenzio che non lascia andare via. Quando ti colora il volto e ti imbarazza anche solo il pensiero.

Si tinge di giallo sotto il sole estivo, tra le spiagge affollate e i lettini sporchi di sabbia bagnata, tra le noci di cocco e un bicchiere di Cosmopolitan, tra le risate adolescenziali e i capelli sporchi di salsedine, tra il primo di giugno e il trentuno di agosto.

Si tinge di verde nel momento in cui suona il citofono e: “Devo consegnare un mazzo di fiori per…” poi leggi il bigliettino e ti sciogli in un pianto di felicità, perché “a volte vale la pena sciogliersi per qualcuno”.

Si tinge di azzurro nei picnic fuori porta, quando osservando il cielo diamo forma alle nuvole, oppure durante i mondiali di calcio tra un’azione mancata e un rigore segnato.

Si tinge di viola sulle facce delle donne che amano incondizionatamente anche l’uomo che le prende a pugni, a schiaffi; assume la stessa tonalità sui volti e sui cuori di tutti coloro che sono prigionieri di una società che non li accetta e che non riconosce nell’amore, l’universalità di un sentimento puro, sincero e pacifico.

L’amore è colore, poiché esso è vita e vive in ogni cosa su questa terra: infatti “può nascere dovunque, anche dove non ti aspetti, dove non l’avresti detto, dove non lo cercheresti”.

Non siamo noi a cercare l’amore, ma è lui che viene da noi e ci chiama per nome: è allora che riconosciamo il volto della persona amata, quando pronunciando il nostro nome balzerà il cuore nel petto, il respiro si farà affannoso, la fronte e le mani cominceranno a sudare, la bocca resterà asciutta, lo stomaco si ribellerà e la testa viaggerà per mondi ignoti alla ricerca di una risposa alla domanda: “cos’è in realtà l’amore?”.

2022-06-27

Aggiornamento

Grazie a tutti coloro che hanno continuato a credere in questo sogno. Il mio cuore è colmo di gioia e gratitudine per questo traguardo raggiunto.
2022-06-01

Aggiornamento

Grazie infinite a tutti coloro che hanno creduto in me e in questo progetto. Un grazie speciale lo rivolgo ad una persona che non c'è più. Ovunque tu sia Mamma, grazie per avermi insegnato l'amore. Un bacio.
2022-05-09

SassiLive.it

Buongiorno a tutti, oggi è uscito l'articolo su SassiLive.it testata giornalistica lucana con oltre 41000 accessi al giorno. Seguitela su Facebook, Instagram e Twitter.
2022-04-28

Radio In

Buongiorno a tutti. Innanzitutto grazie per il grande sostegno che mi state dando. Volevo avvisarvi che sulla mia pagina Facebook e Instagram trovate la mia intervista con Radio In, una radio siciliana che mi ha dato l'opportunità di presentare NELLE PIEGHE DELL'AMORE.

Commenti

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Nelle pieghe dell’amore – Lettere del cuore”

Condividi
Tweet
WhatsApp
Roberto Olivieri
Roberto Olivieri classe 1994, nasce nella città del grano e del vino, all'ombra del Ponte Acquedotto Romano. Dopo il diploma in amministrazione, finanza e marketing i suoi studi proseguiranno nella Facoltà Teologica Pugliese. Ma un viaggio a Gerusalemme cambierà le carte in tavola, stravolgendo la sua vita. Amante dell'arte, dei viaggi e della natura, della musica e del canto. Empatia, sensibilità e predisposizione all'ascolto sono solo alcune delle variegate caratteristiche che lo contraddistinguono. Non sempre riesce ad esprimere a voce quello che pensa, ma quando la penna sfiora la carta è l'inchiostro a raccontare quello che la bocca non rivela.
Roberto Olivieri on FacebookRoberto Olivieri on Instagram
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

Questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti per aiutarci a migliorare la tua esperienza di navigazione quando lo visiti. Proseguendo nella navigazione nel nostro sito web, acconsenti all’utilizzo dei cookie. Se vuoi saperne di più, leggi la nostra informativa sui cookie