Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

La cattedra rovesciata: un insolito anno scolastico

Svuota
Quantità

Un anno può cambiare tutto. Lilly Esposito, insegnante di italiano, lo scopre quando viene trasferita da un tranquillo liceo all’istituto Majorana, una scuola complessa, dove i ragazzi rispondono all’appello con un insulto perché non credono in nulla e degli adulti non si fidano.

In un anno scolastico molto particolare a cui Lilly, anche per motivi personali, arriva impreparata, ragazzi e insegnante capiranno insieme il valore della scuola e cercheranno di aiutarsi a ritrovare la fiducia in loro stessi. Per superare l’anno e conoscersi meglio, la protagonista si affida alla scrittura, che diventa testimone di un’intensa fase della sua vita scolastica e familiare.

Prologo

Il tempo ha un peso specifico, è fatto di carne, ossa, sangue, vene, respiri, emozioni. È concreto, liquido, scorre in fretta e noi non rallentiamo mai, presi da mille doveri e piaceri. Ma a volte ci sono degli accadimenti, delle esperienze che ci inchiodano e ci portano a fermare nero su bianco pensieri e immagini che fotografano un anno della nostra esistenza, allora il tempo si dilata e tutto quel che noi abbiamo fatto si potrebbe trasformare in una storia, unica, ma come tante, di quelle che custodisci in un diario col lucchetto aperto, una storia da raccontare, perché un anno è veramente lungo. Un anno tutto casa e scuola, il mio… o meglio, quasi tutto.

Continua a leggere

Continua a leggere

Estate

Nella mia città, l’estate inizia subito dopo l’apertura dell’uovo di Pasqua. Il sole di Cagliari spalanca le finestre di casa, inonda di luce le strade, ci ordina di toglierci le calze e di andare al mare con vestiti leggeri, a piedi nudi. Poi, piano piano, buttiamo via la giacchina del “non si sa mai che cambi il tempo” e ci ritroviamo in mutande e reggiseno a fare il bagno al Poetto, nell’acqua ghiacciata, che è l’unica che ci ricordi che siamo ancora in primavera e che l’estate inizia il 21 giugno.

Cena di fine anno

«Lilly, ci vediamo alle 21:00 al Villaggio dei pescatori.»

«Ti passo a prendere verso le 20.30?»

«D’accordo, Paola. Grazie!»

Così Paola, collega e amica, mi saluta al cellulare, dandomi appuntamento a stasera. Ora devo decidere la mise, non voglio essere fuori luogo, diciamo di una media eleganza, perché le cene di fine anno scolastico sono cene di media eleganza, poi vabbè c’è sempre qualcuna che esagera, sale sul tacco quindici o scende in infradito. Noi professori siamo una categoria un po’ bizzarra, c’è chi è avvezzo alle relazioni sociali esce e parla molto, e chi, invece, aspetta queste occasioni per vedere qualche anima. Le donne rispolverano qualche gioiello di famiglia, il brillantino con la fede e un vestito “buono”; gli uomini, i più carini, indossano Lacoste oppure camicia celeste con le maniche arrotolate e jeans, i peggiori calzano il mocassino comodo della bella stagione col calzino bianco corto o scarpe di tela senza calze, così il piede respira. Tutti, naturalmente, viaggiano in Panda perché, come dice un mio alunno, gli insegnanti si possono permettere solo la Panda e la Punto.

È un ristorante con ottimo rapporto qualità prezzo, quello che oggi ha scelto Eugenio, il ragioniere delle nostre tasche. Arrivo, menomale che c’è anche Roberto, con lui mi piace chiacchierare, senza nessun ombra di vanità, ma non ho il coraggio di chiedergli di sedersi vicino a me, al contrario di quei due che si accomoderanno vicini come a ogni cena: ci dev’essere del tenero. Ignazio mi sembra innamorato fradicio di Ombretta, la collega più desiderata dell’istituto, la classica donna che ama essere corteggiata, ma tutto finisce lì… ci sarebbe in sardo un’espressione molto efficace per esprimere il concetto, ma parlare sporco non sta bene per un’insegnante di cinquantatré anni.

Con l’abito rosso, gli orecchini antichi di nonna e le Chanel in vernice, a parte le spalle da nuotatore e le braccia troppo tornite, mi sento carina. Per fortuna sono capitata tra le mie colleghe preferite, quelle di scienze motorie e ho scampato il pericolo di sedermi a fianco alla dirigenza, perché con la mente torno tra i banchi di scuola e mi ricordo il disagio delle pizzate di fine anno, io, ragazzina sopra le righe tra professori severi. A dirla tutta, stasera non ho voglia di stare ingessata, ma spensierata, rilassata, “in pantofole”, tra amici, ho voglia di distrarmi, ne ho proprio bisogno.

Già dall’antipasto intravedo diverse intolleranze, vere, finte e non solo alimentari, perché la gente al ristorante è capricciosa, si lamenta, chiede, indaga, insomma, rompe.

«Scusi, cameriere, non è che può aumentare l’aria condizionata?»

E dopo un po’: «Non è che la può abbassare? Uffa, qui non ci sto! Dai, mi sposto, magari lì c’è più aria. Marina, posso sedermi vicino a te?».

«Mah, qui a fianco ci dovrebbe essere Luca…»

«Aveva detto che non sarebbe venuto!»

«Invece sta arrivando e, per evitare che si creino i soliti problemi delle cene con i commensali indecisi, che poi decidono all’ultimo momento, ho fatto apparecchiare qui, vicino a me, capotavola.»

Io mi lamento solo se la birra è calda o sgasata, ma stasera c’è vino della casa e mi sono limitata a chiedere se negli spaghetti allo scoglio ci fosse aglio; ma se penso a Veronica… prima chiede mozzarelline senza lattosio al cameriere che la guarda con gli occhi a palla, poi si abbuffa di focacce al formaggio e rosmarino, e così palesa le sue eterne contraddizioni, che in questo caso finiscono sul piatto, anzi in bocca.

Tra una pietanza e l’altra i tempi sono biblici, mi allontano dai colleghi che discutono solo di scuola e raggiungo le amiche di lettere che sparlano dei mariti. L’unica voce fuori dal coro è quella di Lorenza che sottolinea l’inossidabilità della sua unione d’argento, mentre Cristina, soprannominata suor Cristina, perché a quarant’anni è ancora illibata, si beve le sue parole in un calice di curiosità e sorpresa.

Finalmente portano il secondo, i vegetariani cercano nei vassoi di fritto misto tutto ciò che un’anima non ha, mentre gli unici due vegani, Laura e Filippo, ruminano le verdure grigliate facendoci sentire degli assassini. Laura, oltre a nutrirsi di semini, farro, grano ed erba varia, non si tinge i capelli, canuti da vent’anni, si muove solo a piedi o in bici, non guarda la televisione: è la mia antitesi. Io ho i colpi di sole, mi sposto in macchina, prendo l’ascensore, amo la carne al sangue, la birra, e mi rilasso davanti alla televisione.

Nel frattempo, mi è passata la fame, non sono abituata a stare tanto tempo seduta a tavola, così esco fuori a prendere una boccata d’aria, mi sistemo la gonna, ancora aderente al sedere, quadrettato paglia di Vienna. Mi raggiunge Olga, la segretaria. In questo periodo è giù e, sarà il vinello, sarà l’atmosfera delle cose che finiscono, ha la lingua sciolta e mi confida che suo figlio di diciassette anni verrà bocciato, ma la cosa che la preoccupa di più è la sua apatia, perché passa le giornate buttato sul divano a guardare il soffitto, in più ha un marito che non la vede: «Per mio marito sono meno di un soprammobile, è da otto mesi che non mi sfiora!».

Olga è triste, le sue parole hanno il colore dell’umiliazione. L’ascolto con attenzione, cerco di rassicurarla. Gigliola, la vicepreside, ci interrompe e ci intima con piglio deciso di rientrare per un brindisi. Olga mi sussurra all’orecchio di stare alla larga da lei, perché a scuola è un’ipocrita; entra in classe, firma e poi esce dall’aula per dedicarsi a progetti che portano soldi. Ha gli occhi a forma di dollaro, come zio Paperone, e la cosa grave è che boccia come una pazza. Quest’anno il preside ha dovuto arginare la rabbia di studenti e genitori che non riescono a capire come una docente, che è solita far tutto tranne che insegnare, possa permettersi di valutare.

Dopo il brindisi scatto una foto all’allegra compagnia; dalla regia i miei colleghi stasera mi sembrano belli, a colori, e non in bianco e nero come nelle mattine d’inverno in sala professori. Mi piacciono, non insegnano per dovere, ci ho lavorato bene, in sintonia e simpatia; mentre ho un’avversione istintiva per una tipologia d’insegnanti, incontrati qua e là nel corso dei miei ventisette anni di carriera: degli smile al contrario che trasudano miseria e squallore, perché fanno un lavoro che detestano, e mi fanno rimpiangere i docenti di una volta, coltissimi ed eleganti anche con l’eschimo. Non rimpiango, invece, le carogne del passato, che per fortuna sono in via d’estinzione.

Ciao, ciao, un bacio solo a qualcuno e con Paola e la sua Panda rossa, uguale alla mia, mi avvio a casa, appena soddisfatta della solita e piacevole serata.

Al rientro trovo i miei figli, ancora svegli; è l’una del mattino e questa giornata non ne vuole sapere di finire. Me ne vado a letto, prima di spegnere la luce, mi rivolgo a mio marito e gli dico: «È stata una bella serata, non ho pensato neanche un attimo a papà. In questa scuola ci sto proprio bene… però domani solo acqua».

«Dove siete stati? Cosa avete mangiato?»

Mio marito ha stranamente voglia di chiacchierare, non è ancora finita.

2022-05-07

Aggiornamento

La mia creatura esce ufficialmente il 26 maggio, ma alcuni di voi hanno già ricevuto e letto il libro. Ho deciso di raccogliere in questo album quelle che non sono solo recensioni, ma l'affetto che mi avete dimostrato prima, durante e dopo la lettura. Qui sono riportati solo alcuni dei messaggi, tutti gli altri, anche le parole che ci siamo scambiati al telefono, in corridoio o per altre vie, li porto nel cuore. 🥰 Ancora non ci credo!!! Trovate l'album in questo link ⤵ https://www.facebook.com/botti.capone/posts/4912346408814952
2021-09-09

Aggiornamento

Cari amici, finalmente ho raggiunto l'obiettivo e sono felice. Questo insolito percorso che ho intrapreso è stato accompagnato dall'entusiasmo dei più che hanno partecipato con calore. Ora rimangono un po' di copie da preordinare e dal 13 al 29 ottobre ci saranno dei forti sconti. Lo so, lo so, sembra di parlare di saponi, deodoranti, pasta e biscotti e qualcuno ha trovato assurdo che si possa pubblicizzare così un libro che è in gestazione. Ma in effetti il libro è pronto e dopo 5 anni di fatica, mi domando perché, visto che si pubblicizza di tutto, uno non possa promuovere qualcosa che potrebbe piacere? Anzi che è sicuro che piacerà? Comunque anche se nella promozione mi sono impegnata, nessuno è stato costretto a comprare, e chi non si è avvicinato a me in questo periodo, spero che in futuro lo faccia. Quindi non mi resta che augurarvi un pizzico di pazienza e Buona lettura! Ci vediamo in libreria! GRAZIE!
2021-07-07

Aggiornamento

Alle Serali. Entro per la prima volta in una classe dei corsi serali: sono tesa come una corda di violino, ma ho le gambe molli e il cuore nello stomaco, effetto vuoto. Fa ancora caldo, sono le diciotto, indosso un vestito bianco e celeste, con ballerine in tinta. Sono in anticipo, mi siedo e aspetto. Dopo poco arrivano, sono quasi tutti maschi e qualcuno ha ancora la tuta da lavoro. Hanno l’aria stanca. E io mi sento inadeguata e ridicola con le mie unghie smaltate da brava professorina preparata e diligente, in confronto le loro mani sono di chi si spacca la schiena. Hanno grandi borse, gli occhi assonnati e severi, il loro sguardo è di chi non ha tempo da perdere. Si accomodano educatamente, mi presento, e mi sento come un comico debuttante in un teatrino di periferia davanti a un pubblico esigente, che fischia e urla: “Dai facce rideee!”." da" La cattedra rovesciata"
2021-08-07

Aggiornamento

La campagna sta andando bene, mancano 85 giorni e 70 copie da vendere. Scopri quanto ci tieni al tuo libro, ogni qualvolta vedi scendere l'indice numerico delle copie da vendere, sto vivendo una sorta d'innamoramento, praticamente non penso ad altro. La frase del giorno tratta dalla mia creatura è :"alcuni mi fanno sorridere, la loro invidia è così palese che mi lusinga, poi ci sono i peggiori, che subdoli come un herpes, ti adulano e al contempo..." Sì perchè nel libro ci sono sette titoli di sette capitali, ops! capitoli
2021-02-07

Aggiornamento

Buongiorno cari, la campagna procede bene, dovrei vendere una copia al giorno per raggiungere l'obiettivo, perchè mi mancano 89 copie da vendere in 89 giorni. Sono fiduciosa! Ecco la frase del giorno tratta dalla mia creatura: La verità è che i professori coi figli sono più esigenti che con gli alunni, hanno meno pazienza, infatti le rare volte che mi sono seduta con loro a studiare, sono volate non poche zugate.
2021-06-29

Aggiornamento

Buongiorno a tutti, la campagna promozionale, a una settimana dal suo inizio, sta andando bene sono quasi al 50 % delle vendite. Non so voi, compagni di campagne crowdfunding, ma subentra una specie di frenesia ansiogena che ti porta a controllare spesso l'andamento dell'indice di gradimento, quando non ti si scatena un fastidio indicibile verso gli amici che non ti sostengono. Comunque bookabook ha pubblicato due libri che comprerò" Entro alla seconda ora" e l'altro è su Van Gogh. Per invogliare le persone ad avvicinarsi al mio libro, ho deciso di scrivere ogni giorno una frase tratta dalla mia creatura: "La cattedra rovesciata: un insolito anno scolastico": "Perchè le cene di fine anno scolastico sono cene di media eleganza, poi vabbè c'è sempre qualcuna che esagera, sale sul tacco quindici o scende in infradito. Noi professori siamo una categoria un po' bizzarra"

Commenti

  1. (proprietario verificato)

    Questo delizioso romanzo breve di Botti Capone, diverte per la sua arguzia scanzonata e commuove per la sua originale profondità. Un improvviso ‘ritorno all’inferno’ in una scuola sui generis dalla quale era scappata qualche anno addietro, una scuola catalizzatrice di alunni disastrati e di insegnanti fuori-classe ( nel bene e nel male ) che si intreccia con altri importanti momenti della vita dell’insegnante Lilli. Un annus horribilis ripercorso con umorismo intelligente che spinge il lettore a riconoscersi in molte esperienze della protagonista e a riflettere sulla modalità di approccio alle stesse. Mariti e figli, alunni e genitori, colleghi e financo badanti, appaiono in rapide sequenze e sono indagati con istintiva profondità e singolare sarcasmo affettuoso. Anche l’addio e il cambiamento benché insopportabili, appaiono più tollerabili perché leniti dal grande balsamo delle parole prese così tanto in prestito da Lilli ai grandi della cultura e restituite a tutti noi come comune proprietà delle anime.
    In ultimo, scoprire la realtà difficile e respingente di certi ambienti scolastici nei quali Lilli “Ha visto cose che noi umani …” , è al contempo testimonianza di molte ipocrisie del sistema scolastico italiano e di molto eroismo di certo corpo docente.
    Un sincero plauso all’autrice
    R.Gessa

  2. Botti Capone

    Felice per te, Botti Capone e per noi che potremo godere della tua sensibilità e creatività… Non vedo l’ora di leggerlo

  3. Botti Capone

    Giorno 30 della campagna crowdfunding che non è proprio una scampagnata. 📌
    Per una che da bambina non ha mai recitato neanche una poesia su una sedia con le mani intrecciate dietro la schiena, con dondolamento di bacino avanti e indietro alla presenza dei parenti riuniti per il Santo Natale, e che da adulta si paralizza davanti a un pubblico superiore alle quattro persone, direi che qualche progresso c’è stato; perché scrivere per poi pubblicare in crowdfunding può essere come girare nudi per le strade del centro… e in più alle volte è come chiedere:
    Ma mi guardi?
    Mi hai guardato bene?
    Ti piaccio? Ehi, dico a te!!!
    È proprio così , si crea una specie di transfert, diventi il libro che hai generato e esulti se qualcuno ti apprezza o entri nel buio più nero se gli altri non ti considerano, come quando nei sogni ci sei, ma nessuno ti vede.
    Comunque bando alle metafore e alle similitudini, posso dire col cuore in mano che sono felice, perché ce l’ho quasi fatta: in un mese ho venduto 160 copie, quindi grazie per avermi guardata e pure fischiata dietro, per avermi tolto, col vostro entusiasmo, quella sensazione tipica degli esordienti, di essere lì lì per perderci la faccia. 💕
    Al contrario, sempre grazie a voi, questo sentire si è trasformato in un bel coraggio, che ha il volto della mia fatica, della mia tenacia, ma anche della vostra fiducia, e della vostra generosità.
    GRAZIE 💝
    Per chi mi vuol rendere ancora più felice, questo è link per il preordine
    https://bookabook.it/…/la-cattedra-rovesciata-un…

  4. Botti Capone

    Chi scrive un libro, all’inizio, con un po’ di trepidazione lo fa leggere a qualche amico divoratore di libri, ipercritico, e oggi ho ricevuto il più bel complimento, che gli aspiranti scrittori come me, possano ricevere:
    -L’hai finito?
    – Sì e quasi mi dispiace! Mi è piaciuto moltissimo! Quando l’ho iniziato pensavo che potesse interessare solo agli insegnanti e invece no! E’ profondo, ma nello stesso tempo scanzonato, può piacere a un vasto pubblico. Ho già individuato delle persone che potrebbero apprezzarlo.
    -Daiii, sono felice😍

  5. Botti Capone

    Oggi faccio la figlia! 🌸
    Sì, perché il libro del quale vi parlo lo ha scritto mamma e io ne sono molto orgogliosa.

    Tra i miei contatti molti conoscono le (dis)avventure di Botti; più volte sono stata io stessa a raccontarvele, questa volta però lascerò che sia il suo libro a parlare per noi. 📓

    “La cattedra rovesciata: un insolito anno scolastico” è la storia di una professoressa che è stata alunna senza averlo mai dimenticato.

    ************************

    Il libro è in crowdfunding e preordinabile a questo link ⤵

  6. Botti Capone

    Un anno singolare, raccontato e affrontato da Botti Capone con la sua ironia che la contraddistingue.

    Una campanella, una riflessione, e tra una campanella e l’altra tutti abbiamo bisogno di farci una bella risata.

    ****************

    🖋️ Il romanzo “La cattedra rovesciata: un insolito anno scolastico” è finalmente preordinabile 🤩

  7. Botti Capone

    Allora???

    Avete dato uno sguardo alla presentazione e all’anteprima del libro
    “La cattedra rovesciata” di Botti Capone ?

    Vi intriga? E questo è niente, quando l’avrete letto mi ringrazierete per la ripetuta segnalazione 🤗

    E dunque, prenotate gente, prenotate 📚📖🔖

  8. Botti Capone

    Una cara amica, che è, tra le altre cose, anche una brava insegnante, ha scritto un libro. Un romanzo sulla scuola, e non solo. Ho letto l’anteprima, e mi è piaciuta. L’unico problema sarà dover aspettare a marzo per poter leggerlo tutto.
    Mi è piaciuto questo suo raccontare leggero e vagante, per dirla con il poeta. Dietro c’è sicuramente tanto lavoro, ma la leggerezza (nel senso calviniano del termine) resta.
    E c’è anche il piacere di scrivere.
    E per la sottoscritta, che ha sempre partorito (se si escludono gli esperimenti poetici in gioventù) solo saggi, articoli, relazioni di allestimento, schede di catalogo, lavorando negli archivi, sulle fonti, e le fonti orali, e le note a piè di pagina e quale fotografia inserire perché più di quattro non fa e, mi raccomando! minimo 10 cartelle, e gli abstract in lingua inglese, insomma, tutte cose abbastanza grevi e pesanti… questa è una cosa bellissima.

    Il libro si intitola: “La cattedra rovesciata – Un insolito anno scolastico”, l’autrice è Botti Capone.

  9. Botti Capone

    Botti Capone ha finalmente, dopo ripetuti nostri inviti, scritto il suo primo libro! Ho sempre adorato leggere tutto ciò che scrive, anche le “minchiatine” dei suoi post, ed è un incanto anche semplicemente sentirla raccontare il suo modo di fare la spesa. È un onore averla come allieva nel mio corso di danza, e come amica non posso fare altro che essere fiera di lei!

Aggiungere un Commento

Condividi su facebook
Condividi
Condividi su twitter
Tweet
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Maria Bonaria Capone
è nata nel 1964 a Cagliari, dove tuttora vive e lavora. È sposata e ha tre figli. Laureata in Lettere moderne nel 1987, nello stesso anno entra nel mondo della scuola e attualmente insegna in un istituto d’istruzione superiore. Quando smette i panni di professoressa si dedica alla pittura e alla danza orientale, ma la sua più grande passione è la lettura. "La cattedra rovesciata" è il suo romanzo d’esordio, un’opera ispirata alla sua esperienza personale e professionale.
Maria Bonaria Capone on Facebook
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

Questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti per aiutarci a migliorare la tua esperienza di navigazione quando lo visiti. Proseguendo nella navigazione nel nostro sito web, acconsenti all’utilizzo dei cookie. Se vuoi saperne di più, leggi la nostra informativa sui cookie