Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

Quella cosa che chiamiamo vita

Quella cosa che chiamiamo vita

La campagna di crowdfunding è terminata, ma puoi continuare a pre-ordinare il libro per riceverlo prima che arrivi in libreria

Svuota
Quantità
Consegna prevista Gennaio 2023
Bozze disponibili

Queste storie attraversano le stagioni della vita.
Dentro c’è un po’ di tutto: riconosciamo lo stupore, la curiosità e il dolore unico dell’infanzia; le emozioni taglienti e chirurgiche della prima adolescenza. Possiamo sentire il profumo delle grandi speranze e il disperato bisogno di libertà che accompagna la giovinezza; e poi c’è un viaggio lungo le emozioni e i sentimenti che nell’età adulta si articolano, si sedimentano, prendono consistenza: l’amore, l’odio, la paura, la felicità, la rabbia.
Infine c’è il sapore dell’esperienza che attraversa ogni individuo quando matura e si prepara a diventare anziano.
I personaggi sembrano darsi il cambio e passarsi un testimone immaginario.
E per quanto le loro vicende possano esserci estranee, finiscono per somigliarci e diventarci amici.

Perché ho scritto questo libro?

Di tanto in tanto spunta un personaggio dalla mia immaginazione. Io lo lascio stare: cerco solo di ascoltarlo…
A volte svanisce così com’è arrivato; altre volte invece resta e mi fa compagnia fino a quando non ho scritto la sua storia.
Ed è così che sono nati, nel tempo, questi racconti.

ANTEPRIMA NON EDITATA

Sandro aveva rischiato di morire varie volte nella sua vita.

La prima e più importante era arrivata con la nascita: gemello di Giovanni, era uscito da sua madre Anna quasi senza che lei se ne potesse accorgere, tanto era piccolo. Così piccolo che la balia aveva detto che non avrebbe superato la notte.

Ma Anna lo aveva stretto al suo grembo, come aveva fatto con Giovanni e lo aveva nutrito subito.

Poi nelle ore di sonno, lo aveva cullato in una vecchia scatola di scarpe foderata di lana e lo aveva messo al caldo, vicino al fuoco.

Tutti dicevano che Anna fosse pazza.

Ma lei non ascoltava nessuno e ormai di figli ne aveva partoriti troppi per non sapere come fare.

Continua a leggere

Continua a leggere

E infatti Sandro sopravvisse a quell’inverno gelido e tremendo.

Sopravvisse alla fame di sua madre e di suo padre, in quella casa poverissima, insieme al suo gemello Giovanni e ai suoi fratelli e sorelle più grandi: Antonio, Antonia, Isabella, Francesca, Bruno e Lorenzo.

Cagionevole di salute lo fu sempre, ma riuscì a cavarsela.

Per esempio Giovanni lo salvò da annegamento certo, un pomeriggio d’estate durante i giochi al fiume insieme a tanti altri bambini.

E ancora, il gemello lo salvò da svariati tentativi di pestaggio.

Essendo debole e gracile, era stato un bersaglio facile da subito.

Era cresciuto a fatica: alto il giusto, ma magro all’inverosimile, con un corpo così indefinito che a volte, da lontano, lo si poteva prendere per una femmina.

Una femmina già.

Ancora adesso che aveva cinquant’anni, non si capiva mica se gli piacevano le donne.

C’erano dicerie in paese.

C’erano leggende.

Di lui che al militare era stato sorpreso con un giovane dietro ad un fienile abbandonato.

O in compagnia di uomini più grandi che gli regalavano vestiti, e bevute nei caffè di città e sigarette.

I suoi genitori però non gli avevano mai chiesto.

Quelle due anime pure erano morte dopo una vita passata a lavorare la terra e a badare agli animali nel timore di Dio, senza mai fare troppe domande.

Una vita di sofferenza spesa nell’amore.

Senza aspettarsi niente in cambio se non la vita stessa, per quello che era.

Che persone!

Che eroi!

Giovanni teneva una foto dei suoi genitori in mezzo a due giganti: Enrico Berlinguer e Leone Ginzburg.

Erano là, appesi sulla parete principale della Casa del Popolo.

E ne andava fiero.

Lui era quello che si dice l’opposto di Sandro: forte, ruvido come la carta vetrata, feroce all’occorrenza.

A cinquant’anni suonati aveva fatto cento lavori diversi. Aveva viaggiato in lungo e in largo, così, senza nulla: prendendo treni, dormendo in ripari di fortuna, lavorando a giornata in cambio di un pasto caldo e una doccia.

Aveva consumato scarpe a camminare su sentieri di montagna, battuti da pellegrini, eremiti, banditi.

Aveva conosciuto molte donne.

Perché che a lui le donne piacessero alla follia, lo sapevano tutti.

Poi era tornato: qualcuno l’aveva scambiato per un santone. O per Karl Marx, tanta era la barba che aveva rimediato.

Era andato nella sede del partito comunista e aveva chiesto di rilevare il bar della Casa del Popolo, che ormai lì non ci andava più nessuno ed era arrivato invece il momento che la gente ci tornasse.

Era così che aveva detto.

E quelli che avevano potere, non avevano fatto altro che dargli ragione.

Giovanni era uno che parlava poco, ma quando apriva la bocca, era come se la terra crepasse e venisse fuori qualcosa. A volte si trattava di un bel fiore, a volte poteva essere un sasso grosso come un pugno, altre una musica bellissima.

Non importava: finiva sempre che di lui ti dovevi fidare.

E allora si mise a lavorare e il bar della Casa del Popolo tornò a risplendere.

Appese le tre foto dopo averle strette al petto e lucidò per bene il bancone.

A volte qualche gruppo di paese veniva a suonare e si tenevano riunioni di partito.

C’erano serate di poesia e teatro.

E la Casa del Popolo ricominciò a splendere.

Per quanto riguardava il bar, da lui le cose funzionavano a dovere: avevi la tessera? Entravi.

Non ce l’avevi?

Fuori.

Non c’erano eccezioni.

Non c’erano vie di mezzo.

E alcuni amici se la presero.

Amici che votavano PD e che avevano anche provato a spiegare e argomentare le proprie scelte.

Alla Casa del Popolo potevano andare per una partita a carte, o a biliardo. Potevano assistere agli eventi.

Ma consumare no.

Mi spiace.

Se c’è una regola, bisogna che io la faccia rispettare.

Lo diceva a bassa voce, non per paura, ma semplicemente perché per lui era come se al posto del diaframma, parlasse direttamente il suo animo.

E anche con le donne, non cedeva.

Fuori dalla Casa del Popolo tutto era concesso, ma dentro, dentro no.

Con la famiglia i rapporti erano al minimo sindacale. Ognuno aveva la sua vita e fra fratelli e sorelle non ci si vedeva quasi mai.

Giovanni un po’ ne soffriva.

Non che avesse nostalgia della sua vita passata, perché aveva avuto fame e freddo nella sua casa d’infanzia. E perché la vita in tanti è tutta un compromesso, si sa.

Però c’era sempre confusione e nessuno era solo.

Poi c’era Sandro.

Chissà dov’era.

Chissà cosa faceva.

Non telefonava mai. Non scriveva.

E in paese non scendeva più.

(…)

Estratto da “La casa del popolo”

2022-06-09

Evento

Borgo di Pianetto, Galeata, Fc Finalmente ci incontriamo per parlare del mio nuovo libro e della campagna di crowdfunding! Ci saranno letture di brevi estratti dei racconti in anteprima e la possibilità di gustare un aperitivo preparato da Roberto e Alessandra (Osteria La Campanara). Il tutto, nella bellissima cornice del chiostro di Pianetto. Non mancate! Chi preordina il libro riceverà un piccolo omaggio e potrà usufruire dello sconto el 30%!
2022-05-01

Il Resto del Carlino

https://www.ilrestodelcarlino.it/forlì/cronaca/galeata-il-nuovo-libro-di-bardi-e-un-successo-1.7624567
2022-04-12

Aggiornamento

Che dire… l’unica parola che mi viene in mente è “grazie”. Avete saputo stupirmi per l’entusiasmo con il quale avete preso a cuore questa campagna e questa ondata di euforia ci ha permesso di raggiungere il traguardo in una manciata di giorni! Grazie… grazie di cuore a tutti coloro che mi hanno dato fiducia sostenendomi in prima persona e che a loro volta hanno cercato di diffondere questa avventura ad amici, conoscenti, appassionati di libri. Abbiamo ancora molti giorni davanti e possiamo fare ancora tanto affinché “Quella cosa che chiamiamo vita” possa avere dei veri e propri ambasciatori, una volta che sarà pubblicato. Continuate a sostenere il libro, curiosate fra le pagine del manoscritto, fatemi sapere cosa ne pensate perché per me la vostra opinione e le vostre emozioni sono importanti^^ Seguitemi e inizieremo un viaggio alla scoperta di tutti i personaggi che abitano le mie storie… A presto e grazie ancora^^ valentina

Commenti

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Quella cosa che chiamiamo vita”

Condividi
Tweet
WhatsApp
Valentina Bardi
Valentina Bardi è nata nel 1977 a Galeata (FC) dove vive e lavora.
Si è diplomata in sassofono presso il Conservatorio "Bruno Maderna" di Cesena e si è laureata in Lingue e Letterature Straniere presso l'Università degli studi di Bologna Alma Mater Studiorum.
Fa parte del Gruppo di lettura Teodorico e da anni, con il nickname kiku77, scrive fanfiction sul sito di EFP (https://efpfanfic.net/).
Nel 2019 è uscito il suo romanzo d'esordio, "Ventiquattro", edito da Il Ponte Vecchio, piccola casa editrice di Cesena.
E’ attualmente iscritta al primo anno del corso di Laurea in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali presso l’Università Mercatorum (Università Telematica delle Camere di commercio italiane).
L’amore per i libri, la scrittura e lo studio sono un punto fermo della sua quotidianità.
Valentina Bardi on FacebookValentina Bardi on Instagram
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

Questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti per aiutarci a migliorare la tua esperienza di navigazione quando lo visiti. Proseguendo nella navigazione nel nostro sito web, acconsenti all’utilizzo dei cookie. Se vuoi saperne di più, leggi la nostra informativa sui cookie