Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

SEPPUR IMMOBILI

Svuota
Quantità

Fra bar che ricordano i quadri di Miró, deserti arabeggianti, trottole che parlano e fantocci inumani che realizzano i nostri desideri, in Seppur immobili il lettore si ritrova immerso in un mondo immaginifico spiazzante, che a volte assume le sembianze di un sogno paradisiaco, altre assomiglia a un incubo da cui risvegliarsi.

Sedici racconti che descrivono la realtà complessa e dolorosa delle nostre relazioni, della quotidianità, delle nostre emozioni tramite una lente fantastica, un immaginario cruento e bizzarro che capovolge le situazioni e ne crea altre fuori dall’ordinario, ma tutto questo senza giudicare o condannare. “Ciò a cui tendo è che nulla sia vero, nulla sia giusto, ma tutto perfettamente assurdo.”

Catrame
ーλ

 

[Si aprì il sipario]

Un faro si accese all’improvviso, illuminando una ragazza che stazionava sulle punte al centro del palco. Si stringeva con le braccia per proteggere il proprio corpo, prima di nascere e sbocciare come una farfalla dalla crisalide. La testa si raddrizzò con grazia dalla sua posizione inclinata e le braccia si spiegarono, rimanendo aperte a mezz’aria, come per dire: eccomi.

Continua a leggere

Il suo charme trovò la massima espressione quando iniziò a volteggiare, scivolando tra la folla: che fosse uomo o donna, con ogni suo partner regnava l’armonia dei gesti e la sinuosità dei corpi. Raggiungeva così canoni troppo perfetti anche per il Vasari.

Ogni ballerino della compagnia veniva ipnotizzato dal suo sguardo; dava a tutti la giusta importanza, la motivazione e il senso del proprio ruolo nello spettacolo.

Il suo scivolare la portava tra le braccia dei fortunati, lasciando loro un alone di tepore sprigionante sicurezza e accudimento. Li accompagnava poi nella discesa a terra; sembravano pedine di un domino che, viste dall’alto, formavano un’immagine, qualcosa che dava un senso unico al sociale.

I caduti custodivano la sensazione appena vissuta, mista al piacere di stare a contatto con il pavimento. Protetti dallo smarrimento dato dalla verticalità, ammiravano l’incantevole ballerina che si stagliava sopra di loro, verso le luci che rendevano il soffitto infinito.

Lei, però, non era consapevole di dare quello che in realtà riusciva a trasmettere e la sua incoscienza pietrificò le persone in posizioni da sirene.

[La luce si affievolì e le ombre si smarrirono nel buio]

Una baraonda silenziosa si faceva strada a ogni flebile lampeggio di faro, il quale non era più puntato sicuro e lucente su di lei. Questa la colpì, secca come uno schiaffo, deviandole la testa di lato; la ballerina coglieva così l’occasione per non scoprirne l’aspetto, sperando in questo modo di non darle forma. I suoi capelli brillanti che prima cascavano simmetricamente su entrambe le spalle, si scaraventarono con fare caotico, scompigliandosi sull’occhio sinistro per coprirlo insieme alla guancia, resa paonazza dall’impatto, come dall’imbarazzo.

Dall’altro lato fissava il proprio braccio, mantenendolo sospeso e accasciato in aria dopo essersi arresa alla botta, quasi fosse una marionetta con un filo teso più in alto sulla destra. La mano era semiaperta e molle, quasi avesse appena esalato l’ultimo respiro.

L’ansia era arrivata e si nutriva della pace dei sensi, di espressioni sognanti, terminando con lo schiocco tipico di quando si succhia uno spaghetto oleoso. Ai visi delle persone a terra rimaneva solo la pelle, vuota come una tovaglia appena sparecchiata. Anche loro sembravano marionette, di stoffa però, senza viso né anima.

In qualità di vittima preferita, alla ragazza era stato concesso di conservare la propria espressività, solo perché la bestia silenziosa potesse sfregiarla, assaporando ogni suo ansioso respiro e ammirandone i nervi serrati all’altezza degli zigomi.

La oltraggiava e la umiliava sfiorando il suo mento tremolante che trapanava l’arcata superiore dei denti; produceva un rumore che per la creatura era pura libidine.

[Nuvole di fumo si alzavano dal pavimento e luci rimbombanti ne definivano i contorni, come lampi in un temporale; dopo qualche secondo, il fumo svanì, lasciando la ragazza sola sul palco]

Rimase lì immobile e, mentre fissava la propria mano arresa e abbandonata a mezz’aria, ne comparve un’altra, nera come catrame. Questa strisciava affusolandosi lungo il braccio, per poi adagiarsi sulla sua mano, senza però recarle ulteriore peso. Sentiva il respiro della bestia oscura solleticarle la spalla, poi il collo, fino ad arrivare al lobo dell’orecchio, dove il contatto avveniva con la punta del naso.

La ragazza vedeva solo del liquido nero denso che le colava lungo il petto, per poi fermarsi e lasciare che piccole gocce le sfiorassero la pancia. Ormai contaminata dalla sostanza che impregnava la bestia, non trovava più motivi per fuggire. Si voltò e la abbracciò, intrecciando le mani dietro al collo, e finirono per girare insieme. 

Più prendevano velocità, più la ragazza serrava le mani per ancorarsi e sollevare i piedi da terra, lasciandosi volteggiare in aria. Mentre al di fuori del loro spazio personale girava tutto indistinto come gli alimenti in un frullatore, poteva invece scorgere nitidamente l’orribile creatura. 

Sembrava persino ferma.

La sorprese in un momento di libertà e abbandono, con le braccia aperte, il mento all’insù e gli occhi chiusi; per la prima volta, in quegli attimi si mostrò vulnerabile, finalmente compresa. Era come se avesse sempre cercato qualcuno abbastanza tenace da riuscire a raggiungerla in un momento di tale intimità.

Anche le giostre però non durano all’infinito e, stanca di farla volteggiare, la bestia decise di rallentare fino a fermarsi del tutto. La ragazza poté così appoggiare i piedi e raddrizzare le ginocchia, avvicinandosi al viso della belva addomesticata che la superava ancora di qualche centimetro.

I due si fissavano intensamente e lei le appoggiava dolcemente le mani sulle guance, coccolandole il viso pregno di catrame.

Le labbra della ragazza, ora libere dal tremolio, sfioravano quelle secche e scarnificate della creatura. All’improvviso, però, serrò le mani, risucchiando le nocche dai loro dorsi per esporle dalla parte dei palmi; esercitavano una pressione talmente forte da schiacciare e deformare le labbra della bestia, la quale sgranò gli occhi quando le giunsero le ultime due parole pronunciate dalla ballerina:

Mi dispiace

[Si chiuse il sipario]

2021-05-19

Aggiornamento

Con questo messaggio tengo a ringraziare di cuore tutti quelli che mi hanno sostenuto per il raggiungimento del goal di 200 preordini... ebbene sì, ho raggiunto il goal grazie ai vostri preordini e così potrete e potrò vedere il mio libro distribuito nelle principali librerie e store online. Il mio sogno è realizzato; tuttavia, il percorso non è ancora concluso e solo voi potete aiutarmi a ottenere nuove opportunità, ossia l'extragoal, consistente in ulteriori 50 preordini. Il vostro prezioso passaparola a conoscenze amanti di libri può fare la differenza, anche solo con un preordine guadagnato. Un caro saluto Alessandro

Commenti

  1. (proprietario verificato)

    Devo dire che questi racconti sono stati davvero una bella scoperta.
    Il mondo che prende forma davanti agli occhi del lettore è un mondo in cui è la mente a dominare, finalmente libera dai limiti del corpo fisico. I personaggi sembrano esistere al contempo dentro e fuori da loro stessi, come fossero spettatori delle proprie vite, ma non in maniera passiva. Agiscono con comportamenti inconsueti, assurdi, creando scenari surreali.
    Alla fine di ogni racconto ci si ritrova spiazzati, a volte con un retrogusto amaro in bocca, ma sempre e comunque curiosi di scoprire cosa riserverà il successivo.
    Inoltre, trovare questa attenzione ai dettagli, questa vivida immaginazione e questa proprietà di linguaggio in un autore così giovane, non è solo piacevole, ma anche estremamente confortante. Riaccende un pò di fiducia nel mondo.

  2. (proprietario verificato)

    Alessandro con il suo volume stravolge i più intimi equilibri del vivere, sviscerando la verità da cumoli di noiosi paradigmi e cliché. La parola, ben calibrata, è sempre tagliente come un rasoio. Squarcia tutto, senza alcuna pietà per i buonismi e la menzogna. Prima o poi serve che un audace scrittore come Alessandro proponga una rottura con i canoni convenzionali della letteratura. Si tratta di un volume per audaci, per chi non si accontenta di vivere in una realtà ovattata. Chi si appresta alla lettura deve essere consapevole di essere in procinto di compiere un viaggio dal quale non ritornerà mai più indietro uguale: ce ne sono poche di opere che possono anche solo avere l’ambizione di concepire cose che non si possono concepire. Alessandro riprende la strada tracciata da autori geniali, ma troppo spesso incompresi (Pessoa, Pirandello, Poe…), e la sposa con il suo immaginario. Ogni evento quotidiano è una scintilla che squarcia una finestra sull’immensità del dubbio. Niente diventa banale ed è un piacere lasciarsi trasportare dalla velata ironia della visione dell’autore.

  3. (proprietario verificato)

    Ho avuto la fortuna di assistere alla nascita ed allo sviluppo di “Seppur immobili”, e posso dire che, racconto dopo racconto, non ha mai smesso di stupirmi.
    I capovolgimenti di scena improvvisi, le metamorfosi, le situazioni assurde che scaturiscono da momenti di apparente stasi, rendono le trame sorprendenti e mai scontate.
    I linguaggio è semplice, ricco di metafore potenti e inusuali, capaci di comunicare le scene con immagini ancor prima che con le parole, e, talvolta, di strappare anche un sorriso.
    Consiglio questo libro a chiunque ama perdersi nell’immaginazione e lasciarsi trasportare in situazioni fantastiche, in cui l’inconscio, l’irreale, vince sul logico; a chi, come me, ama interrogarsi ed intraprendere viaggi alla scoperta del proprio Io.

  4. (proprietario verificato)

    Ho letto il primo racconto di Seppur immobili. Sicuramente una esperienza interessante e surreale. L’autore riesce a trasportarci in questo mondo parallelo dove il confine tra reale e irreale diventa estremamente labile. Il testo, scritto molto bene e con un ritmo incalzante, regala spunti ed emozioni molto interessanti. Sicuramente un’opera prima degna di nota che merita di essere letta, anche più di una volta, per capirne al meglio le mille sfaccettature che si intravedono in questi personaggi.

  5. Matteo Leopardi

    (proprietario verificato)

    Ho letto l’anteprima di Seppur Immobili e sono rimasto particolarmente colpito dall’inventiva di questo giovane e promettente scrittore. Leggendo, sono stato immediatamente trasportato in un universo parallelo; ho iniziato a viaggiare con la mente, senza pensare a tutto quello che avevo intorno. A mio parere, questo è il vero potere della scrittura: stimolare l’immaginazione e contemporaneamente fare dimenticare di tutto il resto. L’autore riesce a farlo da subito, fin dalle primissime parole. Non vedo l’ora di poter leggere il resto dei racconti e consiglio a chiunque di dare una possibilità a questo scrittore, così giovane ma già sincero ed elegante nella scrittura.

  6. (proprietario verificato)

    Ho letto l’anteprima di Seppur immobili e sono rimasta particolarmente colpita dal taglio onirico e stravagante che caratterizza un po’ tutti i racconti.
    I temi, mai scontati, sembrano un invito alla riflessione sulle piccole e grandi stranezze del nostro quotidiano.
    Il giovane scrittore riesce a cogliere quei momenti, che prima o poi tutti penso abbiamo avuto, di sogni ad occhi aperti e viaggi mentali.
    I sensi colgono o vengono colpiti da un particolare che diventa pretesto per andare oltre e scavare a fondo nelle paure e nei desideri più profondi dei protagonisti.
    Per apprezzarne la lettura, è sicuramente importante la scrittura incalzante e scorrevole capace di tenere col fiato sospeso fino alla fine dello scrittore, ma anche della sana fantasia mista a un pizzico di follia da parte del lettore.
    Chiudo dicendo che è di conforto vedere un ragazzo giovane e talentuoso mettersi in gioco in una delle sfide più difficili al giorno d’oggi ovvero essere se stessi e sapersi raccontare senza filtri.

  7. Pamela Nardini e Federica Innocenti

    (proprietario verificato)

    Ho letto con interesse e curiosità l’anteprima e trovo molto originale l’idea di rendere reale e palpabile la contaminazione dei personaggi. Il linguaggio è delicato e scorrevole, riesce a trasportare il lettore nella storia, non solo a immaginarla. Il coinvolgimento è totale, sembra d’interpretare il libro e questo per me è fondamentale. La partecipazione emotiva trascina come una passione, cercando di capire cosa accadrà. Nonostante la complessità delle tematiche risulta un’opera brillante, non cupa o pesante. Complimenti sinceri all’autore, così giovane ma maturo e sincero nel raccontare, si percepisce la freschezza e autenticità della persona. Consiglio di non leggerlo tutto d’un fiato, ma di centellinarlo per goderselo piano piano e gustarsi ogni singola parola, come quando si assapora un cibo sublime e non si vuole che finisca presto.

Aggiungere un Commento

Condividi su facebook
Condividi
Condividi su twitter
Tweet
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Alessandro Galdi
Nato nel 1996, vive ad Arese. Laureatosi in Terapia della Neuro e Psicomotricità dell’Età Evolutiva, inizia a lavorare fin da subito per progetti nelle scuole, centri semiresidenziali e, in seguito, anche nel privato. Coltiva la passione per la musica e per il Tai Chi, che lo influenzano nella pratica lavorativa. Nel periodo universitario inizia la stesura dei suoi racconti, raccolti ora nel suo primo libro, “Seppur Immobili”.
Alessandro Galdi on FacebookAlessandro Galdi on Instagram
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

Questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti per aiutarci a migliorare la tua esperienza di navigazione quando lo visiti. Proseguendo nella navigazione nel nostro sito web, acconsenti all’utilizzo dei cookie. Se vuoi saperne di più, leggi la nostra informativa sui cookie