Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

Oblio blu

Svuota
Quantità

In varie realtà parallele si svolgono le vite diverse della stessa anima: ora bambino, ora uomo, ora artista, ora angelo o assassino. Vite interconnesse e diverse al tempo stesso. Dove nascono momenti a volte leggeri, felici, a volte ambigui, infedeli, a volte struggenti, bizzarri, a volte imprevedibili, tragicomici. Eppure qualcosa: un luogo, un’intuizione, un paesaggio interiore o esteriore, un gesto, un amico comune sembra avvicinare queste vite, comprenderle, forse…

KUE

1 − Il bambino e la spiaggia

“Fuoco brucia, cammina dentro me.”

Guardando il cielo, il sole si era come dilatato, un attimo prima di implodere.

Come in un boato, in uno spiraglio, la voce del suo corpo si era aperta, manifestando altri ingressi, altri colori nascosti, la sua forma nuova, una luce dai contorni rosso fiamma. Il cielo di riflesso si era ristretto, si era sentito mancare la terra sotto i piedi e, sia pure per un attimo, aveva creduto di precipitare.

Il bambino, aperti gli occhi, si era ritrovato disteso sulla terra, in parte coperto dalla sabbia. Le onde gli toccavano appena le caviglie, ricoprendone l’ombra.

Continua a leggere

Un granchio, a poca distanza, sembrava guardarlo stranito, muovendo le chele prima di passargli accanto. Kue, questo il nome del bambino, provò a sentire se tutte le parti del corpo rispondevano ai comandi. Partì dalle piccole dita dei piedi. Le mosse una a una. Il primo: l’alluce. Poi il secondo, il terzo e il quarto dito, il quinto, per passare poi alle caviglie, ai polpacci, le ginocchia, le gambe, il bacino, i muscoli dell’addome. Provò a sentire pure quelle interne, le viscere. Quindi i polmoni, le braccia, le mani, la schiena, il tronco, la colonna, il collo, tutti i piccoli e grandi muscoli del viso, il mento, le labbra, i denti, la lingua, il naso, le orecchie, gli zigomi, gli occhi, la fronte e infine l’attaccatura del cuoio capelluto. Così gli era stato insegnato, fin da piccolo, dai suoi genitori. 

Un’espressione cupa si dipinse sui suoi occhi a quel pensiero. Dov’erano finiti, si erano salvati? 

Kue provò a rimettere in sesto i suoi ultimi ricordi prima che la navicella venisse inghiottita dalle fiamme. 

I suoi occhi si erano fermati in un punto. Erano rimasti fissi in quelli della madre, il momento prima che perdesse conoscenza. Dentro vi erano passati flotte, costellazioni di emozioni, di sentimenti, sospesi nello spazio. L’appartenenza a una stessa specie, gli stessi cromosomi, lo stesso sangue che come polvere attraversava le stesse cellule. Un amore ingenuo, capace, feroce, dolcissimo. 

Il ricordo della sua voce, una voce antica, sola, dimenticata, che proveniva dall’Essenza, dalla sua anima, dalla parte più sconosciuta. Diceva: “Fuoco brucia, cammina dentro me.” Poi più nulla, il vuoto. 

Non ricordava più nulla; silenzio. Kue si alzò sulla schiena, tenendosi per le mani e rimase lì seduto sulla sponda del mare, guardando l’oceano. Vi rimase parecchie ore.

2 − L’isola

Il mare era calmo, le onde avanzavano lente, quasi timide, ma regolarmente accarezzando i fianchi distesi della battigia, prima di tirarsi indietro. Con un bastoncino di legno, Kue disegnava strane figure in terra. Erano i simboli della civiltà da cui proveniva. Vi era una grande piramide rovesciata che pendeva dal cielo e la cui punta sfiorava una serie di linee che indicavano il mare. Quando si decise ad alzarsi era già l’imbrunire. Il sole gradualmente scendeva dietro l’orizzonte, salutando il nuovo arrivato, prima di eclissarsi. Compariva allora una strada sull’azzurro, fatta di luci che brillavano dello stesso colore, per chi desiderava raggiungerlo. Una schiera di gabbiani faceva la posta sulla riva. Le loro grida riempivano lo spazio, rendendolo vivo. A turno prendevano la rincorsa prima di alzarsi in volo. Alcuni disegnavano un’ampia ellisse nel cielo per poi atterrare poco più lontano, altri si lanciavano in una direzione, lasciandosi dimenticare, altri ancora si posavano sulle acque dopo averle sorvolate radenti, alcuni infine prendevano il largo, fino a diventare puntini nel cielo. 

L’attenzione di Kue si fermò su questi ultimi. Cosa vedevano? 

Allora si tolse i vestiti, entrò in acqua, fece un lungo respiro e si tuffò dentro il mare, cominciando a nuotare in quella direzione. La sua mente era calma, lì sotto. Il corpo nell’acqua sembrava essersi perfettamente adattato, l’aria scorreva regolarmente nei polmoni. Nuotava velocemente, utilizzando le gambe unite come fossero la coda di un delfino e i piedi le pinne. Le braccia le teneva poggiate ai fianchi e a volte le portava davanti per sfiorare la sabbia, sentendone il contatto con la pelle e lasciandosi alle spalle una lunghissima scia. I suoi occhi potevano vedere chiaramente il fondale e tutto ciò che era lì contenuto. 

I pesci, per nulla sorpresi, gli si affiancavano e gli giravano attorno, per sentirne l’odore e seguirne la stessa scia. Aveva già percorso un chilometro nell’arco di pochi minuti quando riemerse e, girandosi, vide l’isola. 

Dal punto in cui l’osservava, questa appariva come un maestoso gigante disteso in terra, sulla soffice sabbia, la cui testa veniva nascosta dalle nubi. Una ricca e folta vegetazione ne copriva il corpo, come la pelle di un animale selvatico. Sul lato occidentale, dalla montagna si staccava un enorme sperone di roccia, dalla forma di una clava, su cui era poggiata la spalla del gigante. Sul lato orientale, la montagna cominciava la sua lunga e ripida discesa fino agli scogli che spuntavano dal mare come fossero dita di un piede. Kue, di fronte a tanta bellezza e a tale maestosità, si sentì piccolo piccolo e provò ammirazione. Sentiva che da quel momento in poi quella sarebbe stata la sua casa, il suo nuovo mondo e, se chiudeva gli occhi, ne poteva sentire il cuore pulsare, insieme alle molteplici voci della natura al suo interno.

3 − Il sogno nella foresta

Il sole alle spalle di Kue era già scomparso. La luna dall’alto osservava la scena, nascosta dietro un velo di nubi. I colori dell’arancio stavano lasciando il posto al verde scuro e al grigio del mare. Giusto qualche nuvola all’orizzonte conservava ancora un po’ di quell’ultimo chiarore. Kue, nuotando adagio, si ritirava verso la riva. La temperatura si andava abbassando, la sabbia cominciava a essere umida e, anche se la sua pelle ne era abituata, voleva trovare un posto dove ripararsi e dormire.

Gli alberi più vicini alla spiaggia erano senza fronde. Si vedevano una miriade di fuscelli, rami e rametti sparpagliati sulla sabbia. Bianchi come cadaveri, mostravano il loro scheletro in tutta la loro altezza. Facevano un po’ impressione. Sembravano pirati scampati a una cruenta battaglia che, fuggendo impauriti, erano giunti alla spiaggia ormai allo stremo delle forze e lì avevano incontrato qualcosa che li aveva pietrificati, aveva tolto loro la speranza, rinsecchendoli e spogliandoli dei loro abiti, un pezzo alla volta. Subito dietro, le ombre vive della foresta aprivano oscuri nascondigli, quasi fatti apposta per essere esplorati. 

Le palme, con i tronchi che le formavano come un esercito compatto, si muovevano al soffiare del vento, cambiando forma al gigante. Kue mosse i primi passi lì dentro. Non aveva paura. Ma non sapeva cosa aspettarsi e quali difficoltà si sarebbero presentate. Era l’istinto a guidarlo, a spingerlo avanti. Si guardava intorno, cercando tra gli alberi un giaciglio, un posto al sicuro o qualcosa che potesse servirgli o in qualche modo proteggerlo, ma in quella oscurità si riusciva a vedere poco o niente. 

Allora raccolse dei ramoscelli posti in terra, con ancora delle foglie attaccate. Ne fece un tappeto. Altri ancora se li tirò sopra, finché ne venne coperto. Come una crisalide giaceva nel suo guscio. Si strinse le ginocchia al petto e lentamente scomparve.

C’era suo padre sdraiato supino sul letto. Gli chiedeva se era capace di fargli un massaggio alla schiena. Kue, inorgoglito, gli diceva: “Non lo sai che ne ho appreso l’arte?” e cominciava a spargere l’olio, eseguendo delle frizioni lineari con i pollici ai lati della colonna, dal sacro fino alla cervice. Vide le dita delle mani, leggermente gonfie, e una a una cominciò a spremerle e da ognuna di esse fuoriusciva un liquido di colore diverso: arancio, giallo, blu, verde, indaco, come se lo drenasse, e sentiva che le mani stavano meglio.

Poi si ritrovò su una barca che attraversava un fiume e sopra vi era una ballerina vestita da regina. Era la regina dello spettacolo. Portava i capelli biondi a caschetto. Di lei s’era innamorato da piccolo, la prima volta che l’aveva veduta a corte, durante una rappresentazione teatrale, e solo adesso il loro amore veniva consacrato dal Dio fiume. 

Due abili servitori posti a poppa e a prua con i lunghi remi spingevano la barca, accompagnandoli nella visita turistica. Le sponde del fiume erano ricche di vegetazione e di uccelli variopinti, dai becchi neri, lunghi e acuminati e le grandi ali bianche, verdi e azzurre. Kue una volta ne aveva visto immolare uno dai sacerdoti. Ora invece facevano da cornice al corteo nuziale e legati a dei fili sollevavano per aria l’imbarcazione portandoli lontano, sempre più lontano, oltre la cornice. 

Kue e la sua regina si voltarono e guardarono verso il basso, salutando con la mano la folla e il padre e la madre abbracciati.

2021-05-06

Evento

Instagram Amici cari, giovedì 6 Maggio, alle ore 19 faremo una diretta Instagram con due amici scrittori per presentare i nostri libri, che partecipano alla campagna di lancio con la Casa Editrice: Bookabook. Vi invio i link diretti ai libri e il video di prova alla diretta. Se vi piace leggere e siete incuriositi o volete conoscere gli autori, partecipate. https://bookabook.it/libri/oblio-blu/ di Boris Gagliardi https://bookabook.it/libri/intimatica/ di Alessandro Perriello https://bookabook.it/libri/la-memoria-dello-scorpione/ di Pamela Nardini e Federica Innocenti
2021-03-19

https://orticasocial.it/dentista-nella-vita-scrittore-per-passione-boris-gagliardi-lancia-il-suo-ultimo-libro-oblio-una-storia-frutto-dellimmaginazione

Dentista nella vita, scrittore per passione. Boris Gagliardi lancia il suo ultimo libro: Oblio blu, una storia frutto dell’immaginazione https://orticasocial.it/dentista-nella-vita-scrittore-per-passione-boris-gagliardi-lancia-il-suo-ultimo-libro-oblio-una-storia-frutto-dellimmaginazione

Commenti

  1. Boris Gagliardi

    “Oblio Blu”, l’ultimo libro di Boris Gagliardi
    “Aveva paura ma poi guardava gli occhi di Marcel e vi vedeva il suo cielo riflesso”.
    L’oblio è una “dimenticanza”. Non un fatto momentaneo, derivante da distrazione o da un difetto di memoria. È uno stato più o meno duraturo: quasi una scomparsa o una sospensione dal ricordo.
    Il blu è il colore del mare, della profondità, del senso di libertà.
    Così si presenta al lettore l’ultimo libro di Boris Gagliardi. Con un titolo fortemente evocativo che richiama quello che ognuno di noi almeno una volta nella vita ha vissuto: lo smarrimento, appunto la “sospensione” dal ricordo di noi stessi, di quello che siamo e di ciò che vorremmo realizzare.
    Un senso di “vuoto” colorato dall’autore di blu, quasi ad indicare la via da seguire, che ci suggerisce di andare a fondo, di mantenere – nella ricerca – la nostra libertà e di continuare a respirare.
    “Oblio blu” risponde a questo bisogno di ritrovarsi, con cura, leggerezza e delicatezza.
    Accompagna il lettore attraverso le storie di diversi personaggi. Ogni personaggio viene disegnato in “un momento del suo percorso personale”.
    Storie apparentemente slegate, ma in realtà interconnesse. Racconti di amori, di amicizie, di mancanze, di difficoltà, di interrogativi irrisolti, dove traspare quel qualcosa: un attimo, un incontro, un’espressione, un’emozione, una “connessione”, una canzone, un paesaggio.
    È un libro in movimento – continuo – che ha il pregio di farti notare quel particolare che nella quotidianità ti scorre davanti in maniera quasi impercettibile. Ti fotografa quell’istante, lo imprime nella tua mente, ti consente di ritrovarlo e ti dà una risposta. Senza alcuna pretesa, senza nessun giudizio.
    Oblio blu è nato da un sogno del suo autore, è “frutto della sua immaginazione”: “I personaggi esistevano in me, erano lasciati in disparte, ognuno per conto proprio”.
    E noi sogniamo insieme a lui.

    Giulia

Aggiungere un Commento

Condividi su facebook
Condividi
Condividi su twitter
Tweet
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Boris Gagliardi
È nato a Lamezia Terme (CZ) il 5 ottobre del 1972. Dopo gli studi classici si è laureato all’Università di Perugia in Odontoiatria. Attualmente vive a Roma e pratica la libera professione. Il suo amore per la conoscenza e la formazione lo ha spinto a cimentarsi in differenti Arti e Scienze. È medico odontoiatra, shiatsuca, attore di teatro, poeta. Ha scritto: “La Gioia” (Ed. Progetto Cultura, 2015), “L’uomo vivo“ (Ed. Herkules Books, 2017).
Boris Gagliardi on FacebookBoris Gagliardi on InstagramBoris Gagliardi on Wordpress
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

Questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti per aiutarci a migliorare la tua esperienza di navigazione quando lo visiti. Proseguendo nella navigazione nel nostro sito web, acconsenti all’utilizzo dei cookie. Se vuoi saperne di più, leggi la nostra informativa sui cookie