Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

Il terzo uomo - Dialoghi con l'anima attraverso l'invisibile

Svuota
Quantità

In uno dei momenti più difficili della sua vita, Diamante incontra una figura misteriosa, dai tratti indefiniti, che la aiuterà a ricordare quanto sia importante continuare a lottare, anche quando il mondo sembra crollarci addosso. È un “terzo uomo”, un angelo custode, un compagno benevolo e una presenza costante, che la incoraggia a non mollare, anche dopo aver vissuto una perdita tra le più difficili da superare. Non sa come affrontare la sofferenza che prova, né lo stress che la logora se non incolpandosi dell’accaduto e allontanandosi da se stessa e dal suo compagno. 

Con una narrazione simile a un monologo, la protagonista si rivolge a un bambino mai nato, vivendo i dolori e i dubbi che la spingeranno, attraverso un’intensa esperienza metafisica, a rinascere e a lasciarsi amare dalla vita.

ANTEPRIMA

 

La prima volta che ti ho sentito, sei arrivato a me con la stessa leggerezza del mare, nell’equilibrio meraviglioso dello scorrere lento e regolare che increspa la superficie in un movimento sottile, quasi invisibile per l’occhio umano, ma che dentro nasconde la forza indomabile propria della perfezione con cui la natura si manifesta. Se solo avessi potuto conoscere la bellezza delle onde mosse dalla brezza notturna nelle sere d’estate profumate di energia primordiale, calore e salsedine – un soffio lieve che accarezza la pelle scottata dal sole e ti solletica di un sorriso spensierato e genuino che ha la stessa brillantezza di migliaia di stelle, accese proprio per riempire l’oscurità della notte fusa all’orizzonte indefinito –, allora avresti potuto capire il bagliore che hai consegnato al mio dolore con la tua semplice, delicata presenza. Se solo avessi avuto l’occasione di conoscere la luce della comunione che nel vivere – e non nel sopravvivere – trova la propria elevazione e l’odore dell’amore a cui il mio spirito intorpidito si sarebbe votato a te nel renderti la mia più importante vocazione, sicuramente saresti stato in grado di comprendere la mia felicità nel vederti crescere e diventare parte stessa di questo dannato, maledettissimo mondo. Se solo…

Continua a leggere

Continua a leggere

Un’ondina, mi sono detta. 

Un’onda gentile si è posata nel mio animo spaventato, lambendo ogni paura con la stessa schiuma dolce e profumata che si spande con il vento nei tramonti d’agosto, quando solo la luna e la meraviglia si spingono veloci a riempire i cieli ingannevoli della consapevolezza di esserci, di stare respirando davvero. 

Essere nel mondo, essere vivo e gioire della vita che ti scorre senza sosta nelle vene e ti fa sentire libero, purificato dall’ombra nascosta nel silenzio di un cammino buio e incapace di definire i contorni della realtà mutevole che è il divenire.

Anche tu eri nel mondo – io ti ho visto – e come tutto ciò che è stato svegliato dal sonno, venendo alla vita hai percepito l’essenza tornare a te dopo aver attraversato un evolvere infinito, lungo come i secondi interminabili che il mio cuore stanco sta imitando, accelerando ogni battito all’infrangersi delle onde del mare che lottano senza sosta davanti ai miei occhi bagnati da lacrime amare.

“Sarà come un borbottio” mi avevano detto, “un battito d’ali di una farfalla o una bolla di sapone che si poggia nella pancia e ti lascerà la bellissima sensazione che dentro di te c’è davvero qualcosa che si muove e cresce”.

Per me sei stato un guizzo, un fremito lieve che ho sentito spingere tra la mia carne impreparata alla sorpresa; una carne impreparata che ora si condanna a essere addolorata, per sempre. Avrei solo voluto tenerti al sicuro da ogni male, da quella sofferenza atroce che diventa parte del gioco della vita a cui tutti noi siamo sottoposti e che viene investito delle più alte implicazioni assurgendo alla comprensione attraverso la responsabilità con cui si affronta il dolore. Dolore.

Come posso parlare di questi argomenti difficili, a te, che sei tanto piccolo e innocente?

«Dannato dolore!

«Dio, mi senti?

«Non avresti dovuto…»

Ti cerco. Sei qui. Mi stai ascoltando? Ti prego, ti prego con tutta me stessa. Puoi, per favore, aggrapparti con le unghie e con i denti a una vita che sta scivolando via dalle tue piccole manine ancora solo abbozzate?

Non penso di essere in grado di continuare. No, voglio solo che tutto finisca il più velocemente possibile e che finalmente la mia testa smetta di fare rumore.

Rumore… Perché liberarmi del rumore?

Sarebbe poi davvero giusto assolvere me stessa così facilmente?

«Hai tutto il tempo!»

«So che sembra brutto dirlo… Ma fidati di me, sei ancora giovane. Riprova subito e vedrai che andrà meglio.»

E per far cosa? Per trascorrere qualche settimana a compatirmi e poi pian piano liberarmi di quest’esperienza abbandonandola semplicemente in uno dei tanti cassetti in cui la testa ha catalogato i ricordi? Come si può anche solo pensare a una cosa simile?

«Dimmi come!»

Ho gridato al mare, ma il sibilare del vento si è mangiato via le parole. Nessuno può sentirmi, nessuno. Tu puoi ancora percepire la mia voce, vero, amore mio?

Svegliami, universo, svegliami da questo terribile incubo e consentimi di tornare a respirare di un po’ di pace. Pace? Non farmi ridere. Come posso immaginare la pace mentre sfioro, in cerca di te, il mio ventre vuoto?

Se solo avessi un posto in cui venire a trovarti, un posto su cui piangere tutta la rabbia, forse sarebbe diverso. Sarebbe diverso, piccolo mio? Dimmelo tu, perché io non so più niente.

Forse mi aggrapperei al cancello a orario di chiusura gridando il tuo nome, rifiutandomi di tornare a casa senza poterti portare con me. Penserei alla tua manina calda che cerca la mia nel mezzo della notte, al tuo sguardo innamorato e al mio cuore pieno di emozione, ma almeno saprei che il tuo corpo dimora nella stessa terra su cui io sono ancora costretta a camminare. Perché?

«Perché?!» Dimmelo.

Probabilmente mi seppellirei in casa privandomi di ogni gioia, perché se tu non puoi più vivere, chi sono io invece per poter ancora sorridere? O forse non servirebbe comunque a niente, ma il pensiero di te, piccolo e indifeso, che vaga in un nulla costante, mi spaventa da morire e mi distrugge in mille pezzi divorandomi dall’interno fino a farmi marcire, completamente.

Sto annegando, piccolo mio, sto annegando e cerco di ancorarmi alla tua immagine che ho impressa nella mente come fuoco rovente sulla pelle nuda. L’accarezzavo, quella pelle nuda, sperando di riuscire a farti arrivare il mio amore. Lo ricordi, piccolo? Lo ricordi?

Mi dicevano che biologicamente non potevi essere in grado di sentire il mio tocco – non ancora, almeno – ma solo noi, io e te, ci siamo riscaldati l’uno con l’altro come una sola essenza nella completa fusione dei nostri cuori che battevano in sincrono.

Cuore… Ma che ne sanno loro…

Che ne sanno?

Non riesco a respirare per il troppo dolore, mi manca il fiato mentre ti cerco sullo schermo e non vedo più il tuo profilo diventare definito.

«Mi dispiace, signora. Mi dispiace.»

No, non ancora. Non sono ancora pronta a lasciarti andare.

2022-06-04

Aggiornamento

La campagna di crowdfunding ha raggiunto il goal di 200 copie e non basterebbero duecento grazie per esprimere la mia immensa gratitudine, la gioia per aver creduto con tanto coinvolgimento nel mio lavoro. C’è una frase del grande Dino Campana in cui mi sono sempre rivista e che voglio condividere con tutti i miei sostenitori. Spero possa farvi arrivare il mio amore, il sentimento profondo che questa sfida ha consegnato al mio cuore con la vostra fiducia. «Scrivo novelle poetiche e poesie; nessuno mi vuole stampare e io ho bisogno di essere stampato: per provarmi che esisto, per scrivere ancora ho bisogno di essere stampato.» Così, il 6 gennaio del 1914, scrive Dino Campana a Giuseppe Prezzolini – allora direttore della rivista fiorentina «La Voce». «Per provarmi che esisto.» E ora, forse, esisto. E per ricambiare il vostro sostegno consegno – attraverso parole, virgole e punti – ciò che la mia anima ha da raccontare. Spero che “Il terzo uomo” possa emozionarvi e arrivare in tutta la sua essenza. Grazie mille. Un abbraccio, Jennifer
2022-02-02

Aggiornamento

Voglio ringraziare di vero cuore tutti i lettori che hanno deciso di investire su di me sostenendo la campagna di crowdfunding. Questa opportunità non rappresenta solo la realizzazione di un sogno ma anche l'inizio di un percorso che attendo praticamente da tutta la vita quindi lo apprezzo tantissimo. Grazie di vero cuore! Un abbraccio, Jennifer

Commenti

  1. (proprietario verificato)

    Un tema che in apparenza risulta essere solo un semplice racconto, in realtà nasconde delle chiavi che ci spingono all’apertura di porte dello straordinario racchiuso dentro noi stessi!

  2. (proprietario verificato)

    La cosa che mi ha colpito di più del libro di Jennifer è il modo in cui viene trattato un tema così delicato, la trama non è scontata e proprio questo ti porta a leggerlo per saperne sempre di più.
    Consiglio a chiunque di leggerlo, davvero complimenti

  3. (proprietario verificato)

    Sostengo Jennifer non solo come amica,ma anche come artista. Dentro di lei c’è un mondo da scoprire e i suoi libri racchiudono quel mondo lì. Emozioni,riflessioni e molto altro…Vale la pena leggere ed ascoltare questo libro. Mi complimento ancora con l’autrice Jennifer Di Giovane.

  4. Elena Fedeli

    Vi consiglio di leggerlo vivamente! Profondo ed emozionante! Veramente da non perdere! Complimenti all’autrice che riesce sempre a trasmettermi delle bellissime emozioni.

  5. annalisatkl

    Dialoghi con l’anima attraverso l’invisibile.
    Trama affascinante e ancora più affascinante la capacità dell’autrice di raccontare e trasmettere emozioni delicate e intense. Assolutamente consigliato

  6. Enrico Melchiorre

    (proprietario verificato)

    Seguo Jennifer come artista e come persona. Ogni suo libro è stravolgente e la cosa più affascinante è che riesce a trasmettere molteplici emozioni.
    Consiglio vivamente la lettura

  7. (proprietario verificato)

    Non sono una da libri,ma con lei cambio idea. Una pagina tira l altra,molto emozionante.

  8. (proprietario verificato)

    Vale la pena dare una possibilità a questa nuova autrice. Dietro le sue parole c’è un mondo bellissimo e la storia è nuova, mai scontata. Ti può davvero sorprendere.

  9. (proprietario verificato)

    Davvero un viaggio emozionante, molto bello e coinvolgente . Lo consiglio

  10. (proprietario verificato)

    È una storia nuova, mai letta, emozionante. Un tuffo a braccia aperte nell’ interiorità della protagonista che ti fa vivere sulla pelle ogni singola sensazione e dolore e ti accompagna verso la fine lasciandoti senza certezze con un risvolto sorprendente. Lo consiglio.

  11. Katiuscia Di Giovine

    (proprietario verificato)

    Emozione allo stato puro, un libro che consiglio assolutamente ,da leggere tutto di un fiato , complimenti all autrice

Aggiungere un Commento

Condividi
Tweet
WhatsApp
Jennifer Di Giovine
È una scrittrice e dottoressa. Consegue la laurea nel 2013 con una tesi sperimentale in Psicologia delle comunicazioni sociali presentata prima presso l’Università degli Studi del Molise e, successivamente, al Congresso di Psicologia Nazionale AIP (Associazione Italiana di Psicologia) a Palermo nel 2015. Dopo la vittoria di alcuni premi letterari, nel 2022 è ospite a un evento live, a Bucarest, della Società Dante Alighieri.
Jennifer Di Giovine on FacebookJennifer Di Giovine on InstagramJennifer Di Giovine on Wordpress
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

Questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti per aiutarci a migliorare la tua esperienza di navigazione quando lo visiti. Proseguendo nella navigazione nel nostro sito web, acconsenti all’utilizzo dei cookie. Se vuoi saperne di più, leggi la nostra informativa sui cookie