Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

Il turchino dei tuoi occhi

Svuota
Quantità

Carlotta, cresciuta con lo Zio Ciccio in un piccolo paese, è una giovane donna alla soglia dei diciotto anni. Il giorno prima della Grande Festa, in una realtà tra il vero e l’onirico, incontra tre incubi, che le rubano il colore dei suoi occhi, un vivace turchino. Per riappropriarsi di ciò che le è stato sottratto, Carlotta sarà costretta a oltrepassare i confini del paese. Tra boschi, laghi e strade deserte, incontrerà creature mostruose e capirà il significato che si cela dietro il turchino dei suoi occhi.

ANTEPRIMA NON EDITATA
Il buono, il bravo, il dolce Zio Ciccio l’aveva presa dai suoi genitori quando ella era ancora in fasce, dopo il loro assottigliamento. Egli l’aveva sempre inteso così, come un assotti-gliamento, il farsi sempre più sottile di una corda, fino alla sparizione: come, insomma, se non si trattasse di uno scon-finamento di categorie, ma di una progressione verso l’inconsistenza. Allo stesso modo, di certe bestie boschive si dice che non invecchino mai davvero, ma che diventino sempre più minute, fino a farsi invisibili ai loro stessi figli. Carlotta sapeva che lo Zio, prima o poi, si sarebbe fatto sottile anch’egli, e già notava che i solchi sul suo viso non sparivano più col distendersi delle espressioni; ma questa nozione aveva la debolezza di un’astrazione logica: quella forma unica di genitore e nonno risiedeva in uno spazio interno alla sua coscienza, e non avrebbe mai potuto lasciarla per più tempo di quanto non le servisse per rincasare dal paese. E, per ora, egli non aveva mai deluso le attese della nipote: non mancava dalla porta ad accoglierla, non mancava di giorno quando Carlotta ricapitolava per pranzo.

Continua a leggere

Continua a leggere
La strada che riportava alla casa dello Zio Ciccio si asserpentava sul declivio della collinetta che gettava sul lago, un poco sopra il resto del paese. Ogni volta che doveva scenderne, Carlotta trascurava il rischio di spaccarsi un osso lungo la viotta ripida e sconnessa, e anzi si scapicollava con l’ebbrezza di quando, ancora bambina, godeva a ruzzolare tra la sassaia dell’osservatorio (la cima calva del colle, dove il gesso riaffiorava in concrezioni scheletriche riverberando la luce della luna contro i tronchi argentati degli ulivi). Le ammonizioni dello Zio non servivano a nulla all’epoca, e non servivano a nulla adesso, quando, nel fiore rugiadoso dei suoi primi diciott’anni, l’aria fresca della sera ravviava come un pettine i capelli dorati di lei corrente. A volte, mentre rotolava verso il centro del villaggio, il sa-pore di finocchietto e arance che calava dalle montagne le entrava dal naso nella gola, e le pareva di bere, di bere la brezza come l’acqua da un albero bucato. In quei momenti, Carlotta chiudeva gli occhi e precipitava a valle come un pallone, inconsapevole di sé, del proprio corpo frangibile e dello sguardo esterrefatto della gente.Talvolta ancora, la mattina presto, quando il sole appena increspava le foglie intirizzite dell’olivarella, scossa dal suono della campana della chiesa, Carlotta usciva dalla casa dello Zio, e cominciava a zompare verso il paese, sempre più in alto, e infine, per le ultime poche spanne della strada, a volare a mezz’aria come fanno i banchi di pesci salterini, appesa a un gancio mobile benedetto dal Signore.
Il vecchio prete si era abituato a vederla entrare dalla finestra, a funzione iniziata, come fosse la luce degli angeli bruciata sui fedeli che intenti la guardavano.Quando al crepuscolo rientrava dallo Zio, Carlotta tendeva la vista al rosso del sole morente tra i monti, e se ne lasciava inebetire, gonfiando il petto sinché il respiro non si ficcava fino al fondo dei suoi piedi. La cognizione di altri luoghi, dove le strade non fossero trapanate dalle radici e sparse dei fiori in primavera, la eludeva, con tutte le sue sconfortanti conseguenze. La fuga, per lei, era solo quella, peraltro misteriosa, delle rondini d’inverno, o dei commessi che dopo gli acquazzoni andavano via a spacciare i porcini oltre la collina, per poi rientrare con qualche spiccio di denaro. Il nuovo mondo di Carlotta non richiedeva un transatlantico, ma cresceva spontaneo tra le erbacce del giardino, sotto lo sguardo attento di Zio Ciccio.

Troverai qui tutte le novità su questo libro

Commenti

  1. (proprietario verificato)

    Maria Cortese, si, il disagio c’è oltre l’esperienza della protagonista, emerge tra le righe come uno scatto non sviluppato: Carlotta è oltre quel disagio e lo richiama alla memoria come il fatto non narrato perché non c’e da narrarlo, non è mai il suo disagio: Carlotta, inintenzionalmente, risponde ad una domanda non non detta di confronto in maniera esemplare

  2. (proprietario verificato)

    Nipote mio, ho letto con vero piacere il tuo racconto. Ho sentito il disagio dell’adolescenza e l’ho vissuta leggendo “il turchino dei tuoi occhi”. Non posso che consigliarne la lettura.

  3. (proprietario verificato)

    È una strada nuova e percorribile, un invito a osare d’essere per salvarsi, una testimonianza per i lettori più giovani e un accorato invito a lasciare che sia per gli altri lettori. Lo consiglio vivamente ad entrambi

Aggiungere un Commento

Condividi
Tweet
WhatsApp
Lorenzo Maselli
nasce a Roma nel 1996 da famiglia calabrese. Dopo gli studi di linguistica a Padova e Pisa, si trasferisce dapprima a Parigi, poi a Gent, in Belgio, dove lavora attualmente a un dottorato di linguistica africana. L’incrocio di due mondi, sud Italia e Nordeuropa, è alla radice di Il turchino dei tuoi occhi, il suo primo romanzo.
Lorenzo Maselli on FacebookLorenzo Maselli on Instagram
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

Questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti per aiutarci a migliorare la tua esperienza di navigazione quando lo visiti. Proseguendo nella navigazione nel nostro sito web, acconsenti all’utilizzo dei cookie. Se vuoi saperne di più, leggi la nostra informativa sui cookie