Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

Sorprendersi in Egitto

Sorprendersi in Egitto
45%
111 copie
all´obiettivo
64
Giorni rimasti
Svuota
Quantità
Consegna prevista Aprile 2023
Bozze disponibili

“Sorprendersi in Egitto” presenta un viaggio colorato di magiche sorprese, intense esperienze e preziose lezioni.
Dal 2017, Veronica si è imbarcata in un’esperienza che definisce ‘ri-evoluzionaria’, grazie all’incontro con il paese dell’Egitto, lo studio della lingua araba e lo scambio con altre persone.
Ispirata dalla nuova realtà che stava scoprendo, Veronica ha progressivamente costruito un castello di conoscenza le cui fondamenta giacciono su specifici valori, espressioni linguistiche, riferimenti artistici e culturali incontrati lungo la strada, che sono qua presentati nella successione di dieci capitoli corrispondenti ai dieci principi di Energia, Concentrazione, Creatività, Conoscenza, Diversità, Compagnia, Pace, Speranza, Condivisione, Amore seguiti dai concetti finali di Libertà e Responsabilità.
Il lettore potrà così immergersi in un viaggio completo, che rivela sorprendenti lati dell’Egitto, la bellezza della lingua araba e la scoperta di principi umani fondamentali.

Perché ho scritto questo libro?

Dopo un anno consecutivo in Egitto dedicato allo studio della lingua araba, ho sentito il desiderio di condividere ciò che ho vissuto e imparato in un paese troppo spesso ridotto alle antiche piramidi e lussuosi villaggi turistici sul mare, da un lato, e a instabilità, pericolo e terrorismo, dall’altro lato. Ho voluto dunque creare una piacevole, stimolante e autentica lettura sull’Egitto, che ispiri a immaginare, riflettere e crescere alla luce di alcune esperienze di vita quotidiana lì vissute

ANTEPRIMA NON EDITATA

Capitolo 1

Energia

الطاقة

“Chi beve dalle acque del Nilo vi ci deve tornare di nuovo”

اللي يشرب من النيل لازم يرجع له تاني

Scesi timidamente dal settimo piano dell’edificio della mia temporanea sistemazione nel centro città del Cairo, Dahab Hostel. In un battito d’occhio, mi ritrovai a camminare lungo il maestoso fiume che attraversa la città, il Nilo!

Ero da sola, una straniera in un paese straniero. Non riuscivo a respirare normalmente. Non era solamente a causa dell’aria inquinata di una città sovraffollata e caratterizzata da traffico ininterrotto, ma piuttosto un misto di eccitazione, paura, curiosità e trepidazione, che è tipico di ogni nuovo inizio in un posto fino a prima sconosciuto.

Eppure, i miei occhi brillavano, il mio cuore si stava aprendo e i miei pensieri diventavano stranamente sempre più chiari.

Non ero ancora consapevole della magia di quel momento, ma potevo semplicemente sentirmi rassicurata che ero nel posto giusto al momento giusto.

Continua a leggere

Continua a leggere

Nonostante la presenza di una grande folla di persone e auto che circolavano attorno a me, ero riuscita a estraniarmi, dirigendo tutta la mia attenzione verso quell’unico elemento naturale scorgibile nelle circostanze. Quei pochi ma intensi istanti in cui riuscivo ripetutamente a creare una bolla immaginaria, con me e il Nilo, sono ricordi vividi nella mia mente fino ad ora.
È quella sensazione di calma ed energia, quiete con movimento, forza mista ad abbandono, che ha iniziato a permeare il mio cuore e mi ha accompagnato per tutto il mio primo anno in Egitto.

Mentre contemplavo le acque del Nilo, una voce potente risuonò nella mia mente diffondendosi in tutto il mio corpo: “Tornerai sempre qui”. Già, “Chi beve dalle acque del Nilo vi ci deve tornare di nuovo”.

Il Nilo

النيل

Se è automatico pensare all’Egitto come al ‘Paese delle Piramidi’, non possiamo dimenticare l’altro elemento fondamentale del Nilo.

L’ampiezza e lunghezza di questo corso d’acqua, che attraversa numerosi paesi africani nei suoi circa 6,600 km, ha riunito popoli attorno a sé nei secoli. Il Nilo, fonte di vita, ha anche segnato il fiorire della civiltà egizia, definendo lo sviluppo della sua società, cultura ed economia. Infatti, Erodoto ha affermato nel V secolo A.C.: “L’Egitto è un dono del Nilo”.

Fin dall’inizio dei tempi, il flusso alternante di questo fiume ha segnato il destino dei popoli abitanti le terre circostanti, portandoli a sviluppare strumenti per misurare il livello delle sue acque, come notoriamente il Nilometro.

Non a caso, il Nilo è storicamente oggetto di dispute tra i paesi del suo bacino, che si protraggono fino ad oggi come nel caso delle tensioni tra Egitto, Etiopia e Sudan a causa della costruzione della ‘Grand Ethiopian Renaissance Dam (GERD)’.

Ugualmente, un alone di mistero circonda la storia di questo fiume. Numerosi esploratori sono stati affascinati dal Nilo, avventurandosi in lunghe spedizioni per cercare le sue origini.

Attraverso il suo mutevole corso in Egitto, passando dai limpidi colori blu nella parte meridionale assumendo sfumature più chiare verso il delta fino a sfociare nel Mar Mediterraneo, il Nilo sembra unire un popolo.

In una delle innumerevoli conversazioni durante il mio primo periodo al Cairo, sono venuta a conoscenza dell’opera enciclopedica “The Personality of Egypt…A Study in the Genius of Place” dello scrittore egiziano Dr. Gamal Hamdan. Ero affascinata dall’idea di un’identità in qualche modo unificata attorno a un fiume, ma mi interrogavo ugualmente sull’effettivo significato di una ‘Personalità dell’Egitto’.

Come spiegare l’identità dei popoli della Penisola del Sinai, per esempio?

Come si identificano le minoranze in Egitto?

E le altre lingue oltre all’attuale lingua ufficiale del paese, l’arabo?

Qual è l’impatto delle consecutive occupazioni straniere del paese?

Quali sono gli strati dell’identità egiziana?

Fin dall’inizio, ho capito che quella decisione quasi casuale di recarmi in Egitto per il mio terzo anno di studi universitari stava iniziando a sollevare molte domande, aprendo la strada per un viaggio sorprendente, probabilmente per il resto della mia vita. Era solo l’inizio, e già sembrava (s)travolgente.

*******

Alla luce del giorno, il Nilo sprigiona energia, al calare della notte, il Nilo rilascia calma.

Insieme ad alcuni amici, stavamo uscendo dall’iconico ‘Cairo Jazz Club’ nella zona di Agouza, dopo aver assistito all’emozionante esibizione della rock band egiziana ‘Wust el-Balad’ (letteralmente: ‘centro città). Decidemmo di sostare presso il ponte ‘Qasr el-Nil’, che unisce il ricco quartiere dell’isola di Zamalek al movimentato centro ‘Downtown’, chiamato colloquialmente ‘Wust el-Balad’, come la band sopracitata.

“Osservate i movimenti dell’acqua,” il nostro amico Ahmad ci invitò per un attimo a fermarci e osservare con attenzione l’ambiente di fronte a noi.

“Durante il giorno, il fiume sembra così irrequieto, come se assorbisse tutta la pazza energia di questa frenetica città”.

Ci stoppammo come suggerito, provando a pensare all’immagine che avevamo del Nilo durante il giorno, alcuni annuendo in segno di approvazione, altri piuttosto perplessi.

“Ora, a notte inoltrata, le sue scure acque sembrano calme, gentili e quasi ferme,” ci spiegò.

Con il suono di alcune macchine ancora circolanti e il brusio dei gruppi di amici che si godevano quello stesso panorama, la notte continuò il suo corso fino a che potemmo scorgere il sole donare con rinnovata luce colore a quel profondo flusso d’acqua che attraversa silenziosamente la città.

Energia

الطاقة

“Cairo, il suo Nilo, le sue lunghe notti, le sue canzoni, le sue mawwals e le sue storie. Quanto belle sono! Verso il Cairo vieni,…, la ami, non puoi dimenticarla e continui a parlare di lei”.

Le parole della canzone ‘Al Qahira’ (‘Il Cairo’) dei due iconici cantanti egiziani Amr Diab e Mohammed Mounir, soprannominato ‘il re’, risuonavano nella mia mente.

Le tipiche barche percorrenti il Nilo chiamate ‘feluca’, il Nilo al tramonto e le luci della città riflesse sulle sue acque verso notte mostrate in quel videoclip, che avevo visualizzato ripetutamente prima della mia partenza, erano improvvisamente di fronte ai miei occhi, definendo una mia nuova realtà.

Ero entusiasta di entrare nello spirito di una città, che appare a prima vista un ammasso di sovraffollamento, cosa che avrebbe potuto indurmi all’affrettata conclusione di ritrovarmi in un posto invivibile, o, comunque, non adatto a uno stile di vita sano e piacevole.

Tuttavia, quella vibrante energia che muove i suoi abitanti giorno e notte mi suggeriva la presenza di qualcosa di più profondo. Senza esitazione, ero estremamente desiderosa di espormi ad essa.

Stavo pensando alle parole del poeta persiano Saib e-Tabrizi che nel XVII secolo espresse: “Non si possono contare le lune che brillano sui suoi tetti / né i mille splendidi soli che si nascondono dietro i suoi muri”. Ispirata da quella poetica celebrazione della città di Kabul a cui fa riferimento il titolo del romanzo “Mille Splendidi Soli” dello scrittore Khaled Hosseini, potevo sentirmi in modo simile attratta dalla misteriosa bellezza avvolgente il Cairo.

Per la prima volta, ho anche stabilito progressivamente il mio rapporto personale con il posto in cui vivevo. Potevo osservare come la mia persona si sentiva nella città, come il mio corpo si muoveva nello spazio pubblico e come la mia mente poteva essere ispirata dall’ambiente circostante.

Con il passare dei giorni, sviluppai sentimenti contrastanti, alternando momenti di entusiasmo a momenti di demoralizzazione. Nella stessa settimana, potevo affermare che il Cairo era così stimolante, ma anche troppo estenuante, alcune volte la vedevo così bella, e altre volte orribile, e, sempre, tanto pazza. Come una samba fuori controllo dove movimenti passionevoli generano caoticamente una performance mozzafiato, il Cairo non ci lascia indifferenti.

Alcuni anni dopo, guardando il cortometraggio realizzato dai registi Ahmed Hamed e Eman Hussein, ‘A skewed Conversation’, dove la protagonista mostra il suo rapporto con la città attraverso una potente danza nello spazio pubblico, mi sono illuminata. Seguendo quei netti movimenti, intensi gesti, fluide camminate, mi sono accorta quanto la mia persona al Cairo è stata fin dal primo momento influenzata, o forse travolta, dalla città. Ogni giorno, i miei comportamenti riflettevano e, altrettanto, reagivano a ciò che era attorno a me, che fossero le persone o il posto. Veronica e la città interagivano, sempre e comunque.

Grazie al Nilo, che offriva una calma dinamica unita a un rassicurante flusso, potevo trovare quel necessario rifugio, dove l’energia veniva temporaneamente protetta dai tanti stimoli esterni in modo da assorbirmi in modo più armonico in quella irrefrenabile ‘Ri-Evoluzione’, lì iniziata.

ماشربتش من نيلها؟

طب جربت تغنيلها؟

جربت فى عز ما تحزن تمشي فى شوارعها وتشكيلها؟

“Non hai mai bevuto dal Nilo?

Hai mai provato a cantare per lei?

Hai mai provato, al culmine del tuo dolore, a vagare per le sue strade e a dirle cosa c’è che non va in te?”

Canzone “Non hai mai bevuto dal Nilo?”, Sherine Abdel-Wahab.

Troverai qui tutte le novità su questo libro

Commenti

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Sorprendersi in Egitto”

Condividi
Tweet
WhatsApp
Veronica Merlo
Mi chiamo Veronica, ho 26 anni e nel 2017 sono arrivata in Egitto per studiare la lingua araba. Da allora, un viaggio che definisco ‘ri-evoluzionario’ è iniziato.
Durante il master a Parigi, sono tornata più volte in Egitto, per brevi visite e per uno stage di giornalismo al Cairo. Dopo la laurea, ho vissuto per un anno in Sinai, dove ho creato questo libro, continuando a viaggiare in varie parti dell’Egitto, partecipando a progetti locali, facendo report su conferenze al Cairo, apprendendo nuove pratiche come l'arte della calligrafia araba per poi tornare ad Alessandria d’Egitto e completare un corso di formazione abilitante all’insegnamento della lingua araba.
Attualmente basata in Libano con il programma EU Aid Volunteers, continuo a impegnarmi nel condividere ciò che imparo tramite lo studio della lingua araba sulla pagina Instagram @almuhit_theocean e sul blog Almuhit Egypt.
Veronica Merlo on FacebookVeronica Merlo on InstagramVeronica Merlo on Wordpress
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

Questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti per aiutarci a migliorare la tua esperienza di navigazione quando lo visiti. Proseguendo nella navigazione nel nostro sito web, acconsenti all’utilizzo dei cookie. Se vuoi saperne di più, leggi la nostra informativa sui cookie